Gio. Giu 13th, 2024
Calpers voterà contro il consiglio di amministrazione e l'amministratore delegato di Exxon per una causa "sconsiderata".

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Calpers, il più grande piano pensionistico pubblico negli Stati Uniti, ha deciso di votare contro la rielezione del consiglio di amministrazione e dell'amministratore delegato di ExxonMobil in segno di protesta contro l'azione legale “sconsiderata” della major petrolifera volta a “mettere a tacere” le voci degli azionisti.

L'annuncio del fondo da 463 miliardi di dollari arriva nel contesto delle crescenti critiche degli investitori nei confronti della decisione di Exxon di citare in giudizio due gruppi di investitori focalizzati sul clima per bloccare una risoluzione da loro introdotta chiedendo loro di fare di più per ridurre le emissioni di gas serra.

In modo forte dichiarazione, I leader del fondo hanno affermato che “decenni di diritti degli azionisti” sono minacciati dalla causa.

“Le ripercussioni di questa causa potrebbero essere devastanti”, hanno affermato Marcie Frost, amministratore delegato di Calpers e Theresa Taylor, presidente del consiglio di amministrazione, in una dichiarazione congiunta. “In caso di successo, l’azione legale potrebbe diminuire il ruolo – e i diritti – di ogni investitore nel migliorare i profitti di un’azienda”.

“Ecco perché il 29 maggio 2024 Calpers esprimerà i voti dei nostri azionisti in opposizione a tutti i 12 membri del consiglio di amministrazione di ExxonMobil e al suo amministratore delegato”.

A gennaio, Exxon ha citato in giudizio il gruppo azionario olandese Follow This e il consulente per gli investimenti statunitense Arjuna Capital per bloccare la loro risoluzione sulla riduzione delle emissioni. Exxon ha persistito nella causa anche dopo che i due hanno ritirato la risoluzione, sostenendo che una sentenza del tribunale chiarirà le regole su quali mozioni sono ammissibili.

Si è verificata una proliferazione di risoluzioni degli azionisti su questioni ambientali, sociali e di governance dopo che nel 2021 la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha consentito il voto di un numero maggiore di petizioni ESG.

In una dichiarazione di lunedì, Exxon ha affermato che Calpers ha preso una “scarsa decisione fiduciaria di votare contro un consiglio che ha supervisionato la creazione di valore per gli azionisti leader del settore” e che “non è chiaro il motivo per cui Calpers sta spendendo tempo ed energie per difendere gli abusi”. di un processo azionario da parte di proponenti che hanno dichiarato pubblicamente di non avere interesse a creare valore per gli azionisti”.

“Lungi dall’avere un effetto frenante sulle proposte degli azionisti, i nostri sforzi sono volti a ottenere chiarezza sulle regole per favorire un ambiente per un dialogo aperto e significativo con gli azionisti”, ha affermato la società.

La posizione assunta da Exxon ha tuttavia suscitato una maggiore preoccupazione tra gli investitori.

Anche il Fondo pensionistico comune dello Stato di New York da 260 miliardi di dollari prevede di votare contro la rielezione di tutti i direttori della società tranne due, principalmente sulla base della sua “incapacità di dimostrare una minima disponibilità alla transizione”. Ma aggiunge che “la causa contro gli azionisti per aver esercitato il loro diritto di presentare una proposta è certamente un altro fattore che ha influenzato la nostra decisione”.

Nella dichiarazione di Calpers, Frost e Taylor hanno affermato che il fondo ha detto a ExxonMobil di essere “fortemente in disaccordo” con la sua decisione di portare avanti la causa “sconsiderata” e di continuare a farlo dopo che i gruppi di azionisti hanno accettato di ritirare le loro proposte.

Il fondo – che detiene una partecipazione di circa lo 0,2% o 1 miliardo di dollari nella compagnia petrolifera – esorta gli altri azionisti di ExxonMobil a seguire la sua posizione “per inviare un messaggio che le nostre voci non saranno messe a tacere”.

Glass Lewis, il consigliere delegato, ha chiesto un voto contro Jay Hooley, il principale direttore indipendente della Exxon, spingendo Exxon ad accusare il gruppo di conflitto di interessi sulla sua appartenenza all'Interfaith Center on Corporate Responsibility. L'ISS, un altro importante consulente in materia di proxy, ha chiesto voti a favore del consiglio.

Anche il fondo sovrano norvegese da 1,5 trilioni di dollari ha espresso preoccupazione per le azioni di Exxon. L’amministratore delegato Nicolai Tangen ha dichiarato al FT a febbraio che la causa era uno “sviluppo preoccupante”. “Pensiamo che sia molto aggressivo e siamo preoccupati per le implicazioni sui diritti degli azionisti”, ha detto.

Rispondendo all'annuncio di Calpers, Mark van Baal, fondatore di Follow This, ha affermato che Exxon non ha lasciato “agli azionisti responsabili altra scelta se non quella di votare contro il management per esprimere le proprie preoccupazioni”.

“Investitori come Calpers che utilizzano i loro voti in un modo senza precedenti dimostrano che la causa di Exxon non è contro di noi, ma contro la democrazia degli azionisti in generale”, ha aggiunto.