Sab. Feb 24th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Le società statunitensi di gas naturale Chesapeake Energy e Southwestern Energy stanno chiudendo un accordo di fusione che creerebbe il più grande produttore singolo del paese con un valore di mercato combinato di circa 17 miliardi di dollari, secondo persone vicine ai colloqui.

Le aziende sono in trattative avanzate su un accordo da firmare già la prossima settimana, secondo la gente, anche se hanno avvertito che potrebbe ancora andare in pezzi.

Il potenziale accordo arriva mentre un’ondata di attività di fusione e acquisizione investe il settore petrolifero e del gas degli Stati Uniti mentre le aziende cercano di aumentare le proprie dimensioni e ingrossarsi su una superficie di trivellazione primaria in diminuzione.

ExxonMobil in ottobre ha annunciato un accordo da 60 miliardi di dollari per l’acquisto di Pioneer Natural Resources, il più grande produttore di petrolio del Texas. Poco dopo, la Chevron ha annunciato l’acquisizione da 53 miliardi di dollari della compagnia petrolifera statunitense Hess.

A dicembre la Occidental Petroleum ha dichiarato di aver accettato di pagare 12 miliardi di dollari per CrownRock e questa settimana l’APA ha dichiarato che avrebbe acquistato Callon Petroleum per 4,5 miliardi di dollari.

La maggior parte degli accordi fino ad oggi sono stati incentrati sul petrolio. Una fusione tra Chesapeake con sede in Oklahoma – valutata circa 10 miliardi di dollari alla chiusura del mercato di giovedì – e Southwestern con sede in Texas – valutata 7 miliardi di dollari – sarebbe il primo grande accordo focalizzato sul gas da quando è iniziata la frenesia.

Secondo S&P Capital IQ, Chesapeake ha prodotto 3,4 miliardi di piedi cubi di gas al giorno nel terzo trimestre del 2023; Il sud-ovest ha prodotto 4 miliardi di piedi cubi/giorno. EQT, che è il principale produttore di gas del paese, ha prodotto 5,4 miliardi di piedi cubi/giorno.

Chesapeake e Southwestern operano in prossimità nei bacini ricchi di gas degli Appalachi nel nord-est degli Stati Uniti e nello scisto di Haynesville nello stato della Louisiana. Chesapeake ha rifiutato di commentare, mentre Southwestern non ha risposto a una richiesta di commento.

Reuters ha riferito in ottobre che Chesapeake si era rivolta alla Southwestern per una potenziale acquisizione. Venerdì il Wall Street Journal ha inizialmente riportato le trattative avanzate per una fusione, facendo salire le azioni di Southwestern del 7% e quelle di Chesapeake del 3%.

Chesapeake è stato uno dei principali promotori della rivoluzione dello shale che ha travolto gli Stati Uniti negli ultimi 15 anni, raggiungendo una valutazione di 35 miliardi di dollari e il suo defunto co-fondatore e amministratore delegato Aubrey McClendon che è diventato il dirigente più pagato d’America.

Ma una svolta inopportuna verso il petrolio alla fine ha portato alla sua bancarotta quando la pandemia di Covid-19 ha sconvolto il settore nel 2020. È emersa dalla bancarotta l’anno successivo e da allora ha cercato di riorientare il proprio portafoglio sul gas.

Meno familiare, Southwestern si formò in Arkansas prima della Depressione. Ha svolto un ruolo di primo piano nello sviluppo del bacino di scisto di Fayetteville in Arkansas e Oklahoma prima di espandersi negli Appalachi e nell’Haynesville negli ultimi anni.