Gio. Mag 23rd, 2024
Anglo American sarà acquistata o smembrata dopo aver rifiutato un'offerta da 31 miliardi di sterline BHP, credono gli investitori

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Gli investitori ritengono che la società mineraria Anglo American sia destinata ad essere acquistata o smembrata anche dopo che il gruppo quotato a Londra, fondato 107 anni fa, ha rifiutato un approccio ostile di acquisizione da 31 miliardi di sterline da parte del rivale australiano BHP.

Anglo venerdì ha annunciato l'offerta indicativa di tutte le azioni di BHP “significativamente sottovaluta” della società e sarebbe “altamente poco attraente” per i suoi azionisti.

Ma gli investitori, tra cui l’hedge fund attivista Elliott Management, stanno girando intorno e l’amministratore delegato di Anglo Duncan Wanblad ora deve affrontare una lotta per mantenere intatta la società FTSE 100.

“Non riesco a vedere Anglo esistere come società indipendente entro la fine dell’anno nella sua forma attuale”, ha affermato uno dei primi 10 azionisti di Anglo.

La posizione della società è stata ulteriormente complicata dal fatto che Elliott, con sede negli Stati Uniti, ha accumulato una partecipazione di 1 miliardo di dollari utilizzando derivati, equivalente a circa il 2,5% delle azioni della società, secondo i documenti normativi.

Analisti e investitori hanno previsto che il rifiuto dell'offerta da parte di Anglo incoraggerà concorrenti come Glencore e Rio Tinto a presentare offerte rivali e BHP per migliorare il suo prezzo. BHP ha tempo fino al 22 maggio per adottare un approccio formale secondo le regole di acquisizione del Regno Unito.

La mossa su Anglo rappresenta l’ultimo tentativo di BHP con sede a Melbourne – conosciuta colloquialmente come “The Big Australian” nel suo mercato interno – di rimodellare l’industria mineraria globale.

Sotto Mike Henry, il veterano dell’azienda nominato amministratore delegato quattro anni fa, BHP ha rifocalizzato la propria attività su quelli che definisce minerali “rivolti al futuro”, tra cui rame e cloruro di potassio, cedendo al contempo le sue attività di esplorazione di petrolio e gas.

L'attuale approccio all-stock esclude le attività di Anglo nel settore del platino e del minerale di ferro in Sud Africa, che sono quotate in modo indipendente a Johannesburg. BHP ha detto che, in caso di successo, esaminerà gli altri asset di Anglo come i diamanti di De Beers e le operazioni di manganese in Sud Africa.

L'African National Congress, al governo in Sudafrica, che si sta preparando per le elezioni generali di maggio, ha reagito con rabbia alla proposta di scioglimento di una delle sue società più storiche.

“Se [companies] Se non vogliono asset sudafricani, non vogliono nemmeno quelli anglosassoni”, ha detto venerdì al MagicTech Gwede Mantashe, ministro minerario del paese. “Anglo è un’industria sudafricana. Anglo non è un'entità straniera. È nato e cresciuto qui, grazie alla nostra manodopera a basso costo. . . quindi non puoi volere l’Anglo e non volere il Sud Africa”.

Alcuni grandi azionisti anglosassoni hanno dichiarato questa settimana di aspettarsi che BHP faccia un'offerta più alta. Di conseguenza, venerdì le azioni di BHP hanno chiuso in ribasso del 4,6% tra le preoccupazioni degli investitori per il pagamento eccessivo della società. Il calo abbassa la valutazione dell’offerta da 31 miliardi di sterline a meno di 30 miliardi di sterline.

BHP ha rifiutato di commentare il rifiuto della sua proposta da parte di Anglo.

Venerdì il prezzo delle azioni di Anglo è aumentato di un ulteriore 3,5% alla notizia della partecipazione di Elliott. Sono aumentati di oltre un quinto questa settimana.