Gio. Mag 23rd, 2024
Tassare i turisti – e questo significa tutti noi

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Lo scrittore è autore di 'Turisti: come gli inglesi andarono all'estero per ritrovare se stessi'

Nessuno va a Venezia per la folla. Eppure, che tu preferisca un gelato o un Tintoretto, la folla sarà lì con te ad ogni angolo, sciamando per le strade strette, facendo la fila per i selfie davanti alla laguna, infilandosi nei taxi acquei e facendo la fila interminabile per una pizza a St. Basilica di San Marco.

Venezia attualmente riceve circa 30 milioni di visitatori all'anno, 40.000 al giorno – ed è una città con solo 49.000 abitanti. L'usura dannosa del turismo eccessivo l'ha quasi inserita nella lista dei Patrimoni in pericolo dell'UNESCO. Ora, il sindaco della città ha istigato un controverso sistema di biglietteria, addebitando ai visitatori giornalieri l'ingresso di 5 euro nelle ore e nelle stagioni di punta. Il costo di implementazione, con 200 steward a presidiare i punti di ingresso, probabilmente supererà qualsiasi guadagno finanziario, ma questo è un esperimento di regolamentazione della folla. E altri ne stanno prendendo atto.

Il sindaco di Venezia vuole incoraggiare i turisti a pernottare, a fermarsi e a spendere soldi veri. Sono gli escursionisti che entrano ed escono a mettere sotto pressione le infrastrutture di base senza contribuire alle spese di soggiorno della città. L’idea è che il controllo della folla possa anche incoraggiare i residenti di Venezia (diminuiti di due terzi rispetto agli anni ’50) a restare – per garantire che sia più di un museo svuotato di vita e di lavoro che va oltre il servizio ai turisti, con più Airbnb che case e più estranei che vicini.

Amsterdam, un'altra città medievale di ciottoli e canali, riceve fino a 20 milioni di visitatori all'anno. Dal 2020 applica una tassa di soggiorno, 3 euro in più a notte per il soggiorno in aggiunta al 12,5% per camera (10% per Airbnb). Ora, Amsterdam sta cercando di gestire ulteriormente il flusso giornaliero addebitando ai passeggeri delle crociere in gita giornaliera 14 euro al giorno, rispetto alla tariffa di 8 euro che dovevano pagare in precedenza.

Ma queste tariffe d’ingresso così modeste saranno davvero un deterrente per i visitatori? L’attuazione di questo tipo di schema è complessa. Molti turisti a Venezia non sapevano che dovevano registrarsi come visitatori notturni per evitare di essere intercettati da uno degli ispettori vaganti e multati fino a 300 euro. Anche la gente del posto non ha accolto con favore la nuova politica. Ha aggiunto un altro strato di confusa burocrazia alla già stressante attività di svolgere la vita ordinaria durante l’alta stagione.

La sfida di bilanciare le folle in arrivo e le esigenze dei residenti tutto l’anno è condivisa anche dalle destinazioni con attrazioni culturali più modeste. Nel Regno Unito, la località balneare di Margate è una calamita per gli escursionisti giornalieri. Il turismo lì, insieme a quello nelle vicine Broadstairs e Ramsgate, apporta 212 milioni di sterline all’economia locale. Ma migliaia di turisti giornalieri portano rifiuti e fanno pressione sulle strutture e sui servizi igienico-sanitari, scoraggiando potenzialmente i vacanzieri di lunga durata che apportano un reale valore economico. Il consiglio distrettuale di Thanet ha preso in considerazione l'idea di imporre una tassa di soggiorno ai visitatori giornalieri, ma alla fine ha deciso di non avere i poteri necessari per applicare la tassa.

Il turismo ha sempre avuto un problema intrinseco con le altre persone: la folla rovina la vista. La maggior parte dei visitatori si considera una persona esigente, sensibile alla cultura e all'esperienza: è il gruppo della porta accanto con i bastoncini per selfie che non capisce.

Come ha osservato Evelyn Waugh a proposito di un’esperienza di crociera degli anni ’30: “il turista è l’altro”. Ma la verità è che il turista non è “l’altro”. Il turista siamo tutti noi, in numero crescente e con i luoghi straordinari del mondo più accessibili che mai. È un paradosso centrale del turismo il fatto che le visite di massa preservino e distruggano in egual misura.

Se vogliamo continuare a godere delle meraviglie del mondo e mantenerle intatte sia nella struttura che nell'atmosfera, dovremmo aspettarci di pagare di più per questo privilegio.