Sab. Mag 18th, 2024
Calstrs rivela problemi nel calcolo dell’impronta di carbonio del suo portafoglio da 331 miliardi di dollari

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Calstrs, uno dei più grandi piani pensionistici del mondo, ha dovuto ritardare la pubblicazione del suo rapporto sul clima del 2023 dopo aver scoperto delle imprecisioni nel modo in cui calcolava l’impronta di carbonio del suo portafoglio da 331 miliardi di dollari.

Il gigantesco piano pensionistico pubblico della California ha ora affermato che non rilascerà i dati sulle emissioni di carbonio del 2023 fino al 2025.

È stato inoltre rivelato nel avvisi all'ordine del giorno durante la riunione del consiglio di investimento del 1° maggio, ha scoperto “dati significativi e problemi di calcolo” mentre cercava di stimare la propria impronta di carbonio per il 2022. L’uso di dati incompatibili e non corrispondenti ha portato a “risultati imprecisi”, ha scritto.

La mossa solleva dubbi su simili divulgazioni di net zero da parte di altri grandi proprietari di asset perché Calstrs utilizza un metodo di calcolo che è stato ampiamente adottato a livello globale, hanno detto gli esperti del settore.

Le difficoltà potrebbero anche incoraggiare i repubblicani e i critici economici a sostenere che calcolare l’impronta di carbonio aziendale è una perdita di tempo e risorse.

Calstrs, che gestisce le pensioni di circa 1 milione di insegnanti ed educatori, nel 2021 si è unito a un gruppo di grandi proprietari di asset impegnandosi a raggiungere l’obiettivo di zero emissioni nette di portafoglio almeno entro il 2050.

Come parte di questo sforzo, ora cerca di misurare le emissioni di carbonio provenienti dai suoi asset, che includono aziende pubbliche e private, immobili e infrastrutture.

A tal fine, ha calcolato la quota di proprietà di ciascuna società e ha quindi ipotizzato che fosse responsabile di quella quota delle emissioni dichiarate dalla società.

I problemi sono sorti perché i dati provenivano da fornitori diversi. Le partecipazioni sono state valutate alla fine dell'anno, ma i valori totali dell'azienda e le emissioni sono stati riportati in diversi momenti dell'anno.

Per le società che avevano registrato movimenti significativi nei valori dei prezzi delle loro azioni, le differenze di data hanno sostanzialmente alterato i risultati. “Determinare la nostra proprietà rispetto al valore totale di un'azienda si è rivelato impegnativo”, ha scritto.

Calstrs ha affermato che l’unico modo per garantire che i dati siano accurati è ritardare i calcoli delle emissioni di ogni anno finché non si possa essere sicuri che tutti i dati coprano lo stesso periodo di tempo.

Ha inoltre osservato che era “impegnativo” calcolare le emissioni di carbonio derivanti dal suo portafoglio di private equity dato che il settore ha continuato a “ritardare rispetto ad altre classi di attività” rispetto alla disponibilità dei dati.

Calstrs ha rifiutato di commentare oltre l'ordine del giorno e le relazioni del consiglio.

La questione su come rendicontare al meglio le emissioni di carbonio è stata complessa.

Sebbene il mese scorso la Securities and Exchange Commission abbia richiesto per la prima volta alle aziende di rendere pubblici i propri rischi climatici, l’autorità di regolamentazione finanziaria statunitense ha ridimensionato la portata della norma in parte a causa delle preoccupazioni che i dati non fossero abbastanza buoni da fornire rapporti coerenti e affidabili.

BlackRock, il più grande gestore patrimoniale del mondo, ha sottolineato nella sua relazione finanziaria 2023 legata al clima divulgazioni che poteva solo fornire stime dell'impronta di carbonio delle partecipazioni aziendali a causa del divario tra la data in cui ha misurato la partecipazione del gruppo in una società e la data in cui l'azienda ha reso pubbliche le proprie emissioni.

“Fino a quando non riusciremo a convincere le autorità di regolamentazione a imporre questi standard di divulgazione obbligatori e le aziende a iniziare a divulgare parametri verificati su cui si possa fare affidamento, questo problema non sarà risolto”, ha affermato il responsabile degli investimenti sostenibili presso un altro grande gestore patrimoniale.