Sab. Feb 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Gli alleati di Rishi Sunak hanno affermato che i sostenitori dell’ex ministro degli Interni Suella Braverman stanno conducendo una campagna “imbarazzante” per far cadere il primo ministro, alla fine di un’altra settimana di lotte intestine tra i Tory.

L’affermazione è stata fortemente negata dai sostenitori di Braverman, che affermano di essere stati falsamente identificati come parte di una “cabala” che cerca di orchestrare un colpo di stato alla leadership.

Il primo ministro è stato colpito da una ribellione sulla sua politica in Ruanda, da un sondaggio finanziato dai donatori conservatori che suggerisce che sta portando il suo partito al disastro elettorale e dalle richieste di dimissioni da parte di un ex ministro.

Il turbinio di complotti, con il dito sospettoso puntato in vario modo contro i sostenitori di Braverman, Boris Johnson e Liz Truss, ha causato ulteriori danni a Sunak, le cui valutazioni personali nei sondaggi sono recentemente aumentate. in picchiata.

Un ex ministro che sostiene Sunak ha detto: “Tutto ha a che fare con l’ambizione personale. Non ha niente a che fare con il partito e nemmeno con l’ideologia. Sono persone principalmente intorno a Suella Braverman. È una scuola per insoddisfatti”.

Nigel Farage, fondatore del partito Reform UK che sta sfidando i conservatori per i voti di destra, ha dichiarato al MagicTech: “Sono in un disastro terribile: una chiesa ampia senza religione”.

Mercoledì Will Dry, che ha lavorato per Sunak come consigliere speciale fino a novembre, ha detto di aver lasciato il Numero 10 dopo essere diventato “sempre più scoraggiato” nel suo lavoro.

Ha detto di aver concluso che “i conservatori si stanno dirigendo verso la più onnipotente delle sconfitte”. Ha aggiunto che se Farage tornasse in prima linea nella politica “il partito conservatore essenzialmente non esisterebbe entro Natale”.

Ciononostante, le prospettive di un colpo di stato contro Sunak si sono attenuate questa settimana, quando nessun parlamentare conservatore era disposto a seguire Sir Simon Clarke, ex ministro del breve mandato di Truss, nel chiedere al primo ministro di dimettersi.

Gli alleati di Sunak affermano che l’ingresso di Dry nel campo anti-Sunak è stato fatto trapelare da ex consiglieri ministeriali di Braverman per dare la falsa impressione che il colpo di stato stesse prendendo slancio.

“Ci hanno lasciato cadere Will”, ha detto uno. “È imbarazzante a dire il vero.” Ma un alleato di Braverman ha detto che l’affermazione era “completamente falsa” e che lo stesso Numero 10 aveva fatto trapelare la storia.

I sostenitori di Braverman affermano che le prospettive di un colpo di stato della leadership prima delle elezioni generali stanno rapidamente diminuendo, anche perché alcuni critici di Sunak non hanno avuto “il coraggio” di muoversi contro il primo ministro.

“Il popolo britannico non si sente rappresentato dai politici al governo in questo momento – ecco perché sono attratti da qualcuno come Suella”, ha detto uno, aggiungendo che la squadra di Sunak stava diffondendo voci su una “cabala” per distogliere l’attenzione dal vertice. la crescente popolarità del ministro.

La scorsa settimana il Telegraph ha pubblicato un sondaggio YouGov che suggeriva che i conservatori – attualmente dietro ai laburisti di circa 20 punti nei sondaggi – si stavano dirigendo verso una sconfitta elettorale in stile 1997.

Il sondaggio è stato finanziato da un gruppo di donatori conservatori anonimi che si autodefiniscono Conservative Britain Alliance, un organismo altrettanto misterioso. Dry ha collaborato alla stesura delle domande per il sondaggio, che secondo gli esperti del settore sarebbe potuto costare tra le 20.000 e le 40.000 sterline.

Alcuni conservatori hanno affermato che il sondaggio potrebbe essere stato pagato da Lord Peter Cruddas, sostenitore di Johnson e fondatore della società di trading online CMC Markets, ma ha detto al FT: “Questo non ha niente a che fare con me. Da più di un anno non faccio donazioni a nessun ente o partito politico”.

Un portavoce di Paul Marshall, boss di hedge fund e precedente sostenitore della campagna Brexit e del partito Tory, ha negato di aver pagato per il sondaggio e ha detto di non aver mai sentito parlare della Conservative Britain Alliance.

Una persona nel campo anti-Sunak ha affermato che il sondaggio è stato pagato da diversi donatori che non erano grandi nomi, aggiungendo che avevano anche utilizzato il sondaggio di 14.000 persone per svolgere domande di “ricerca di mercato” che non erano di dominio pubblico.

YouGov ha detto che il sondaggio è stato commissionato da donatori anonimi, ma il loro punto di contatto era Lord David Frost, ex ministro della Brexit di Johnson, e un altro critico di Sunak.

All’inizio di questo mese 60 parlamentari conservatori hanno sfidato Sunak per votare per inasprire la sua legislazione sull’immigrazione in Ruanda, ma alla fine solo 11 hanno votato contro il disegno di legge nella sua cruciale terza lettura alla Camera dei Comuni.

Il malcontento nel partito rappresenta un pericolo continuo per Sunak, che deve affrontare due pericolose elezioni suppletive il 15 febbraio e le elezioni locali a maggio; entrambi i sondaggi potrebbero essere focolai di ulteriori problemi.

Il primo ministro sta tentando di tornare in prima linea pubblicizzando il recente taglio dei tassi di previdenza sociale dal 12% al 10%, che apparirà nelle buste paga nei prossimi giorni.

“Abbiamo un lavoro da fare”, ha detto un alleato di Sunak. “Se altre persone vogliono trascorrere le loro giornate sedute in stanze a fare del male, quella è la loro vedetta.”