Ven. Giu 14th, 2024
The Pixel 8 could Kill Google’s Smartphone Dream

Mentre una certa percentuale di utenti di smartphone direbbe che molti nuovi dispositivi sono sostanzialmente “alzati” per quanto riguarda le prestazioni e il design, non è sempre così, come abbiamo visto negli ultimi due mesi. Il lancio da parte di Samsung della serie Galaxy S23, così come le nuove voci di Xiaomi, OnePlus e altri, sono praticamente serviti da esempio di come l’hardware Android possa ancora migliorare utilizzando nuove scoperte hardware.

Parlando di Android, il recente conferma del programma di Google I/O di quest’anno ci ha finalmente dato un’idea di quando vedremo il prossimo lotto di telefoni Android di punta di Google. Con il 2023 in pieno svolgimento, è solo una questione di tempo prima di dare un’occhiata ai prossimi Pixel 7a e Pixel 8. E mentre i telefoni Pixel di Google hanno guadagnato un seguito considerevole (soprattutto da parte degli appassionati), non sono esattamente i più potenti o dispositivi costantemente impressionanti sul mercato, soprattutto rispetto ai marchi concorrenti.

Risparmia $ 100 su Pixel 7 Pro su Amazon!

Come utente Pixel, penso che Google abbia ancora un po’ da fare con i suoi rivali, e va da sé che Pixel 8 (o come Google alla fine deciderà di chiamarlo) ha il suo bel da fare. Data la recente scomparsa di Stadia, non si può fare a meno di sentirsi un po’ nervosi all’idea che il marchio Pixel possa fare la fine di altri prodotti Google, se non fosse considerato “abbastanza di successo” dalla grande G. Ovviamente, sono passati sette anni ora dal primo telefono Pixel, ma non lo sai mai veramente, giusto?

Detto questo, ecco alcuni fattori che potrebbero creare o distruggere il prossimo dispositivo di punta di Google.

Prestazioni tensoriali

Con il lancio della serie Pixel 6 nel 2021, Google ha deciso che avrebbe abbandonato Qualcomm per la sua prossima ondata di dispositivi e avrebbe invece sviluppato il proprio SoC (in collaborazione con Samsung). Ciò ha portato al chip Tensor, che ha alimentato la serie Pixel 6, ed è stato seguito dal Tensor G2 (lanciato nel 2022) fornito con i dispositivi Pixel 7. Tuttavia, il G2 era più un aggiornamento marginale, offrendone alcuni lieve miglioramenti delle prestazioni.

Sebbene fosse relativamente potente, i chip Tensor sono semplicemente superati dai chipset della serie 8 Gen di Qualcomm, sia nella carta che nell’uso effettivo. Mentre si potrebbe sostenere che il Tensor ha fornito un’esperienza fluida nel complesso, altri aspetti come la durata della batteria, la gestione del calore e le prestazioni di gioco tendono a passare in secondo piano con il Tensor e il G2. Ad esempio, l’S23 Ultra sta ricevendo recensioni entusiastiche sulla durata della batteria, superando anche il Pixel 7 Pro nella maggior parte delle occasioni.

Inoltre, lo Snapdragon 8 Gen 2 e persino alcuni dei nuovi chipset Dimensity di MediaTek sono realizzati utilizzando il processo a 4 nm di TSMC, che offre loro un vantaggio rispetto al Tensor G2, che utilizza un processo di produzione a 5 nm leggermente datato. Google dovrà stupirci quest’anno se cercherà di superare i top performer degli OEM concorrenti, e un aumento tanto necessario delle prestazioni e dell’efficienza della batteria sarà senza dubbio molto gradito.

Hardware della fotocamera

I sensori da 1 pollice sembrano essere uno dei più grandi aggiornamenti dell’hardware mobile quest’anno, con i telefoni di Vivo, Xiaomi e Samsung che sfruttano appieno la tecnologia per fornire agli utenti una fotografia mobile piuttosto eccezionale. Sebbene i telefoni Pixel mantengano la loro posizione per quanto riguarda le prestazioni della fotocamera, gran parte di ciò è in parte dovuto alla fotografia computazionale, che essenzialmente utilizza il software per migliorare le prestazioni della fotocamera.

Attualmente, Google utilizza una fotocamera principale da 50 MP nel suo Pixel 7 Pro, con una dimensione del sensore da 1/1,31 pollici. Non c’è dubbio che un sensore di dimensioni maggiori contribuirà a migliorare le prestazioni e, sebbene non sia il fattore fondamentale che decide il destino di uno smartphone, non ha molto senso rimanere volutamente indietro rispetto alla concorrenza. Possiamo solo immaginare cosa possa ottenere un sensore più capace abbinato all’elaborazione delle immagini di Google e, data la spinta dell’azienda con le funzionalità di imaging sui suoi telefoni (gomma magica, foto in movimento, foto non sfocate), ha senso solo che Google adotti questa strategia hardware. per le ammiraglie Pixel di quest’anno.

Velocità di ricarica, dati biometrici

Un altro aspetto in cui Pixel non è all’altezza è con le velocità di ricarica: Pixel 7 Pro supporta una velocità di ricarica massima di 23 W, che al giorno d’oggi è dolorosamente lenta soprattutto in un mercato in cui i telefoni ora sono dotati di supporto per la ricarica rapida da 240 W e persino 300 W . Questa bassa velocità, unita alla longevità della batteria piuttosto insignificante del Tensor G2, non è esattamente un caso attraente per il Pixel, ma allo stesso tempo offre a Google la possibilità di alzare la posta una volta che il Pixel 8 arriva sulla scena.

Un altro punto controverso è il sensore di impronte digitali presente sui dispositivi Pixel 7. Personalmente, la velocità di scansione non mi ha mai infastidito, anche se molti utenti hanno espresso le loro lamentele riguardo all’accuratezza e alla velocità del sensore in-display sui Pixel, soprattutto se confrontato con hardware simile di Samsung e simili. Speriamo che Pixel 8 riesca a migliorare su questo.

Disponibilità di mercato

C’è un motivo per cui i primi dieci smartphone del 2022 (almeno in termini di vendite) includono solo iPhone e telefoni Samsung economici, e una grande ragione di ciò è la disponibilità regionale, almeno secondo la mia onesta opinione. Ho già scritto su come Google ha bisogno di commercializzare Pixel in più regioni del mondoe, sebbene la vendita di Pixel in più paesi non sia una garanzia assoluta di un improvviso aumento delle vendite internazionali, apre il marchio Pixel a una migliore familiarità ed esposizione per gli utenti che non hanno familiarità con la gamma di smartphone di Google.

D’altra parte, è bello vedere un maggiore sforzo da parte di Google per commercializzare Pixel negli Stati Uniti, ad esempio. L’azienda ha collaborato con grandi organizzazioni come la NBA e ha persino rilasciato i suoi telefoni in diversi paesi tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Germania, Spagna, Italia, Francia, Irlanda, Paesi Bassi, Danimarca, Svezia, Norvegia, Giappone, Australia , India, Singapore e Taiwan. Sicuramente, spingere per una maggiore disponibilità internazionale può solo aiutare a spingere ulteriormente la portata di Pixel.

Qualità di costruzione

A rischio di sembrare un pignolo, un altro aspetto in cui penso che Pixel possa ancora migliorare riguarda la qualità costruttiva e la coerenza hardware. Negli ultimi mesi, ad esempio, abbiamo visto segnalazioni di sfarfallio degli schermi di Pixel 7 e rotture delle fotocamere e, sebbene non sia un problema molto diffuso, di certo non aiuta a commercializzare l’immagine di Pixel a potenziali acquirenti e persino ai veterani del marchio .

Si potrebbe obiettare che altri smartphone di marchi come Samsung e Apple hanno affrontato ciascuno i propri problemi in termini di qualità costruttiva, il che non cambia il fatto che Google occasionalmente abbia dei problemi con il controllo di qualità. Avendo posseduto io stesso due telefoni Pixel 6, ho notato che uno aveva un sensore della fotocamera più rumoroso, insieme a un display di colore verde che non era presente nell’altro mio telefono.

Ancora una volta, non è un problema universalmente diffuso, ma l’impegno per una qualità hardware più solida è sempre un grande vantaggio per i consumatori e le aziende stesse.

Pensieri finali

Prima che qualcuno afferri i propri forconi, vorrei chiarire che questi sono solo alcuni pensieri personali e mi diverto ancora molto a usare i miei telefoni Pixel, ma a chi non piace un po’ di miglioramento? Ovviamente, quando tutto è stato detto e fatto, alla fine è Google che ha l’ultima parola su come andrà a finire il Pixel 8, e possiamo solo sperare come consumatori di vedere alcuni miglioramenti utili che giustificano il prezzo richiesto.

Che ne dici di te: pensi che Google debba cambiare il suo approccio con il suo hardware mobile? Fateci sapere nei commenti qui sotto.