Mar. Mar 5th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

L’accordo recentemente annunciato da BlackRock per l’acquisizione di Global Infrastructure Partners, uno dei principali gestori patrimoniali negli investimenti in infrastrutture private, è una mossa sorprendente.

Da un lato ha un ovvio senso strategico. BlackRock è da tempo debole nelle classi di attività alternative come le infrastrutture. Inoltre, il “divario infrastrutturale” a livello mondiale – tra gli investimenti infrastrutturali in corso o pianificati e gli investimenti effettivamente necessari, anche per raggiungere gli obiettivi climatici – diventa sempre più ampio. Se a una classe di asset viene garantita una solida crescita a lungo termine degli investimenti, quella sembra essere proprio quella delle infrastrutture.

D’altro canto, gli investimenti nelle infrastrutture sono attualmente in fase di stasi. Gli indici delle infrastrutture quotate sono rimasti stabili nel corso del 2022 e del 2023, mentre il mercato privato – territorio di GIP – ha visto il collasso della raccolta fondi.

La causa principale della recessione sono le condizioni macroeconomiche. E il problema non è tanto l’inflazione quanto le misure adottate dalle banche centrali per affrontarla. Ciò che ha frenato gli investimenti nelle infrastrutture è l’aumento dei tassi di interesse.

Gli investimenti nelle infrastrutture non sono mai stati un’attività ad alto rendimento; il suo fascino sono i rendimenti annuali regolari. Tale attrattiva ha raggiunto il picco tra il 2009 e il 2021, quando i tassi di interesse in gran parte del mondo erano ai minimi termini e gli investitori per i quali le obbligazioni erano convenzionalmente l’asset class di riferimento per il rendimento sono stati costretti a guardare altrove. Le infrastrutture hanno fatto al caso nostro. Ma ora che i tassi delle banche centrali sono risaliti al 5% o più, ha perso il suo splendore.

Questo è lo scenario in cui va valutato l’accordo BlackRock-GIP. Chiaramente, BlackRock non ritiene che l’attuale flessione del mercato delle infrastrutture durerà. Cosa si aspetta di cambiare?

Un progressivo allentamento della politica monetaria e un calo dei tassi di interesse devono far parte dei suoi calcoli. È inimmaginabile che BlackRock pagherebbe 12,5 miliardi di dollari per il GIP se credesse che i tassi di interesse più alti siano destinati a durare. Ma c’è sicuramente qualcosa di più nella logica dell’accordo oltre a questo. Come ogni altra cosa, la scommessa GIP di BlackRock è una scommessa sulla politica del governo.

Una caratteristica notevole del finanziamento privato e della proprietà delle infrastrutture pubbliche è sempre stata la condivisione del rischio. Per incoraggiare gli investimenti, i governi si assumono ampiamente rischi che gli investitori privati ​​non si assumeranno, compresi molti rischi legati alla domanda.

Da quando i tassi di interesse hanno iniziato a salire nel 2021, i gestori patrimoniali delle infrastrutture e i governi hanno giocato a poker ad alto rischio. Implicitamente o esplicitamente, i primi hanno detto ai secondi: se volete che continuiamo a finanziare nuove infrastrutture, dovete assorbire più rischi perché le condizioni macroeconomiche si sono rivolte contro di noi.

Chi sbatterà le palpebre per primo? L’acquisizione di GIP da parte di BlackRock è, soprattutto, una scommessa sul fatto che saranno i governi a farlo. In effetti, il battito delle palpebre è già iniziato. Questo è esattamente il modo in cui dovremmo concepire l’Inflation Reduction Act degli Stati Uniti, concepito com’era per rilanciare gli investimenti nelle infrastrutture attraverso maggiori sussidi. Spiegando l’accordo GIP, l’amministratore delegato di BlackRock Larry Fink ha espresso la fiducia che altri governi lo farebbero mettersi in riga: “I politici stanno appena iniziando a implementare incentivi finanziari unici per nuove tecnologie e progetti infrastrutturali”.

La più ampia ortodossia politico-economica della nostra epoca suggerisce che la scommessa di BlackRock sarà ripagata. Gli investimenti pubblici per la proprietà delle infrastrutture pubbliche sembrano oltre ogni limite: uno dopo l’altro, i politici, anche nei paesi ricchi, si sono schierati per escludere una significativa espansione fiscale. Se i governi non sono disposti ad agire essi stessi come proprietari-investitori di infrastrutture alla maniera, ad esempio, della Cina, allora quale altra scelta hanno realmente, se non quella di compiacere gli investitori privati?