Mar. Giu 18th, 2024
Bill Ackman progetta l'IPO di Pershing Square

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Il miliardario Bill Ackman sta pianificando un'offerta pubblica iniziale della sua azienda Pershing Square, una mossa che lo renderebbe uno dei pochi hedge fund quotati sui mercati pubblici.

Una IPO a New York potrebbe avvenire già alla fine del prossimo anno, secondo una persona a conoscenza della questione.

In vista di una potenziale quotazione, Pershing Square sta finalizzando la vendita di una quota del 10% nella società che la valuterebbe a 10,5 miliardi di dollari, ha detto la fonte. Pershing è di proprietà di Ackman e di altri 17 soci dell'azienda.

La nuova valutazione aumenterebbe il patrimonio netto di Ackman di oltre 4 miliardi di dollari e renderebbe Ryan Israel, chief investment officer di Pershing, un miliardario, ha affermato la persona.

Ackman si è fatto un nome come investitore attivista, acquisendo partecipazioni in aziende dal rivenditore JCPenney alla Canadian Pacific Railway e spingendo aggressivamente per il cambiamento. Negli ultimi anni il gestore degli hedge fund ha adottato un approccio più conciliante e ha cercato di lavorare dietro le quinte con le aziende.

Secondo i documenti normativi, Pershing Square ora possiede un gruppo concentrato di azioni che includeva Alphabet, Hilton Worldwide Holdings e Chipotle Mexican Grill alla fine del primo trimestre.

Circa la metà del denaro che Pershing sta tentando di raccogliere attraverso la vendita delle quote sarà destinata al lancio di un fondo chiuso negli Stati Uniti, Pershing Square USA, entro la fine dell'anno. Il resto sosterrà il lancio di fondi futuri.

Ackman ha già un fondo di investimento chiuso quotato alla Borsa di Londra e alla Borsa di Amsterdam.

Pershing Square ha rifiutato di commentare. Il piano di Pershing Square di vendere una quota e infine quotarsi in borsa è stato riportato per la prima volta dal Wall Street Journal.

La notizia arriva dopo che il MagicTech ha riferito che Ackman sarebbe propenso a sostenere Donald Trump nelle elezioni americane, secondo una persona informata del suo pensiero.

Ackman, che ha condotto una forte campagna contro i capi universitari statunitensi che sostiene abbiano tollerato la discriminazione antiebraica nei campus, aveva precedentemente indicato che stava valutando la possibilità di trasferire il suo sostegno a Trump.