Lun. Mag 20th, 2024
Secondo i calcoli dell’IFS, un lavoratore su 11 in Inghilterra sarà impiegato nel servizio sanitario nazionale entro il 2036

Ricevi aggiornamenti gratuiti sulla spesa pubblica del Regno Unito

Secondo una nuova ricerca che evidenzia l’”inevitabilità” di grandi aumenti della spesa sanitaria, il Servizio sanitario nazionale darà impiego a un lavoratore su 11 in Inghilterra entro il 2036.

Il numero del personale impiegato dal NHS England aumenterà da circa 1,5 milioni nel 2021-22 a tra 2,3 e 2,4 milioni nel 2036-37, afferma un rapporto pubblicato mercoledì dall’Institute for Fiscal Studies.

Lo studio, condotto in collaborazione con Citi e la Nuffield Foundation e basato sulla forza lavoro a lungo termine del NHS England piano pubblicato a giugno, ha mostrato che un lavoratore su 11 nel servizio sanitario entro il 2036-37, rispetto a uno su 17 nel 2021-22.

Si afferma inoltre che quasi la metà di tutti i lavoratori del settore pubblico in Inghilterra lavoreranno per il servizio sanitario entro il 2036-37, rispetto al 38% nel 2021-22 e al 29% nel 2009-10.

Secondo l’IFS, il piano per la forza lavoro riconosce “la virtuale inevitabilità di grandi aumenti della spesa sanitaria nel medio termine”. La ricerca ha calcolato che ciò implicherebbe un aumento annuale del budget del servizio sanitario nazionale di circa il 3,6% in termini reali, lo stesso della crescita media della spesa tra il 1949-50 e il 2022-23, ma superiore al 2,4% annuo osservato dal 2009-10.

Max Warner, economista ricercatore presso l’IFS e uno degli autori del rapporto, ha affermato che l’aumento previsto del budget del sistema sanitario nazionale “non è affatto stravagante rispetto agli standard storici, ma richiederebbe comunque decisioni fiscali difficili nell’attuale clima di crescita lenta”.

Secondo il rapporto, la spesa per il servizio sanitario nazionale in Inghilterra entro il 2036-37 sarebbe superiore di circa il 2% del PIL rispetto al 2021-22. L’IFS ha calcolato che per raccogliere quella somma di denaro l’aliquota standard dell’imposta sul valore aggiunto dovrebbe, ad esempio, passare dal 20% a circa il 27% entro il 2036-37, oppure l’imposta sul reddito dovrebbe aumentare di circa il 6% punti.

L’IFS ha avvertito che anche il ritorno all’aumento medio annuo dei finanziamenti a lungo termine del NHS del 3,6% potrebbe non essere sufficiente per finanziare il piano della forza lavoro.

Questo perché il piano si basa su aumenti di produttività compresi tra l’1,5% e il 2% all’anno – “un obiettivo estremamente ambizioso e ben superiore a quello che si stima abbia raggiunto in passato il servizio sanitario nazionale”, ha affermato Warner.

L’NHS ha osservato nel rapporto che la domanda sanitaria è in aumento poiché si stima che il numero di persone di età superiore a 85 anni aumenterà del 55% entro il 2037. Ha sostenuto che l’inazione di fronte al cambiamento demografico lascerebbe il servizio sanitario in Inghilterra con un deficit fino a a 360.000 dipendenti entro il 2036/37, più di 3 volte l’attuale tasso di posti vacanti.

Mark Franks, direttore del welfare presso la Nuffield Foundation, ha affermato che un cambiamento di tale portata solleva “domande fondamentali sul ruolo futuro e sulle dimensioni dello Stato e su come verrà pagato”.

Il Dipartimento della sanità e dell’assistenza sociale ha dichiarato che sosterrà il piano a lungo termine per la forza lavoro con oltre 2,4 miliardi di sterline nei prossimi cinque anni e che le decisioni sulle successive revisioni della spesa saranno annunciate nel solito modo.

“Oltre a raddoppiare i posti nelle scuole di medicina e quasi a raddoppiare il numero di infermieri e ostetriche adulti in formazione, [the plan] stabilisce come forniremo miglioramenti della produttività a lungo termine nella forza lavoro del Servizio Sanitario Nazionale”.