Ven. Mar 1st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Le prospettive della Fed sosterranno le speranze degli investitori di tagliare i tassi?

Non ci sono aspettative di un movimento dei tassi di interesse durante la riunione di due giorni della Federal Reserve, che si concluderà mercoledì, ma rimangono grandi domande su ciò che la banca centrale più influente del mondo farà l’anno prossimo.

Oltre alla dichiarazione post-riunione, la Fed pubblicherà proiezioni economiche aggiornate, incluso il suo “dot plot” trimestrale che mostra dove i membri del suo comitato di fissazione dei tassi si aspettano che i tassi siano nel tempo.

Dopo gli ultimi dati pubblicati dalla Fed a settembre, azioni e obbligazioni hanno registrato un rally sulla scia delle aspettative secondo cui un indebolimento dell’economia e un rallentamento dell’inflazione consentirebbero alla banca centrale di tagliare i tassi, potenzialmente già a marzo.

Tuttavia, i dati inaspettatamente positivi sull’occupazione statunitense di venerdì hanno spinto i trader a ridimensionare le scommesse sul taglio dei tassi poiché un’economia più forte con una maggiore occupazione darebbe probabilmente alla Fed motivo di ritardare qualsiasi allentamento monetario. Dopo i dati, i mercati dei futures hanno suggerito che un taglio dei tassi sarebbe arrivato entro maggio, ma che le probabilità per una mossa anticipata alla riunione di marzo della Fed si erano ridotte al 50% rispetto a una probabilità di circa due terzi del giorno prima.

“Ci aspettiamo che i politici resisteranno a parlare di tagli dei tassi fino all’inizio del 2024”, ha affermato Lydia Boussour, economista senior di EY. “La resistenza del mercato del lavoro porterà i funzionari della Fed a mantenere alcune opzioni per futuri rialzi dei tassi, se necessario”.

La riunione della Fed è ulteriormente complicata per gli investitori dalla pubblicazione martedì dei dati sull’inflazione dei prezzi al consumo per novembre. Si prevede che gli aumenti dei prezzi si siano raffreddati al 3,1% su base annua dal 3,2% di ottobre e segnali di allentamento dell’inflazione darebbero una spinta agli investitori che sperano in tagli dei tassi prima delle notizie della Fed di mercoledì. Jennifer Hughes

La Banca d’Inghilterra respingerà le scommesse su tassi più bassi?

Si prevede che anche la Banca d’Inghilterra rimarrà in sospeso quando si riunirà giovedì, mantenendo i tassi di interesse al 5,25% per la terza riunione consecutiva. Ma come nel caso della Fed, gli investitori cercheranno suggerimenti sul ritmo dei tagli dei tassi nel 2024.

Dalla riunione della BoE di novembre, gli operatori hanno aumentato le loro scommesse sui tagli dei tassi per il prossimo anno, incoraggiati da un tasso di inflazione annuale inferiore alle attese pari al 4,6% per ottobre.

I mercati stanno ora scontando tre o quattro tagli dei tassi da 0,25 punti percentuali nel 2024 e i rendimenti sul debito di riferimento del Regno Unito sono scesi di circa mezzo punto percentuale dalla riunione della BoE di novembre. Gli economisti sostengono che i funzionari potrebbero respingere le ultime mosse per evitare che le condizioni finanziarie si allentino troppo presto.

Nonostante il recente calo dell’inflazione, l’indice di fondo, che esclude la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici, è stato pari al 5,7% nell’anno terminato fino a ottobre, mentre l’inflazione dei servizi, considerata un indicatore forte delle pressioni sui prezzi interni, è stata pari al 6,6%, entrambi di gran lunga superiori l’obiettivo del 2% del Regno Unito.

Alla fine del mese scorso il governatore della BoE Andrew Bailey ha affermato di ritenere che i mercati stiano “sottovalutando” il rischio di un’inflazione persistente e ha sottolineato che prevede di mantenere i tassi elevati per un lungo periodo di tempo.

Sanjay Raja di Deutsche Bank ha affermato che l’MPC “molto probabilmente manterrà il suo orientamento restrittivo, ribadendo al tempo stesso il messaggio ‘più alto per più tempo’ secondo cui i tassi dovranno rimanere ‘sufficientemente restrittivi per un periodo sufficientemente lungo'”, con il rischio di “respingimenti più espliciti contro il mercato”. prezzi”. Mary McDougall

Lagarde è a suo agio con i prezzi accomodanti della Bce?

La Banca Centrale Europea si trova in una posizione simile a quella delle sue controparti statunitensi e britanniche, con gli operatori che hanno scontato tagli dei tassi fino a cinque quarti di punto entro la fine del prossimo anno dopo un calo maggiore del previsto dell’inflazione dell’Eurozona lo scorso mese.

Il calo dal 2,9% di ottobre al 2,4% di novembre, il ritmo più lento da luglio 2021, ha spinto uno dei tassisti più aggressivi della BCE, Isabel Schnabel, ad affermare che ulteriori aumenti dei tassi sono “piuttosto improbabili”.

Con la previsione che la banca centrale lascerà i tassi invariati al 4% quando si riunirà giovedì, Christine Lagarde dovrà decidere se sostenere il messaggio accomodante del suo collega.

I mercati stanno ora scommettendo su un primo taglio dei tassi a marzo o aprile, anche se l’inflazione core, che esclude la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici, rimane ben al di sopra dell’obiettivo del 2% della BCE, pari al 3,6%.

I commenti di Schnabel, in particolare, hanno alimentato l’ultima ondata di ottimismo sulle prospettive dei tassi. Altri pensano che i mercati potrebbero aver superato se stessi.

“Sono rimasto davvero sorpreso dalla mancanza di resistenze” da parte dei decisori dei tassi, ha affermato Michael Metcalfe, responsabile della strategia macro di State Street. “Hanno capitolato completamente di fronte a una manciata di rilasci di dati.”

Bas van Geffen, macro stratega senior presso Rabobank, ha affermato che la traiettoria implicita dei tassi ufficiali nel 2024 “non è impossibile” ma sembra “molto esagerata” dato che l’ultimo indice dei responsabili degli acquisti ha mostrato un forte aumento dei prezzi dei fattori produttivi per le imprese.

“Escludendo una grave recessione economica, il rischio di un rimbalzo dell’inflazione significa che la BCE non può agire troppo affrettatamente”, ha affermato van Geffen. George Steer