Gio. Mag 23rd, 2024
Xi Jinping visita l’Europa per scongiurare la guerra commerciale

Xi Jinping arriva domenica in Europa con una missione per allentare le crescenti tensioni che minacciano di innescare una guerra commerciale tra Cina e UE.

Nel suo primo viaggio nella regione dal 2019, Xi affronterà difficili colloqui in Francia sul commercio e in Ucraina prima di godere di un’accoglienza più calorosa in Serbia e in Ungheria, dove l’impennata degli investimenti cinesi sottolinea sia i vantaggi degli stretti legami con Pechino che le divisioni dell’UE sulla politica internazionale. politica.

“La Cina è determinata a non lasciare che le sue relazioni con l’Europa scivolino ulteriormente nella direzione dei suoi legami con gli Stati Uniti”, ha affermato Yu Jie, analista del think tank britannico Chatham House. “Ci sarà una rinnovata offensiva di fascino da parte di Pechino, ma darà anche all’UE severi avvertimenti sul protezionismo commerciale”.

La massima priorità di Xi per la sua visita di sei giorni sarà la limitazione dei danni, hanno detto i funzionari cinesi. Il presidente è intenzionato a contrastare una serie di indagini commerciali sulle società cinesi da parte dell’UE, inclusa un’indagine anti-sovvenzioni di successo sui veicoli elettrici che dovrebbe concludersi tra settimane.

Funzionari dell’UE hanno dichiarato al MagicTech che i dazi preliminari sui veicoli elettrici potrebbero essere imposti a maggio, mentre le tariffe permanenti che necessitano del sostegno della maggioranza degli Stati membri potrebbero seguire a novembre. I ricercatori del Rhodium Group hanno affermato che i dazi sulle importazioni cinesi di veicoli elettrici nell’UE potrebbero variare dal 15 al 30%.

“La Cina non può permettersi la chiusura del mercato europeo alle aziende cinesi”, ha affermato Abigaël Vasselier del think tank Merics con sede a Berlino. “La domanda principale è. . . quanto successo può avere il presidente Xi nel modificare l’attuale traiettoria delle relazioni Europa-Cina”.

L’anno scorso il presidente francese Emmanuel Macron e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen hanno fatto visita a Xi a Pechino © Ludovic Marin/POOL/AFP/Getty Images

Emmanuel Macron, presidente francese, ha invitato lunedì Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, a Parigi per incontrare Xi.

Von der Leyen ha sostenuto la “riduzione dei rischi” delle relazioni commerciali dell’Europa con la Cina e ha attribuito l’enorme deficit commerciale bilaterale dell’UE – 291 miliardi di euro nel 2023 – in parte ai limiti di Pechino all’accesso al mercato per le aziende europee. Negli ultimi anni, l’UE è rimasta indietro rispetto al Sud-Est asiatico, diventando il secondo partner commerciale regionale della Cina.

Xi intendeva giocare duro, hanno detto funzionari e analisti cinesi. Dietro le attese dimostrazioni di bonarietà pubblica e le promesse di investimenti cinesi, avrebbe avvertito i leader europei che i dazi sulle esportazioni cinesi susciterebbero una risposta intransigente, hanno aggiunto.

“La Cina potrebbe imporre restrizioni sull’esportazione dei materiali necessari per produrre microchip e sulle esportazioni francesi verso la Cina e molti altri articoli”, ha detto un analista cinese che ha chiesto di restare anonimo.

Grafico a linee del commercio totale cinese (somma dei 12 mesi precedenti, miliardi di dollari) che mostra che l'UE è rimasta indietro rispetto al sud-est asiatico come principale partner commerciale regionale della Cina

Pechino ha anche segnalato una crescente disponibilità a imporre le proprie tariffe di ritorsione. Si prevede che Macron sostenga insieme a Xi la causa dei produttori francesi di cognac, dopo che la Cina a gennaio ha avviato un’indagine antidumping sulle importazioni di brandy francese.

Il brandy francese è il liquore più importato in Cina e le tariffe colpirebbero i profitti di marchi famosi come Rémy Cointreau, Pernod Ricard e Hennessy di proprietà di LVMH.

L'associazione francese dell'industria del cognac, la BNIC, ha affermato che la visita di Xi è stata “un'opportunità unica per un accordo” per risolvere un'indagine cinese “ingiustificata” che minacciava un settore che impiega direttamente e indirettamente circa 70.000 persone.

Mentre i colloqui a Parigi dovrebbero essere impegnativi, le visite di Xi in Serbia e Ungheria darebbero un tono molto più positivo, hanno detto i funzionari cinesi. La Cina vede l’Ungheria come un amico veramente leale nell’UE e ha inondato il paese di promesse di investimenti.

Secondo le stime ufficiali cinesi, gli investimenti diretti esteri accumulati dalle imprese cinesi in Ungheria potrebbero raggiungere i 30 miliardi di euro entro la fine di quest’anno, suggerendo che sono in cantiere diversi miliardi di euro aggiuntivi di investimenti.

Un progetto in discussione è un potenziale investimento da parte della cinese Great Wall Motor per costruire un impianto per veicoli elettrici, hanno detto funzionari cinesi.

“L’Ungheria è fortemente sovrarappresentata negli investimenti diretti esteri cinesi nella regione, accumulando più volume negli ultimi due o tre anni che nei decenni precedenti”, ha affermato Daniel Hegedüs del Fondo Marshall tedesco a Berlino.

“Questa è politica. L’Ungheria è stata leale e raccoglie i frutti”, ha detto Hegedüs.

Ma la visita di Xi in Ungheria sicuramente provocherà l’antagonismo di molti leader dell’Europa occidentale. “L’Ungheria è considerata un paria”, ha detto un alto diplomatico dell’Europa occidentale.

Anche se l’UE vede sempre più la Cina come un “rivale sistemico”, l’Ungheria è diventata il principale difensore degli interessi di Pechino. Tra il 2016 e il 2022, ha utilizzato più volte il suo potere di veto per bloccare le decisioni del Consiglio europeo che condannavano le azioni cinesi.

Inoltre, la visita di Xi in Serbia martedì, il 25° anniversario del bombardamento accidentale della Nato del 1999 contro l'ambasciata cinese a Belgrado, potrebbe anche alienare l'opinione in Europa occidentale, hanno detto i diplomatici.

Dopo l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia nel 2020, la missione cinese presso l’UE ha citato i bombardamenti del 1999 per spiegare la simpatia cinese per l’argomentazione russa secondo cui l’alleanza militare occidentale era responsabile del conflitto più recente.

“I cinesi possono identificarsi pienamente con i dolori e le sofferenze di altri paesi perché non dimenticheremo mai chi ha bombardato la nostra ambasciata nella Repubblica Federale di Jugoslavia”, ha detto un portavoce della missione.

In effetti, la guerra in Ucraina è destinata a incombere pesantemente sul viaggio di Xi in Europa.

Secondo gli accademici cinesi, Pechino ritiene che gli Stati Uniti utilizzino la guerra per estendere la propria egemonia sull’Europa, mentre esercitano pressioni sulla Cina per il suo presunto ruolo nel sostenere la Russia.

Hanno affermato che i leader cinesi credono che Macron voglia che l’Europa eserciti una maggiore autonomia strategica dagli Stati Uniti, un’aspirazione condivisa da Pechino. Tuttavia, l’amicizia di Xi con il presidente russo Vladimir Putin significa che tutto ciò che dirà sull’Ucraina sarà visto con profonda sfiducia in gran parte dell’Europa.

Tuttavia, ci si aspetta che Macron cerchi di convincere il leader cinese a usare la sua influenza su Putin per cambiare il corso della guerra, anche se sforzi simili durante una visita in Cina l’anno scorso non hanno dato frutti.

“Il nostro obiettivo è incoraggiare la Cina a utilizzare le leve a sua disposizione nei confronti di Mosca per influenzare i calcoli della Russia e cercare di contribuire alla soluzione di questo conflitto”, ha detto un funzionario dell'Eliseo.