Ven. Mag 24th, 2024
Gli autoritari temono la trasparenza: le democrazie liberali dovrebbero abbracciarla

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Nel periodo precedente all'attacco su vasta scala di Vladimir Putin all'Ucraina, la decisione del governo americano di rendere pubbliche le proprie informazioni di intelligence sui piani russi si è rivelata un trionfo strategico. Ha permesso all’Occidente di prepararsi al peggio, di mobilitare l’opinione pubblica interna e di muoversi più rapidamente, con forza e concertazione di quanto ci si sarebbe aspettati nella guerra economica e diplomatica scoppiata insieme a quella sul campo di battaglia.

Oggi gli Stati Uniti sono di nuovo nella posizione di sfruttare la trasparenza per assicurarsi un vantaggio strategico – e questa volta l’Europa può e deve seguire l’esempio.

Tra gli aspetti meno notati della nuova legge che conferisce al presidente degli Stati Uniti la possibilità di impossessarsi dei beni statali russi (a sua volta una parte meno notata del pacchetto di leggi finalmente approvato per finanziare l’Ucraina) c’è l’obbligo per lui di riferire al Congresso quali beni il Lo stato russo detiene negli Stati Uniti. Il lavoro tecnico sta ora iniziando a definire la portata di ciò che le istituzioni finanziarie devono segnalare e ciò che il governo deve rendere pubblico.

È essenziale che la rete sia quanto più ampia possibile e che l’UE, gli altri paesi del G7 e i restanti paesi che hanno immobilizzato i beni russi facciano gli stessi passi. Da quando ha bloccato l’accesso della Russia alle sue riserve a pochi giorni dall’inizio dell’invasione su vasta scala, nessun governo sanzionatorio ha prodotto un resoconto sufficientemente pubblico e completo di quali risorse Mosca deteneva nella sua giurisdizione prima della guerra e cosa è successo loro da allora.

È in corso un dibattito sull’opportunità o meno di sequestrare i beni statali russi per far rispettare l’obbligo di Mosca di risarcire l’Ucraina, con il Giappone e i membri del G7 dell’UE i più resistenti a farlo. Ma non è stata avanzata alcuna valida argomentazione per mantenere segreto quali siano questi beni. L’UE ha impiegato un anno per richiedere agli Stati membri di raccogliere e condividere tali informazioni anche a livello interno. Ciò che è stato detto in pubblico è stato frammentario, scarso di dettagli (mai più di un singolo numero) e informale. Il Regno Unito, gli Stati Uniti e il Canada non sono stati più trasparenti.

Questa furtività è stata dannosa. Ha segnalato a Putin che l’Occidente ha una volontà debole (se hai paura anche solo di parlare di quali siano le risorse, sicuramente non oserai mai prenderle). Ha alimentato confusione e ignoranza nel dibattito pubblico su come aiutare finanziariamente l’Ucraina. Soprattutto, potrebbe aver oscurato anche ai massimi policy maker e ai nostri leader politici quale sia la nostra gamma completa di opzioni politiche.

Il Repo Act, la nuova legislazione statunitense che impone una maggiore trasparenza, illustra il problema. La sua parte “Sense of Congress” fa riferimento ai resoconti dei media secondo cui solo 4-5 miliardi di dollari di riserve russe si trovano negli Stati Uniti. Ma sappiamo da Euroclear, il custode domiciliato in Belgio della maggior parte degli asset bloccati (che è stato più disponibile con i numeri di qualsiasi altro governo), che ha accumulato circa 15 miliardi di dollari in contanti in dollari USA mentre i titoli denominati in dollari di proprietà russa hanno maturato.

Questo denaro si trova da qualche parte nel sistema finanziario statunitense, presumibilmente nelle banche corrispondenti di Euroclear. E la banca centrale russa potrebbe avere altre partecipazioni in istituzioni finanziarie private statunitensi. Solo una contabilità pubblica dettagliata che comprenda la cronologia delle transazioni antecedenti all’invasione su vasta scala potrà colmare queste lacune nella nostra conoscenza.

Al contrario, la trasparenza può essere un punto di forza. I pronti contro termine non si riferiscono solo alle riserve delle banche centrali, ma alle attività statali russe in generale. Gli Stati Uniti hanno l’opportunità di far luce su dove potrebbero trovarsi altre parti del denaro di Mosca, come ad esempio eventuali pagamenti in dollari non sanzionati alle società energetiche statali per petrolio e gas negli ultimi due anni. Tali “riserve ombra” di eccedenze di esportazione accumulate hanno, a livello globale, la stessa portata degli asset bloccati delle banche centrali. Ma trovarli richiede storie dettagliate delle transazioni e l’interpretazione più ampia possibile di “beni statali”.

Un avvertimento a cui gli europei devono prestare attenzione: l’adozione della trasparenza offre il vantaggio di chi fa la prima mossa. Se gli Stati Uniti, il Regno Unito e il Canada pubblicassero tutto quello che sanno sulle riserve russe, esporrebbero i saldi Euroclear di quasi 60 miliardi di dollari nei loro istituti finanziari o banche centrali. In ultima istanza, i membri “anglo” del G7 potrebbero puntare su questo denaro e trattarlo come proveniente dalle riserve russe e soggetto a possibile sequestro.

Il G7 trarrebbe maggior beneficio da una corsa al vertice sull’apertura riguardo alle risorse statali russe. Ciò schiarirebbe gran parte della nebbia, riacquisterebbe l’iniziativa nell’arena della sicurezza economica e ripristinerebbe parte dello stallo politico su come mantenere la promessa unanime di utilizzare le riserve bloccate a beneficio dell’Ucraina.

E dimostrerebbe, infine, ancora una volta che in una battaglia tra democrazia e autoritarismo, le democrazie hanno tanto da guadagnare dall’abbracciare la trasparenza quanto gli autoritari hanno motivo di temerla.

[email protected]