Ven. Apr 19th, 2024
Rientrare nell’UE resta un sogno molto lontano

Questi dovrebbero essere tempi esaltanti per gli europeisti del Regno Unito. I sondaggi d’opinione mostrano ora espressioni chiare e coerenti di rammarico per il fatto che il Paese abbia lasciato l’UE. Alcuni addirittura suggeriscono una maggioranza per il rientro. I Leaver hanno quasi rinunciato a discuterne i meriti, ripiegando sul vecchio detto secondo cui “la vera Brexit non è stata ancora sperimentata”. La diga è crollata. Sicuramente, quindi, è solo questione di tempo prima che la campagna per correggere questo errore storico abbia inizio sul serio.

Eppure, ad eccezione del SNP in Scozia, nessuno dei principali partiti di opposizione mostra il coraggio delle proprie convinzioni precedenti. Nei prossimi congressi del partito si discuterà meno delle tasse automobilistiche. Mentre ad alcuni elettori laburisti piace immaginare il ritorno al mercato unico come programma di secondo mandato per un Keir Starmer trionfalmente rieletto, la triste verità per gli europeisti britannici è che un ritorno significativo nell’orbita dell’UE è lontano, nella migliore delle ipotesi, decenni. Per i partiti del Remain in Gran Bretagna si parla di miglioramento delle relazioni, di un migliore accordo commerciale, forse della creazione di un vertice regolare UE-Regno Unito, di visti per i giovani e di un maggiore allineamento normativo: non è uno dei grandi gridi di battaglia del mondo. Nella misura in cui la Brexit sarà una questione elettorale, il dibattito verte su come farla funzionare.

Rientrare nel mercato unico o nell’unione doganale non rientra nell’agenda principale. Per quanto riguarda l’adesione a pieno titolo, piace anche agli europeisti più convinti Tony Blair vedere questo a generazioni di distanza.

La cautela è giustificata. Innanzitutto non ci si può fidare dei sondaggi. Molti di più un sondaggio drammatico porta a ricongiungersi hanno escluso non si sa, che rappresentano fino al 20 per cento degli elettori. Rimane un ampio divario tra coloro che esprimono rammarico e coloro che sono pronti a rientrare. Soprattutto, una risposta di cinque secondi a una domanda politica è una scarsa guida a ciò che potrebbe accadere una volta che la scelta diventi concreta. Molti di coloro che provano rammarico sono anche nauseati dalla riapertura del capitolo più controverso della storia britannica moderna. L’altro indizio è il livello di supporto continuo per Brexit tra gli elettori conservatori – proprio le persone che i partiti di opposizione desiderano conquistare.

Ci sono diversi motivi per cui i Rejoiner dovrebbero prepararsi per un periodo molto lungo. In primo luogo, sarebbe necessario un altro referendum e, anche se i sondaggi e i dati demografici danno motivo di sperare, una volta che la campagna entrasse nello specifico, il loro caso sarebbe più difficile. Rientrare significherebbe impegnarsi ad abolire la sterlina e rinunciare ai controlli indipendenti sull’immigrazione. Questa volta non ci saranno opt-out nel Regno Unito. Non sono argomenti facili da sostenere. Inoltre, la deriva dell’UE verso una maggiore integrazione continuerà.

Il ritorno al mercato unico o all’unione doganale potrebbe non richiedere un referendum ed è visto da molti come una via di mezzo realizzabile. Ma anche questo richiederà di diventare un sostenitore delle regole. Un più stretto allineamento normativo comporta lo stesso problema, sebbene sia un problema che molti esportatori sarebbero lieti di tollerare.

In secondo luogo, gli sforzi per migliorare l’attuale accordo sulla Brexit, riparare le relazioni e allentare le tensioni commerciali potrebbero ridurre l’imperativo di rientrare. Se la Brexit può essere resa sopportabile, perché affrontare il dolore di risolverla? È probabile che i conservatori rimangano un partito Brexit, anche se forse più pragmatico, e non rimarranno fuori dal potere a tempo indeterminato.

È anche possibile immaginare un futuro anello esterno di membri associati dell’UE, a cui verranno offerti alcuni vantaggi economici ma senza pieni benefici o voce politica. Questo potrebbe essere più facile da vendere per i politici britannici, anche se porrebbe il Regno Unito al secondo posto in Europa.

Ma i due maggiori problemi esulano dal controllo del Regno Unito. Non è affatto chiaro se l’UE rivorrà il Regno Unito come membro a pieno titolo, soprattutto se potrà estendere il suo mandato attraverso l’allineamento normativo, il mercato unico o qualche nuovo ruolo associato. I leader conservatori stanno già iniziando ad accettare una certa egemonia normativa dell’UE. L’UE sta affrontando la situazione senza il suo recalcitrante ex membro.

Infine, anche se arrivasse il momento in cui l’UE fosse pronta a riammettere il Regno Unito, potrebbe ragionevolmente richiedere una soglia superiore al 50% per il sostegno pubblico – diciamo due terzi – come prezzo del rientro, per garantire la fine del il pasticcio politico del Regno Unito.

Non ci sarà un ritorno rapido. Coloro che sognano solo un decennio nella natura selvaggia difficilmente hanno ragione. Una disastrosa recessione economica potrebbe accelerare la preparazione del Regno Unito, ma ciò non è certo una cosa da augurarsi.

Tutto ciò non vuol dire che i Rejoiners abbiano torto a fare campagna elettorale sui fallimenti della Brexit. Dovranno creare un sufficiente europeismo affinché gli elettori possano mettere da parte le preoccupazioni sull’immigrazione e sulla perdita di autonomia monetaria che deriva dall’adesione all’euro. Ma è necessario che ci sia realismo in questo approccio, che eviti di attribuire ogni problema economico alla Brexit quando altre questioni come il Covid, il conflitto in Ucraina o un decennio di sottoinvestimenti sono più rilevanti. In questo caso, la Brexit assomiglia più a una comorbidità, che indebolisce la capacità del Regno Unito di superare crisi più ampie rallentando la crescita e gli investimenti delle imprese.

Devono evitare di ripetere l’errore della seconda campagna referendaria, quando una posizione assolutista ha impedito l’unità attorno ad un compromesso. I cambiamenti incrementali volti a rendere la Brexit più sopportabile non dovrebbero essere derisi ma considerati vittorie, normalizzando la direzione di legami più stretti.

Soprattutto devono imparare dai loro avversari. La Brexit è stata una campagna durata 30 anni. Coloro che si ricongiungono hanno ragione a iniziare la battaglia, ma nella loro impazienza devono riconoscere quanto lungo e difficile sarà probabilmente il viaggio.

[email protected]