Ven. Mag 24th, 2024
I dati statunitensi offuscano il quadro per gli investitori obbligazionari

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

I dati economici sottosopra degli Stati Uniti pubblicati questa settimana hanno lasciato i mercati in difficoltà, ma ancora appena fuori dalla zona di pericolo.

I dati ufficiali hanno rivelato giovedì che l’economia americana non stava necessariamente superando il resto del mondo sviluppato come si pensava. Si scopre che la crescita si è svolta a un ritmo annualizzato dell’1,6% nel primo trimestre, molto al di sotto del 3,4% del quarto trimestre dello scorso anno e ben lontano dal 2,5% che gli economisti si aspettavano.

Per un breve momento, i prezzi dei titoli di Stato di riferimento sono saliti in risposta, una tipica reazione a un brutto shock sulla crescita.

Ma altri dati offuscano il quadro, in particolare sull’inflazione. Venerdì, la misura delle fluttuazioni dei prezzi della Federal Reserve – i dati sulla spesa per i consumi personali – ha mostrato un piccolo aumento al 2,7% nell'anno fino a marzo, un naso sopra le previsioni e sopra la lettura del mese precedente.

Per mesi, coloro che hanno sperato che la Fed tagliasse i tassi di interesse in modo aggressivo, e presto, hanno tratto conforto dai dati sull’inflazione PCE relativamente calmi e hanno cercato di ignorare dati incoraggianti e forti da altre misure. I dati come quelli di venerdì sottolineano davvero che la direzione del viaggio non punta in quella direzione. “In qualunque modo si analizzino i numeri, questo chiaramente non è il tipo di slancio inflazionistico in cui la Fed potrebbe sentirsi a proprio agio nel tagliare i tassi”, ha osservato Jim Reid della Deutsche Bank.

Il risultato è che i prezzi delle obbligazioni sono nuovamente scesi, e i rendimenti dei titoli di riferimento a 10 anni sono tornati ai livelli di novembre, poco sotto il 4,7%, come se tutta la frenesia intorno ai tagli dei tassi attesi alla fine del 2023 e a fine 2023 l'inizio di quest'anno è stato tutto uno strano sogno. Non parliamone mai più.

I grandi vincitori qui sono i macro hedge fund che hanno scommesso su pochi o nessun taglio dei tassi da parte della Fed quest’anno e su un relativo rialzo dei rendimenti obbligazionari. Sono sicuro che siamo tutti felici di vedere i miliardari oppressi godere di un colpo di fortuna.

Per il resto di noi, umili comuni mortali, questa combinazione di crescita più lenta e inflazione fastidiosa è un mix inquietante.

I mercati obbligazionari hanno già preso male la morte del taglio dei tassi. “Il reddito fisso non è stato preso in giro”, ha affermato Michael Kelly, responsabile globale del settore multi-asset presso PineBridge Investments. “È un terremoto”.

Le azioni, nel frattempo, possono affrontare la situazione con calma finché i tassi di interesse più alti sono il risultato di un’economia più forte, ha detto, e finché gli investitori sono sicuri che il prossimo movimento dei tassi, quando arriverà, sarà un taglio. “Non penso davvero che il mercato azionario cada dal letto finché la prognosi è al ribasso, non al rialzo”, ha detto.

Ma è un po’ più difficile avere certezze su entrambi i fronti alla luce degli ultimi dati, da qui il forte ritiro delle azioni giovedì che è stato salvato solo dai risultati ottimistici di Alphabet e Microsoft.

Un rialzo dei tassi di interesse statunitensi quest’anno rimane una possibilità a lungo termine. Ma è ancora una prospettiva che alcuni investitori stanno iniziando a prendere più sul serio. Per usare un eufemismo, “questo sarebbe davvero un problema per il mercato azionario”, ha affermato Robert Alster, chief investment officer di Close Brothers Asset Management.

In questo momento, l’umore del mercato è piuttosto pessimista, soprattutto perché la natura appiccicosa dell’inflazione ha colto di sorpresa anche gli economisti più astuti. Ma a differenza dello scorso autunno, quando si è fatta strada l’idea che i tassi sarebbero rimasti più alti per un periodo più lungo, la situazione è calma. Alcuni investitori stanno addirittura apprezzando la possibilità di accumulare più azioni dopo un raro recente calo dei prezzi. La chiave per capire cosa potrebbe apportare questo cambiamento è il numero cinque.

I numeri rotondi non dovrebbero avere importanza nei mercati, ma la realtà è che lo fanno, e più il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni di riferimento si avvicina al 5%, più forte diventerà il rumore.

Se ripensi a ottobre, avvicinarsi e poi raggiungere quel punto ha scatenato un momento di panico attorno alle domande davvero grandi. Chi acquisterà tutti i titoli di Stato americani? Come si finanzierà la principale superpotenza mondiale? Il dollaro rimarrà la principale valuta di riserva globale?

Come sempre, le risposte a queste domande sono state: 1: tutti, solo a un prezzo inferiore; 2: vedere 1; e 3: sì. Ma non è mai un’esperienza confortevole quando questi sono i dibattiti.

L’attuale ripristino dei rendimenti obbligazionari è diverso da quello dello scorso anno. L’inflazione, sebbene superiore a quella desiderata, è nettamente inferiore. Ma quando i rendimenti raggiungono massimi di questo tipo, la domanda se valga davvero la pena acquistare azioni quando è possibile ottenere rendimenti su obbligazioni prive di rischio diventa più acuta. Allo stesso tempo, i fanatici dell’oro e gli entusiasti della crisi fiscale escono allo scoperto, mettendo un freno all’entusiasmo più ampio per gli asset rischiosi.

Investire non è mai così semplice come “grandi numeri, vendi tutto”. Ma quando l’umore è nervoso, questi giochi mentali possono avere un impatto reale.

“Cinque è davvero un buon numero”, ha detto Alster di Close Brothers. “Finché siamo sotto i cinque anni e i dati inflazionistici non peggiorano. . . possiamo convincerci che la prossima mossa è verso il basso e penso che tutto andrà bene.

[email protected]