Gio. Mag 23rd, 2024
Big Oil accusata di decenni di negazionismo e di ambiguità sul cambiamento climatico, afferma il rapporto della commissione statunitense

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

I più grandi gruppi petroliferi del mondo sono stati accusati di “negazione, disinformazione e linguaggio ambiguo” durante un’audizione del Congresso degli Stati Uniti, dopo che un’indagine ha dimostrato che avevano riconosciuto privatamente per decenni che l’uso di combustibili fossili provoca il cambiamento climatico.

I risultati hanno fatto seguito a un’indagine durata tre anni documenti interni rinvenuti dalle principali società energetiche con prove di campagne concertate “per confondere e fuorviare il pubblico mentre si lavora incessantemente per bloccare il futuro dei combustibili fossili”, ha affermato nel rapporto Jamie Raskin, il massimo democratico della commissione di sorveglianza della Camera.

L'indagine è stata condotta dai democratici nelle commissioni Vigilanza della Camera e Bilancio del Senato.

Mercoledì Raskin ha dichiarato: “La negazione, la disinformazione e il linguaggio ambiguo di Big Oil – tutto al servizio della loro campagna per ingannare il pubblico sull’enorme crisi climatica in cui ci troviamo e sul ruolo che Big Oil ha svolto nel provocarla”.

L’udienza arriva quando gli scienziati concludono che il 2023 è stato l’anno più caldo mai registrato. All’inizio di quest’anno, l’Organizzazione meteorologica mondiale ha lanciato un “allarme rosso” sui cambiamenti climatici che causano temperature record della superficie e degli oceani, il ritiro dei ghiacciai e l’innalzamento del livello del mare.

Il rapporto, che è accompagnato da documenti di Chevron, BP, ExxonMobil, Shell, American Petroleum Institute e Camera di commercio degli Stati Uniti, rileva che le società “hanno lavorato per decenni” per minare la comprensione pubblica del cambiamento climatico.

In un esempio, in risposta alle politiche sul cambiamento climatico dello stato di Washington, la BP ha pianificato di spendere tra i 2,5 e i 4,5 milioni di dollari in tattiche di “forte persuasione”, altri 2,5 milioni di dollari in un vivaio di salmoni per associare la BP alla “robusta vita marina” e 300.000 dollari in “ persuasione morbida” con i funzionari eletti.

Riferisce inoltre che l’industria ha promosso il gas, prodotto principalmente da metano, come combustibile pulito, pur “riconoscendo internamente che esistono prove scientifiche significative che le emissioni del ciclo di vita del gas sono altrettanto dannose del carbone”.

Secondo l’indagine, le aziende si sono anche impegnate pubblicamente a sostenere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi del 2015 e a raggiungere gli obiettivi di zero emissioni nette, pur riconoscendo internamente che non avrebbero potuto raggiungere tali obiettivi.

Sheldon Whitehouse, presidente della commissione bilancio del Senato che ha tenuto l’udienza mercoledì, ha affermato che l’industria dei combustibili fossili ha “ingannato il pubblico americano” mentre “raccoglieva profitti record”.

Le compagnie petrolifere di tutto il mondo hanno riportato profitti eccezionali negli ultimi due anni, dopo che l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia ha provocato un’impennata del prezzo del greggio.

Chuck Grassley, il massimo esponente repubblicano della commissione Bilancio del Senato, ha affermato che è “innegabile” che i combustibili fossili siano “critici” per la sicurezza energetica degli Stati Uniti. Ha anche accusato i democratici di non “riconoscere l’impopolarità delle loro numerose proposte di politica climatica”.

“Ciò che è peggio è che danno per scontato che il popolo americano che non vuole regolamenti climatici costosi e gravosi sia troppo stupido per pensare con la propria testa”, ha detto Grassley nella sua testimonianza di apertura.

L’API ha affermato che l’indagine era “retorica infondata dell’anno elettorale”. La Camera di Commercio statunitense, Chevron, BP e Shell sono state contattate per un commento.

Exxon ha affermato che il rapporto includeva “accuse logore” che erano state affrontate pubblicamente attraverso precedenti commissioni congressuali sullo stesso argomento e contenziosi nei tribunali.

“Come abbiamo detto più e più volte, il cambiamento climatico è reale e abbiamo un’intera azienda dedicata alla riduzione delle emissioni, sia nostre che di altri”, ha affermato.

L'azienda ha un Piano zero emissioni nette per il 2050 per le emissioni derivanti dalle proprie attività, ma non affronta le cosiddette emissioni di ambito 3, che sono il risultato dell’uso dei suoi prodotti e costituiscono la maggior parte dell’inquinamento quando vengono bruciati.

A marzo, l’OMM ha riportato che le temperature superficiali globali lo scorso anno erano di 1,45°C superiori ai livelli preindustriali, con un margine di incertezza di 0,12°C.

I record sono stati battuti “e in alcuni casi distrutti” per i livelli di gas serra, il calore e l’acidificazione degli oceani, l’innalzamento del livello del mare, la copertura del ghiaccio marino antartico e il ritiro dei ghiacciai, ha affermato l’agenzia delle Nazioni Unite.