Lun. Giu 17th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Un analista petrolifero presso una società statunitense di commercio di materie prime è stato licenziato dopo che un video circolato sui social media lo mostrava in uno scambio di tensione con uno spettatore mentre nascondeva quelli che sembravano essere manifesti di ostaggi israeliani a Gaza.

Kurush Mistry aveva lavorato presso Freepoint Commodities per nove anni, secondo la sua pagina LinkedIn. Precedentemente ha lavorato presso le banche Morgan Stanley, Barclays e Lehman Brothers.

Un video pubblicato sui social media alla fine della scorsa settimana mostrava Mistry che incollava volantini su un lampione e mostrava cartelli che dicevano “Israele è uno stato di apartheid” e “Gli occupanti ne affrontano le conseguenze”.

È stato anche filmato mentre faceva un gesto osceno nei confronti di una persona che si identificava come ebreo americano mentre litigavano su un marciapiede. Lui e una donna hanno detto alla persona: “Torna nel tuo paese”.

In una dichiarazione dopo che il video di Mistry è diventato virale, Freepoint ha affermato di essere “a conoscenza del recente incidente antisemita riportato sui social media e che l’individuo coinvolto non è più associato a Freepoint”.

Due persone a conoscenza della questione hanno identificato l’individuo nel video come Mistry e hanno confermato che è stato licenziato da Freepoint. Non è stato possibile contattare immediatamente Mistry per un commento.

Freepoint, con sede nel Connecticut, è coinvolta nei mercati dell’energia, dei metalli e dell’agricoltura. È stata fondata nel 2011 da David Messer e altri ex leader di Sempra Commodities, una volta una delle principali società di commercio di materie prime. Messer è anche presidente del consiglio di amministrazione dello Shalem College, un college universitario privato a Gerusalemme fondato nel 2013, secondo il suo sito web.

“Apprezziamo la diversità di punti di vista e opinioni dei nostri dipendenti, ma Freepoint non tollera la discriminazione e l’incitamento all’odio diretti contro alcun gruppo”, ha affermato la società.

L’incidente mostra come le ripercussioni della guerra di Israele contro Hamas stiano raggiungendo la comunità imprenditoriale dai campus universitari che sono diventati un punto focale per punti di vista opposti sul conflitto. Episodi di antisemitismo e islamofobia sono stati segnalati in tutto il mondo mentre Israele risponde all’attacco di Hamas del 7 ottobre bombardando la densamente affollata Striscia di Gaza.

Gli studi legali hanno revocato le offerte agli studenti sulla loro partecipazione a gruppi che criticano Israele per il conflitto e hanno esortato le università a fare di più per reprimere l’antisemitismo studentesco.

Il mese scorso, dirigenti e finanziatori statunitensi di alto profilo hanno espresso indignazione per una dichiarazione rilasciata da gruppi dell’Università di Harvard che ritenevano “il regime israeliano interamente responsabile di tutta la violenza in corso”.

Secondo l’Anti-Defamation League, un gruppo di difesa ebraica, il numero di episodi di antisemitismo è quadruplicato negli Stati Uniti dallo scoppio della guerra.

Tra le crescenti segnalazioni di minacce e violenze contro studenti ebrei e musulmani, gli accademici di alcune delle principali istituzioni del paese si incontreranno la prossima settimana per esplorare modi per disinnescare le tensioni.