Ven. Giu 14th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

I ministri del Regno Unito non hanno consultato Network Rail prima di svelare una serie di proposte di piani di trasporto da 36 miliardi di sterline per sostituire la tratta settentrionale della linea ad alta velocità HS2.

Il primo ministro Rishi Sunak ha presentato questo mese il piano “Network North” alla conferenza del partito conservatore in sostituzione della costruzione della seconda fase di HS2. Il governo lo definì il piano più ambizioso mai elaborato per i trasporti nel nord dell’Inghilterra.

Ma i ministri non hanno parlato con l’ente pubblico responsabile delle infrastrutture ferroviarie prima dell’annuncio di Sunak, secondo diverse persone a conoscenza della questione.

Network Rail possiede e gestisce la rete ferroviaria del Regno Unito. È responsabile del potenziamento delle attuali linee ferroviarie e della pianificazione a lungo termine per modellare le future decisioni di investimento.

Sta lavorando a progetti per migliorare i collegamenti nel nord dell’Inghilterra, compreso il potenziamento multimiliardario della rotta Transpennine tra Manchester e York.

In una risposta scritta a una domanda posta in parlamento dal partito laburista d’opposizione, il ministro delle Ferrovie Huw Merriman ha affermato che “in seguito all’annuncio” di Network North il 4 ottobre, il governo stava parlando con Network Rail “e con gli altri nostri partner di consegna, per perfezionare i nostri progetti”.

Sunak ha definito il suo piano di trasporto in sostituzione della tratta da Birmingham a Manchester dell’HS2, dopo che il progetto è stato afflitto da ritardi e superamento dei costi. Le domande sul futuro del collegamento ad alta velocità hanno dominato il dibattito politico nazionale per diverse settimane prima del suo annuncio, che ha suscitato la reazione dei gruppi imprenditoriali.

Ha detto che la decisione di incanalare la futura spesa per i trasporti da HS2 a programmi locali “farebbe davvero la differenza in tutta la nazione” e rifletterebbe meglio le priorità degli elettori.

“Questo è il modo giusto per diffondere crescita e opportunità”, ha detto Sunak durante la conferenza, sottolineando che metà dell’investimento sarebbe nel nord dell’Inghilterra, che storicamente ha sofferto di scarsi collegamenti di trasporto.

Ha aggiunto che HS2 era “l’ultimo esempio” di un vecchio consenso che non rappresentava più un buon rapporto qualità-prezzo.

Molti dei progetti di sostituzione delineati nell’ambito della Rete Nord riguardavano ammodernamenti ferroviari, compresi progetti di elettrificazione e la riapertura di linee chiuse decenni fa.

Parti di quel piano iniziarono a svelarsi nel giro di poche ore, poiché emerse che una serie di piani erano stati pubblicati per errore, alcuni già esistevano e altri erano stati promessi in precedenza ma non si erano mai materializzati.

La segretaria dei trasporti ombra Louise Haigh ha definito la politica un “piano di fantasia”.

“Il pubblico merita di meglio di questa caotica lista dei desideri di piani mal realizzati”, ha detto. “Non c’è da stupirsi che queste proposte raffazzonate abbiano impiegato 24 ore per crollare, senza nemmeno consultare gli esperti del settore”.

Da quando Sunak ha annunciato questa politica, il governo ha affermato che dovrà approvare i singoli casi aziendali presentati da tutti i progetti elencati in Network North, sollevando preoccupazioni sul fatto che alcuni potrebbero non essere mai realizzati.

Il governo ha affermato che sta “reinvestendo ogni centesimo dei 36 miliardi di sterline risparmiati da HS2 che. . . realizzerà centinaia di progetti nelle Midlands, nel nord e in tutto il paese”.

“Stiamo lavorando a stretto contatto con Network Rail e altri partner per contribuire a realizzare questo obiettivo”, ha aggiunto.

Network Rail ha dichiarato: “Continuiamo a collaborare con il Dipartimento dei trasporti per perfezionare i futuri piani di investimento ferroviario”.