Ven. Mag 24th, 2024
La Turchia in trattative con ExxonMobil per un accordo multimiliardario sul GNL

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

La Turchia è in trattative con la super-major dell’energia statunitense ExxonMobil per un accordo multimiliardario per l’acquisto di gas naturale liquefatto mentre Ankara cerca di frenare la sua dipendenza dall’energia russa.

Il Paese, che importa quasi tutto il suo gas naturale, sta cercando di costruire un “nuovo portafoglio di forniture” che lo renderà meno dipendente da un singolo partner, ha detto il ministro dell’Energia turco Alparslan Bayraktar in un’intervista al MagicTech.

I colloqui avvengono nel contesto del miglioramento delle relazioni tra Turchia e Stati Uniti dopo che Ankara ha rinunciato al veto sull’adesione della Svezia all’alleanza militare della Nato e Washington ha accettato di vendere alla Turchia aerei da combattimento F-16 per miliardi di dollari. Arrivano anche nel momento in cui la Turchia sta cercando di riposizionarsi come hub energetico regionale.

La Turchia si assicurerebbe fino a 2,5 milioni di tonnellate di GNL all’anno attraverso l’accordo a lungo termine in discussione con Exxon, ha detto Bayraktar, aggiungendo che l’accordo potrebbe durare un decennio.

Bayraktar ha affermato che i termini commerciali dell’accordo Exxon sono ancora in discussione, ma 2,5 milioni di tonnellate di GNL spedite in Turchia costerebbero attualmente circa 1,1 miliardi di dollari, secondo le valutazioni dei prezzi dell’agenzia dati Argus.

Secondo i calcoli del FT basati sui dati dell'Autorità di regolamentazione del mercato energetico, i 2,5 milioni di tonnellate di GNL in discussione sarebbero sufficienti a coprire circa il 7% del consumo di gas naturale della Turchia lo scorso anno. L’anno scorso, la Turchia ha importato 5 milioni di tonnellate di GNL dagli Stati Uniti sul mercato “spot” in cui l’energia viene acquistata e venduta per una consegna imminente, ha affermato Bayraktar.

Exxon ha piani ambiziosi per espandere il proprio portafoglio di GNL a 40 milioni di tonnellate all’anno entro il 2030, circa il doppio rispetto al 2020.

La società possiede una partecipazione del 30% nella Golden Pass LNG, un nuovo terminale di esportazione sulla costa del Golfo degli Stati Uniti che sta costruendo con il partner QatarEnergy. Ha una capacità che supera i 18 milioni di tonnellate all’anno e dovrebbe iniziare a produrre GNL nella prima metà del 2025. Exxon sta inoltre portando avanti progetti GNL in Papua Nuova Guinea e Mozambico.

Exxon ha affermato di aver avuto discussioni iniziali con il governo turco riguardo alle potenziali opportunità di GNL, ma non ha voluto commentare i dettagli della sua strategia commerciale.

Ankara, che ha anche chiesto informazioni ad altri produttori di gas naturale statunitensi sugli accordi di GNL, sta cercando di “diversificare” le sue forniture di gas naturale prima che alcuni dei suoi contratti a lungo termine con la Russia scadano nel 2025 e quelli con l’Iran scadano l’anno successivo, ha detto Bayraktar. .

La Turchia fa molto affidamento sul gas naturale per la produzione di energia e l’industria. Le famiglie beneficiano anche di ingenti e costosi sussidi per il gas attraverso la società statale del gas Botaş.

La Russia è di gran lunga il più grande fornitore di gas naturale della Turchia, rappresentando oltre il 40% del suo consumo lo scorso anno, per lo più arrivato tramite gasdotti. Ankara ha attualmente accordi di fornitura di GNL a lungo termine con Algeria e Oman.

La Turchia ha mantenuto forti legami commerciali, economici e turistici con la Russia anche dopo che gli alleati della Nato hanno evitato Mosca dopo aver lanciato un’invasione su vasta scala dell’Ucraina nel 2022.

Mosca è anche il principale fornitore di petrolio della Turchia e possiederà e gestirà la prima centrale nucleare del paese, attualmente in costruzione, sulla costa mediterranea. La Russia, insieme alla Corea del Sud, hanno entrambi “serio interesse” in un progetto nucleare simile sul Mar Nero, ha detto Bayraktar.

Bayraktar ha difeso le relazioni del suo paese con la Russia, affermando che gli accordi energetici “competitivi” con la Russia hanno aiutato la Turchia a evitare la crisi energetica che ha attanagliato i principali paesi europei dopo l'inizio della guerra.

“Per la sicurezza dell’approvvigionamento, dobbiamo procurarci il gas da qualche parte. Potrebbe provenire dalla Russia, potrebbe provenire dall’Azerbaigian, potrebbe essere l’Iran, o le opzioni GNL”, ha affermato Bayraktar, aggiungendo che “dobbiamo guardare al vantaggio competitivo; quale gas è più economico?”

Bayraktar ha aggiunto che la Turchia ha compiuto uno sforzo concertato per espandere la propria infrastruttura per la ricezione e lo stoccaggio del GNL. Circa il 30% delle importazioni turche di gas naturale lo scorso anno erano costituite da GNL, rispetto al 15% del 2014.

La Turchia ha anche avviato le proprie operazioni di esplorazione e produzione, tra cui un grande sito di gas nel Mar Nero e trivellazioni petrolifere nel sud-est del paese. Il paese potrebbe iniziare entro la fine dell’anno le esplorazioni petrolifere anche nel Mar Nero, ha detto Bayraktar.

Anche se attualmente i progetti locali coprono solo una piccola parte del fabbisogno energetico della Turchia, hanno il potenziale per essere “un vero e proprio punto di svolta per noi”, ha affermato Bayraktar.