Ven. Mar 1st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Sono emerse notizie terribili di stupri e aggressioni sessuali presumibilmente perpetrati da Hamas durante l’attacco contro Israele del 7 ottobre. Ma oltre alla semplice condanna degli attacchi, dobbiamo considerare quali azioni possiamo intraprendere per ottenere giustizia per i sopravvissuti alla violenza sessuale legata al conflitto in tutto il mondo. .

I resoconti provenienti da Israele fanno parte di un quadro molto più ampio. In Sudan, secondo quanto riferito, la violenza sessuale si sarebbe diffusa da aprile. Donne del gruppo etnico Masalit – bersaglio del genocidio del Darfur 20 anni fa – descrivono presunti stupri di gruppo e schiavitù sessuale per mano delle Rapid Support Forces, la forza paramilitare araba nata dalle milizie Janjaweed e che ora combatte per il controllo del Paese. Una donna di 19 anni è stata trattenuta per tre giorni e ripetutamente violentata da diversi combattenti. Ora si trova in un campo profughi ed è responsabile dei suoi cinque fratelli più piccoli dopo che i suoi genitori sono stati uccisi.

In Myanmar, si ritiene che la maggior parte degli alti comandanti dell’esercito – compresi i generali ora ai vertici del governo – abbiano comandato forze responsabili di crimini tra cui stupri, torture, omicidi e sparizioni forzate, prendendo di mira i Rohingya in una campagna di pulizia etnica e genocidio. Si stima che nella Repubblica Democratica del Congo centinaia di migliaia di donne siano state violentate da gruppi armati negli ultimi 25 anni. Questi sono solo tre dei 17 paesi in cui nell’ultimo anno si è verificata la violenza sessuale legata ai conflitti.

Ogni caso mostra uno schema simile: le accuse emergono lentamente, le autorità locali sono impreparate e non hanno le competenze per rispondere in modo appropriato. I sopravvissuti non ricevono il sostegno che meritano. Le possibilità di giustizia svaniscono con il passare del tempo, anche se il mondo si affretta a fornire risposte investigative. Nel mio paese natale, la Bosnia ed Erzegovina, si stima che decine di migliaia di donne siano state violentate durante la guerra degli anni ’90, molte delle quali in campi militari allestiti a tale scopo. Trent’anni dopo, c’è stata meno di una condanna ogni 100 aggressioni sessuali, con condanne spesso brevi e ordini di risarcimento raramente eseguiti.

La violenza sessuale è un crimine difficile da indagare. I sopravvissuti affrontano lo stigma e in genere necessitano di supporto specialistico che li aiuti a condividere la loro testimonianza. Esiste il rischio reale che interviste e indagini ripetute servano a ritraumatizzare le persone, piuttosto che ad avvicinare la giustizia.

Negli ultimi dieci anni, standard come il Codice Murad, sviluppato con il sostegno del premio Nobel per la pace Nadia Murad, hanno contribuito a creare un quadro per una giustizia incentrata sui sopravvissuti. Ma i procedimenti giudiziari di successo sono ancora estremamente rari. Come ha avvertito l’ONU nel suo rapporto annuale del 2022 sull’argomento, “l’impunità è rimasta la norma” – con “effetti incoraggianti” per i responsabili. In molti conflitti esiste un divario di responsabilità, in cui nessuno è disposto o in grado di perseguire la responsabilità per la violenza sessuale legata al conflitto – sia perché è perpetrata dallo Stato sia perché lo Stato non ha capacità, o a causa dello stigma legato alla violenza sessuale e di genere. violenza basata. I meccanismi investigativi esistenti sono spesso ad hoc, istituiti mesi dopo l’inizio delle atrocità, quando ormai gran parte delle prove sono state corrotte o perse.

In linea di principio è facile condannare questi crimini, come molti hanno fatto per i casi di violenza sessuale commessi dalle truppe russe in Ucraina lo scorso anno. Ma questo dovrebbe essere solo l’inizio di una risposta, non la fine. La domanda per i governi deve essere: “Cosa possiamo fare di più?”

Una possibile risposta potrebbe essere quella di istituire una nuova commissione internazionale permanente sulla violenza sessuale legata ai conflitti, che funga da centro di conoscenze e competenze su come indagare su questo crimine. Potrebbe offrire supporto in un attimo per rafforzare la capacità investigativa esistente e aiutare a raccogliere prove. In quanto organismo permanente, imparerebbe e migliorerebbe da ogni situazione, sviluppando competenze nel tempo.

Un nuovo organismo dovrebbe essere apolitico, distaccato dal rancore e dalle divisioni che ostacolano tanta cooperazione internazionale e hanno ostacolato il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Potrebbe collaborare con altre organizzazioni, dai governi nazionali alle missioni conoscitive delle Nazioni Unite e alla Corte penale internazionale, fornendo le competenze necessarie per migliorare le loro indagini.

Mentre riflettiamo su come rispondere al meglio agli orrori del 7 ottobre, migliorare la risposta alla violenza sessuale legata al conflitto – in Israele e nel mondo – direbbe di più sul nostro impegno nei confronti dei sopravvissuti e della giustizia che semplicemente esprimere la nostra indignazione.