Lun. Giu 24th, 2024
Cercando di ottenere il miglior governo possibile

Il mercato delle criptovalute potrebbe già guardare avanti alla vita sotto la prossima amministrazione statunitense, ma nel frattempo spera ancora che la prima serie di regolamenti digitali venga approvata prima delle elezioni presidenziali di novembre.

I dirigenti sono entusiasti del fatto che almeno uno dei numerosi regolamenti sulle criptovalute verrà approvato. Tra le banconote in circolazione ce ne sono alcune riguardanti stablecoin e una valuta digitale della banca centrale.

Ma il più grande è il cosiddetto FIT21. Stabilisce la differenza tra sicurezza digitale e merce digitale e specifica quale agenzia federale li regolerà. Il disegno di legge è passato alla Camera dei Rappresentanti ed è ora al Senato.

Michael Novogratz, amministratore delegato di Galaxy Digital, ha dichiarato mercoledì in una conferenza di Piper Sandler a New York che “c'è una possibilità che venga realizzato quest'anno”.

Ha aggiunto che il senatore Chuck Schumer, una voce influente, gli aveva detto personalmente solo lunedì che “se verrà presentato un disegno di legge decente. . . lo spingerà al voto e il presidente Biden non porrà il veto”. (Commenti per gentile concessione della mia collega Jennifer Hughes)

“C'è un cambiamento completo nel linguaggio del corpo e nella pratica da parte dei nostri regolatori. Mi dà grande fiducia nel fatto che, se non sarà in questo mandato, sarà nei primi tre mesi della prossima amministrazione, indipendentemente da quale amministrazione vincerà. Otterremo una migliore regolamentazione e questo scatenerà un'altra ondata mostruosa”, ha detto Novogratz.

Le società crittografiche statunitensi si lamentano da tempo del fatto che la politica interna è definita ad hoc dall’applicazione delle normative o dalle sentenze dei tribunali caso per caso.

Sottolineando il punto, Paxos, un operatore di stablecoin, ha annunciato mercoledì una stablecoin unica nel suo genere che paga interessi ai detentori per aver depositato i loro soldi nel token.

Ma Paxos – che ha sede e regolamentazione a New York e ha fatto di tutto per aderire a qualunque richiesta dei regolatori – la gestirà da una filiale di Abu Dhabi. Questa stablecoin, chiamata Lift Dollar, non è disponibile per i clienti statunitensi.

Charles Cascarilla, amministratore delegato di Paxos, ha affermato che la mancanza di chiarezza normativa sulle stablecoin è stata un deterrente. “Non abbiamo provato ad andare negli Stati Uniti [regulators]. Quando lo abbiamo fatto, abbiamo ricevuto un rifiuto da parte della SEC.”

Ma le possibilità che qualcuno di questi progetti di legge venga approvato rimangono molto remote. In una nota di ricerca di questa settimana Nikolaos Panigirtzoglou, analista di JPMorgan, ha affermato che è molto probabile che la legge sulle stablecoin venga approvata mentre FIT21 “è improbabile” che venga realizzato prima delle elezioni.

Di fronte a questa incertezza, altri stanno adottando un approccio più calcolato. Lunedì, Coinbase, una borsa statunitense, ha dichiarato di aver donato 25 milioni di dollari a Fairshake, un SuperPAC o veicolo di raccolta fondi in grado di spendere importi illimitati per sostenere o opporsi ai candidati.

Fairshake ha un approccio esplicitamente a favore delle risorse digitali. Fairshake ha già condotto campagne pubblicitarie che denigrano i candidati anti-cripto, anche se la parola “cripto” appare raramente negli annunci.

Giorni prima, il SuperPAC ha ricevuto una donazione di 25 milioni di dollari da Ripple, un operatore statunitense di criptovalute, portando la sua raccolta fondi (comprese le sue affiliate) a 161 milioni di dollari e rendendolo uno dei più grandi di questi veicoli.

È improbabile che la tempistica sia una coincidenza. Venerdì la Casa Bianca aveva infine posto il veto all'annullamento di una regola contabile. Se la norma, nota come SAB121 e trattata in questa newsletter due settimane fa, fosse stata annullata, sarebbe diventato più semplice per le banche detenere risorse digitali per i clienti.

Brian Armstrong, amministratore delegato di Coinbase, ha reso abbastanza chiara la sua strategia. “Il modo migliore per ottenere chiarezza normativa nei paesi democratici è eleggere candidati pro-cripto su entrambi i lati della navata e votare i candidati anti-cripto fuori carica”, ha scritto in un blog inviare.

Si è trattato, ha aggiunto, di un approccio bipartisan. “La Camera e il Senato aiutano, tra le altre cose, a determinare quale legislazione sulle criptovalute verrà approvata, quindi aumentare il numero di membri pro-cripto è fondamentale”, ha scritto.

Se non altro, dimostra quanto velocemente sia cresciuta la crittografia. Dieci anni fa si voleva evitare la regolamentazione; successivamente l'industria ha voluto spiegare i suoi vantaggi. Ma questo non portò a nulla e avere Sam Bankman-Fried come volto del mercato a Washington non aiutò davvero. Ora ha deciso di giocare secondo le stesse regole di tutti gli altri.

Le società crittografiche hanno anche imparato altre tattiche di formazione delle opinioni, come l'utilizzo di sondaggi discutibili. Coinbase afferma ripetutamente che “52 milioni di americani possiedono criptovalute”, un'affermazione basata su un sondaggio online condotto da una società di sondaggi a metà del 2023 utilizzando un campione di sole 2.700 persone.

Armstrong ha presentato lo stile a volte più duro e tirapugni di Washington, secondo Charley Cooper, un ex lobbista di Washington. “Si tratta di far eleggere la tua persona, sconfiggere il tuo avversario e sbarazzarti di persone che saranno problematiche.”

Ciononostante, le società di asset digitali spendono ancora meno di altre società di servizi finanziari. Susquehanna International di Jeff Yass ha contribuito con 70 milioni di dollari e Ken Griffin, fondatore dell'hedge fund Citadel, con quasi 60 milioni di dollari nel 2023-24, secondo il compilatore di dati sulla raccolta fondi OpenSecrets.

Nel complesso, il settore dei servizi finanziari ha speso più di 500 milioni di dollari in ciascuno degli ultimi 10 anni. Secondo OpenSecrets, il settore assicurativo ha contribuito maggiormente al totale di quasi 600 milioni di dollari dello scorso anno.

Purtroppo per i plutocrati, il denaro non garantisce risultati: il settore finanziario voleva sbarazzarsi di SAB121 e tuttavia è ancora in piedi.

C’è un’ironia nel fatto che le criptovalute, un sogno libertario, si rendano conto di aver bisogno del sistema finanziario e legale per convalidare la propria esistenza e stiano assumendo costosi consulenti per fare ciò che altri già fanno come routine a Washington.

Tuttavia, l’industria delle criptovalute ha ormai riconosciuto che questo è ciò che deve fare, ha capito che il gioco non finisce e sta pensando al lungo termine. Nei panni di Omar Little, l'antieroe armato di pistola Il cavoha dichiarato: “Il gioco è là fuori e si può giocare o farsi giocare”.

Highlights settimanali

  • Un gruppo di legislatori statunitensi chiamato sul presidente Biden per ottenere il rilascio di Tigran Gambaryan, il dipendente di Binance detenuto in Nigeria da febbraio. Hanno descritto Gambaryan, che secondo quanto riferito ha la malaria, come tenuto in ostaggio e hanno detto “temiamo per la sua vita”.

  • Robinhood ha accettato di acquistare l'exchange di criptovalute europeo Bitstamp per 200 milioni di dollari, accelerando l'espansione del broker al dettaglio statunitense al di fuori del suo mercato interno.

  • Scambio di criptovalute giapponese DMM Bitcoin disse raccoglierebbe 320 milioni di dollari dalle società che fanno parte del gruppo madre DMM per aiutare a ripagare i clienti dopo che il mese scorso sono stati rubati 305 milioni di dollari di denaro dei clienti.

Data mining: i giorni pigri dell'estate

Le criptovalute possono essere scambiate in qualsiasi momento della giornata, in qualsiasi giorno dell'anno, ma in realtà sono soggette agli stessi flussi e riflussi degli altri mercati. L'attività è ridotta nei fine settimana e nelle principali feste religiose. E d'estate si va in vacanza. Come mostrano i dati di Kaiko Research, il calo dell’attività nel terzo trimestre è molto pronunciato. Vediamo se l'introduzione degli ETF spot bitcoin statunitensi cambia anche questa dinamica.