Mar. Giu 18th, 2024
La Francia guida la svendita dei mercati europei dopo che Macron ha indetto un sondaggio rapido

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Lunedì i mercati francesi hanno guidato una svendita europea dopo che il presidente Emmanuel Macron ha indetto elezioni parlamentari anticipate a seguito della pesante sconfitta del partito di estrema destra di Marine Le Pen nel voto parlamentare dell’UE.

Il Cac 40 francese è sceso dell'1,8% al livello più basso dalla fine di febbraio, con tutti i 40 titoli membri tranne uno in territorio negativo e banche e servizi di pubblica utilità tra i peggiori risultati.

BNP Paribas ha ceduto il 4,8%, Société Générale il 7,7% e Crédit Agricole il 4,2%. L'assicuratore Axa ha ceduto il 2%, mentre il gestore patrimoniale Amundi ha ceduto il 2,4%.

“Questa mattina nei mercati c'è la mentalità del 'prima spara, pensa dopo'. . . ma gli investitori devono scontare un premio di rischio più elevato”, ha affermato Emmanuel Cau, responsabile della strategia azionaria europea presso Barclays, dopo la chiamata elettorale di Macron.

Il rendimento dei titoli di stato francesi a 10 anni di riferimento è salito di 0,1 punti percentuali al 3,21%, il livello più alto dallo scorso novembre. I rendimenti aumentano quando i prezzi scendono. I rendimenti obbligazionari italiani di riferimento, un barometro attentamente monitorato dei rischi politici dell’Eurozona, sono aumentati di 0,1 punti percentuali al 4,06%.

L'annuncio elettorale di Macron è arrivato dopo che gli exit poll hanno mostrato che il Rassemblement National, di estrema destra, si è assicurato un terzo dei voti in Francia, più del doppio del 15% ottenuto dall'alleanza centrista del presidente.

Le elezioni parlamentari europee si sono svolte solo una settimana dopo che S&P Global ha declassato il rating del credito sovrano della Francia a doppia A meno, citando preoccupazioni per il suo deficit di bilancio.

“La scommessa di Macron non aumenterà la probabilità di un consolidamento fiscale francese”, ha affermato Cedric Gemehl, analista di Gavekal Research. “L’attuale piano di ridurre il deficit pubblico dal 5,5% del Pil nel 2023 al 3% nel 2027 non sembrava credibile fin dall’inizio. Adesso lo è meno”.

Nel resto d'Europa, il rendimento dei titoli di stato tedeschi a 10 anni è salito di 0,04 punti percentuali al 2,66%.

L'indice regionale Stoxx Europe 600 ha perso lo 0,6%, il Dax tedesco lo 0,7% e il FTSE 100 di Londra lo 0,3%.

Lo spostamento verso l’estrema destra nelle elezioni europee era stato ben annunciato ed era sostanzialmente in linea con i sondaggi, secondo le ultime stime.

Cau ha affermato che un’importante inversione di rotta politica sembra “improbabile”, ma le implicazioni chiave “potrebbero potenzialmente essere una posizione più dura sull’immigrazione”.

Sui mercati valutari, l'euro è sceso dello 0,6% rispetto al dollaro a 1,074 dollari.

“L’incertezza politica in Europa, in un momento in cui l’economia statunitense continua a registrare buoni risultati, indebolisce le ragioni per detenere qualcosa di diverso dal dollaro ad alto rendimento”, ha affermato Chris Turner, responsabile della strategia FX presso ING.