Lun. Giu 24th, 2024
I laburisti si impegnano a garantire condizioni migliori per le acciaierie di Port Talbot

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Jonathan Reynolds, ministro ombra degli affari, visiterà lunedì le acciaierie di Port Talbot nel Galles meridionale, dove affermerà che un governo laburista potrebbe stipulare un accordo migliore per il salvataggio del sito.

Lo scorso settembre il governo conservatore ha raggiunto un accordo per consegnare 500 milioni di sterline di denaro dei contribuenti al proprietario indiano Tata Steel per garantire il futuro del sito mentre passa alla produzione a basse emissioni di carbonio. Ma la chiusura dei due altiforni di Port Talbot – prevista per quest’anno – e la loro sostituzione con un forno elettrico ad arco a minore intensità di carbonio porterà alla perdita di fino a 2.800 posti di lavoro.

I laburisti hanno costantemente criticato l’accordo e in precedenza hanno esortato l’azienda a riconsiderare un piano di compromesso sostenuto dai sindacati per mantenere uno degli altiforni, che avrà una durata di vita fino all’inizio degli anni ’30, fino a quando il forno elettrico ad arco non sarà operativo.

Questo piano, tuttavia, costerebbe di più ai contribuenti. È stato anche rifiutato dai dirigenti di Tata in quanto non fattibile dal punto di vista operativo e finanziariamente inaccessibile, poiché le loro attività nel Regno Unito stanno perdendo più di 1 milione di sterline al giorno. Tata investirà 750 milioni di sterline per decarbonizzare le sue attività nel Regno Unito come parte dell’accordo con il governo.

La scorsa settimana è emerso che l'accordo deve ancora essere firmato dal Dipartimento per le Imprese e il Commercio. I dirigenti di Tata, tuttavia, hanno insistito sul fatto che, nonostante le imminenti elezioni generali del Regno Unito del 4 luglio, intendono portare avanti i loro piani per l'installazione del forno elettrico ad arco.

Rajesh Nair, amministratore delegato di Tata Steel UK, ha dichiarato ai dipendenti in una lettera di fine maggio che “né le elezioni generali né il loro esito hanno alcun impatto sui tempi o sulla nostra decisione di procedere con la liquidazione delle nostre operazioni pesanti”. ”, in riferimento agli altiforni e agli impianti ad essi collegati.

Ma quando Reynolds incontrerà i lavoratori dell’acciaio nello stabilimento lunedì, probabilmente si troverà ad affrontare domande su cosa farebbe esattamente un governo laburista se il partito vincesse le elezioni – e se sostiene il piano “multi-sindacale” per mantenere un altoforno aperto più a lungo. , che gode del sostegno del sindacato comunitario dell'acciaio e della GMB.

La scorsa settimana il MagicTech ha chiesto al leader laburista Sir Keir Starmer cosa avrebbe fatto con Port Talbot se il suo partito avesse vinto le elezioni. Lui ha risposto: “Non abbiamo solo il compito di salvare quei posti di lavoro ma anche il futuro dell’acciaio in questo Paese, se lo perdiamo non lo riavremo mai più”.

La chiave della posizione del Labour è che ha promesso un “fondo per l’acciaio verde” da 3 miliardi di sterline progettato per dare maggiore sostegno al settore nel suo insieme nella transizione verso un futuro a basse emissioni di carbonio. Ciò significa che il partito potrebbe in teoria concludere un accordo che potrebbe salvare una parte maggiore della forza lavoro di Tata, secondo i funzionari.

Le parti interessate del settore hanno affermato che non è chiaro cosa comporterebbe un piano laburista. I funzionari hanno detto che il partito spera ancora di parlare con Tata per tenere aperto un altoforno.

Reynolds domenica ha inviato una lettera a Kemi Badenoch, ministro degli affari dei Tory, nella quale ribadisce le sue critiche all'accordo del governo con Tata.

“Non credo che l'accordo che il governo ha stretto con Tata di consegnare 500 milioni di sterline del denaro dei contribuenti, per licenziare migliaia di lavoratori dell'acciaio nel Galles del Sud, senza garanzie o piani per il futuro, fosse quello giusto”, ha scritto.

Nella sua lettera Reynolds ha chiesto assicurazioni a Badenoch che nessuna decisione irreversibile dovrebbe essere presa sul futuro di Port Talbot prima delle elezioni.

Un portavoce di Badenoch ha dichiarato: “Il nostro accordo salvaguarda 5.000 posti di lavoro immediati e altre decine di migliaia nella più ampia catena di approvvigionamento dell’acciaio. Qualsiasi ritardo metterebbe a repentaglio i mezzi di sussistenza, rischierebbe di perdere un’industria nazionale chiave e costerebbe ancora di più ai contribuenti.

“Tata stessa ha escluso cambiamenti in questa fase avanzata, e con buone ragioni. Il passaggio all’elettrico preserverà migliaia di posti di lavoro e ridurrà le emissioni dello stabilimento dell’85%”.