Gio. Mag 23rd, 2024
Un inquietante stallo in Georgia

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Tbilisi nel 2024 ricorda inquietantemente la Kiev del 2014. Dieci anni fa, nella capitale ucraina, migliaia di persone scesero in piazza dopo che un presidente filorusso si ritirò dalla firma di un accordo di integrazione con l’UE. La capitale della Georgia è oggi testimone di proteste di massa contro una legge, proposta da un governo guidato da un oligarca legato a Mosca, che reprimerebbe l’opposizione e farebbe deragliare le speranze del paese di aderire all’UE. Dopo che lunedì i manifestanti e la polizia antisommossa si sono radunati, il parlamento georgiano è pronto ad adottare la legge in una lettura finale già martedì.

Questo non è un disturbo da poco in una terra lontana. La Georgia è stata la prima repubblica ex sovietica, nel 2003, a organizzare una rivoluzione “colorata” a favore della democrazia e a subire l’ira di Vladimir Putin attraverso un’invasione cinque anni dopo. Da allora le truppe russe hanno occupato circa il 20% del territorio georgiano. Mikheil Saakashvili, il cui primo governo riformista si è poi trasformato in repressione morbida e clientelismo, è stato battuto nelle elezioni del 2012 da una coalizione ombrello, Georgian Dream, finanziata da Bidzina Ivanishvili – che ha guadagnato miliardi in affari nella Russia post-sovietica.

Ivanishvili e il suo partito – anche se oggi è solo presidente onorario – da allora si sono alternati tra il ricucire i rapporti con Mosca e il sostenere a parole le speranze dei georgiani di aderire all’UE e alla NATO, anche se i progressi sulle riforme necessarie sono stati scarsi. Il partito al governo ha tentato l'anno scorso di approvare una legge che obbliga i gruppi non governativi e i media che ricevono finanziamenti esteri a registrarsi come “organizzazioni che servono gli interessi di una potenza straniera”, simile a quella usata per schiacciare la società civile nella Russia di Putin. L'UE ha chiarito che la legge era incompatibile con le speranze di adesione della Georgia, e il governo ha fatto marcia indietro dopo grandi proteste. Ma pochi mesi dopo che l’UE ha concesso alla Georgia lo status di candidato, il Sogno Georgiano sembra ora intenzionato ad approvare la legge.

Questo potrebbe essere in parte un tentativo di rafforzare le possibilità del partito al governo nelle elezioni di ottobre. Ma la gente del posto ipotizza che Ivanishvili e le élite fedeli che beneficiano delle relazioni amichevoli con Mosca preferirebbero che l’adesione all’UE non avvenisse; Bruxelles ha subordinato l’avvio dei negoziati di adesione ai progressi nella “de-oligarchizzazione” e al contenimento della corruzione ad alto livello. Mentre i sondaggi mostrano che circa l’80% del sostegno all’adesione all’UE, il governo ha anche giocato sul conservatorismo sociale della società georgiana, soprattutto nelle zone rurali, sottolineando l’attaccamento dell’UE a valori come i diritti LGBT.

I manifestanti nella capitale non hanno alcuna intenzione di fare marcia indietro. Nonostante la posta in gioco sia alta, i disordini violenti non sono nell'interesse di nessuno, soprattutto quando le truppe russe di stanza nella regione separatista dell'Ossezia del Sud sono ad appena un'ora dalla capitale georgiana. La migliore speranza per la maggioranza filoeuropea sarebbe quella di rimuovere il Sogno Georgiano dal potere alle urne di ottobre. Ma l’opposizione frammentata è priva di leadership e la legge sugli agenti stranieri è uno strumento potente di cui le autorità possono avvalersi.

La situazione è un test per la diplomazia dell’UE. Considerati i progressi incerti della Georgia negli ultimi dieci anni, Bruxelles non deve esitare a inviare un messaggio chiaro al partito al governo e a sospendere la candidatura del paese all’UE se la legge verrà approvata. Dovrebbe anche segnalare al burattinaio oligarchico della Georgia che potrebbe affrontare sanzioni sulla sua ricchezza se ci fosse una sanguinosa repressione nei confronti dei manifestanti.

Ma l’UE deve anche ai georgiani filo-europei, che hanno messo a rischio la loro sicurezza per mostrare la loro rabbia per ciò che sta facendo il loro governo, di chiarire che la strada verso l’adesione rimane aperta se la legge verrà rimossa e ci saranno reali progressi sulle riforme. . I paesi occidentali dovrebbero anche fare tutto il possibile per mantenere i legami con la società civile e l’opposizione georgiana. La storia post-sovietica del Paese ha visto ripetuti cicli di progresso democratico, seguiti da parziali arretramenti. Le speranze dei georgiani devono essere mantenute vive affinché il ciclo possa essere interrotto.