Mer. Apr 17th, 2024

Essendo stato un fan delle console di gioco portatili, suppongo di poter affermare con certezza che l’annuncio del Logitech G Handheld qualche tempo fa ha suscitato il mio interesse. Dopotutto, è un dispositivo di gioco dedicato di un grande marchio specializzato in periferiche di gioco e sembrava una ricetta per una combinazione vincente.

D’altra parte, la sua esistenza è stata respinta da molti a causa della presenza di palmari più potenti come Steam Deck e ROG Ally, ad esempio. Inoltre, alcuni erano scettici sulla sua attenzione ai giochi basati su cloud, una funzionalità che la maggior parte degli smartphone può fare al giorno d’oggi. Dopotutto, perché spendere soldi per un secondo dispositivo che fa qualcosa che il tuo smartphone può già fare?

Con questo in mente, però, Ho deciso comunque di andare avanti e passare un po’ di tempo con il dispositivo, con un grande obiettivo in mente.

Dispositivo di emulazione

Logitech ha chiarito perfettamente che il più grande punto di forza di G Cloud Handheld era la sua capacità di riprodurre in streaming i tuoi giochi per console preferiti utilizzando app sia locali che basate su cloud come il servizio di gioco Xbox Cloud di Microsoft e Nvidia GeForce Now, solo per citarne un paio. Allo stesso tempo, però, non ha esitato a informare le persone che funzionava su Android: questo significava un regno di possibilità in termini di gioco, e non sto parlando solo di giochi per dispositivi mobili.

Dal momento in cui l’ho visto, sapevo che avrei utilizzato il palmare Logitech G principalmente per l’emulazione

Dal momento in cui l’ho visto, sapevo che avrei utilizzato il palmare Logitech G principalmente per l’emulazione, specialmente per i vecchi sistemi retrò. Nel corso degli anni Android è diventato un paradiso per l’emulazione di console, grazie a una tonnellata di diversi emulatori per sistemi dagli anni ’80 fino alle console “nuove” come Gamecube e PS2. È un grande vantaggio avere soprattutto se molti dei titoli che stai cercando non sono ufficialmente supportati su nessuna piattaforma di gioco attuale.

C’è anche il fatto che la maggior parte dei giochi Android al giorno d’oggi ricorre a micro-transazioni e al supporto limitato del controller, il che ha solo rafforzato la mia causa per raddoppiare l’emulazione.

Esperienza utente

In termini di utilizzo, ci sono molte cose che il palmare Logitech fa bene: ha un touch screen nitido e reattivo con una nitida risoluzione di 1920 × 1080 pixel e si sente comodo da usare per lunghe sessioni di gioco grazie alle impugnature a sinistra e i lati destro del dispositivo, che penso migliorino la maneggevolezza in generale. E sebbene il dispositivo non sia esattamente un concentrato di prestazioni (viene fornito con un chip Snapdragon 720G di fascia media e 4 GB di RAM), è stato abbastanza buono per molti dei giochi con cui avevo intenzione di usarlo.

Per quanto riguarda i controlli, sul dispositivo è presente un set completo di input del controller e viene fornito con tutto, dai pulsanti di avvio e selezione fino agli ingressi spalla e trigger. Poiché la maggior parte degli emulatori supporta la mappatura dei pulsanti, il set completo di controlli sul palmare Logitech G è stata una caratteristica molto gradita. La durata della batteria è stata impressionante, anche se la ricarica richiede un po’ di tempo.

Per quanto riguarda le prestazioni in sé, Logitech Handheld è riuscito a gestire la mia particolare selezione di giochi, che ruotano principalmente attorno ai titoli Gameboy Advance, PlayStation One e PlayStation Portable. I giochi GBA e PS1 sono stati in grado di funzionare sul dispositivo senza intoppi, il che è comprensibile data l’età dei sistemi su cui originariamente dovevano essere giocati.

I giochi per PSP andavano per lo più bene e anche titoli graficamente pesanti come God of War: Ghost of Sparta e Tekken 6 erano in grado di funzionare sul palmare. C’erano alcuni giochi che funzionavano un po ‘incerti, anche se potevo attribuirli ai limiti dell’app di emulazione che stavo usando.

Alcune riserve

Nessun dispositivo è perfetto, tuttavia, e se guardi abbastanza bene vedrai che il palmare Logitech G ha alcuni punti deboli particolari. Come accennato in precedenza, lo Snapdragon 720G a bordo del dispositivo non è particolarmente potente e, data l’enfasi sui giochi basati su cloud, la mancanza di connettività 5G sul palmare è una decisione piuttosto strana.

In termini di software, il dispositivo funziona su Android 11, che in questo momento è una versione molto vecchia del sistema operativo. Da un lato, ho ricevuto un aggiornamento software che ha portato la mia versione dell’aggiornamento di sicurezza Android alla patch di marzo 2023, così come l’aggiornamento del sistema Google Play del dispositivo alla patch di giugno 2023. Ma ancora una volta, sarebbe stato bello vedere almeno Android 12, specialmente con 14 all’orizzonte.

Inoltre ci sono alcuni giochi che non sono riusciti a funzionare sul palmare Logitech G, con titoli come Chaos Rings 3 o Implosion: Never Lose Hope che si sono semplicemente chiusi. Questo mi ha lasciato perplesso perché sono stato in grado di eseguire questi giochi su telefoni più economici con hardware meno impressionante, e spero che presto ci sia una soluzione lungo la strada.

Pensieri finali

Alla fine della giornata, la più grande considerazione che dovrai fare sul palmare Logitech G è il suo prezzo. A $ 350 non è esattamente economico, e considerando che puoi ottenere qualcosa come Nintendo Switch allo stesso prezzo con una libreria di giochi più solida, ti farà sicuramente pensare due volte prima di prenderne uno.

Per l’emulazione, non c’è molto che il Logitech G Handheld sbagli e, sebbene non racchiuda hardware estremamente potente rispetto ai dispositivi di gioco portatili concorrenti sul mercato, c’è molto divertimento da fare con il Logitech G Handheld stesso. Vorremmo solo che fosse molto più economico.

Altro qui:

  • Le migliori console di gioco portatili da acquistare nel 2023
  • Sony presenta il suo nuovissimo palmare… Più o meno