Ven. Mag 24th, 2024
Chi sono i possibili pretendenti di Anglo American?

L'approccio non richiesto di acquisizione da 31 miliardi di sterline di BHP per Anglo American ha scosso il settore minerario, provocando speculazioni secondo cui la storica società è matura per essere venduta o smembrata.

Venerdì Anglo ha rifiutato l'offerta preliminare definendola “altamente poco attraente”, ma gli investitori si aspettano che BHP ritorni con un accordo migliore o che emerga un rivale con un'offerta concorrente.

“Penso che il rischio di intrusioni potrebbe essere elevato”, ha affermato un grande investitore del settore minerario. “I dettagli di Anglo sono sulla scrivania di ogni amministratore delegato, ve lo assicuro.”

Anglo, che terrà la sua assemblea annuale degli azionisti a Londra martedì, è un business tentacolare che comprende ambite miniere di rame in Perù e Cile, complesse operazioni di minerale di ferro e platino in Sud Africa e la società di diamanti De Beers, fondata 136 anni fa.

I minatori rivali con la potenza di fuoco necessaria per lanciare un’offerta competitiva includono la società mineraria anglo-australiana Rio Tinto e Glencore, quotata nel Regno Unito. Anche rivali nordamericani come Barrick Gold di Mark Bristow valuteranno le loro opzioni, mentre non si può escludere un'offerta per tutto o parte di Anglo American dalla brasiliana Vale, dall'indiana Vedanta Resources o da un player cinese come Zijin Mining, secondo gli analisti. disse.

Glencore: una soluzione migliore di BHP?

Glencore, insieme al suo rivale Rio, quotato a Londra, è l’offerente alternativo più valido per Anglo, secondo analisti e investitori. Il suo amministratore delegato, Gary Nagle, ha probabilmente esaminato attentamente l'attività di Anglo e la proposta di BHP da quando è arrivata la notizia dell'approccio la scorsa settimana.

Il commerciante-minatore con sede in Svizzera è quello più naturalmente avido tra le major minerarie, essendo stato creato dall’ex amministratore delegato Ivan Glasenberg, che preferiva l’acquisto di asset esistenti piuttosto che lo sviluppo di nuove miniere. Glasenberg, che possiede circa il 10% della società, rimane il suo maggiore azionista.

Secondo analisti e addetti ai lavori, molte delle miniere di Anglo si adatterebbero meglio al portafoglio di Glencore che a BHP. Glencore e Anglo possiedono ciascuna il 44% della preziosa miniera di rame di Collahuasi in Cile, il che significa che un'acquisizione darebbe a Glencore il controllo quasi completo.

Mentre BHP ha chiesto ad Anglo di scorporare la South African Kumba Iron Ore prima di qualsiasi acquisizione, Glencore probabilmente la integrerebbe nelle proprie operazioni nel paese. L’azienda svizzera possiede miniere di carbone in Sud Africa e da tempo gioca con la creazione di un’attività di produzione di minerale di ferro. L'azienda commercia il metallo ma non lo estrae. Per lo stesso motivo, sarebbe attratta anche dal progetto minerario ferroso brasiliano della Anglo, Minas-Rio.

“È più adatto di BHP”, ha affermato Ben Davis della banca di investimenti Liberum, aggiungendo che Glencore “sembra avere una larghezza di banda infinita per la strategia aziendale rispetto ad altre persone”.

Glencore è già nel bel mezzo di un'acquisizione da 9 miliardi di dollari della divisione carbone di Teck Resources.

La sfida per Glencore potrebbe essere la dimensione dell’accordo, ha aggiunto Davis. Il valore di mercato di Glencore è superiore a quello di Anglo ma è la metà di quello di BHP. Agli azionisti di Glencore rimarrebbe quindi solo il 60% circa dell'entità combinata, ha affermato.

Rio Tinto: desideroso di diversificare

Anche la capitalizzazione di mercato di Rio Tinto, pari a 118 miliardi di dollari, è inferiore a quella di BHP, ma la seconda società mineraria più grande del mondo è abbastanza grande da lanciare un'offerta total share per parte o tutta Anglo.

L’azienda mineraria quotata nel Regno Unito è fortemente dipendente dalle sue operazioni altamente redditizie nel settore del minerale di ferro nell’Australia occidentale ed è desiderosa di diversificare. Sta ancora espandendo la miniera di rame di Oyu Tolgoi in Mongolia, ma per il resto ha opzioni limitate per aumentare la produzione del metallo, la cui domanda dovrebbe aumentare durante la transizione energetica.

“A Rio, la necessità di diversificazione è molto più chiara”, ha affermato Davis. Rio sta sviluppando il più grande progetto minerario del mondo nella Repubblica di Guinea, ma quella miniera fornirà solo più minerale di ferro.

A differenza di BHP, Rio ha anche operazioni in Sud Africa e un business di diamanti esistente, che potrebbe aiutarla a gestire l'unità diamantifera di Anglo, De Beers. Anglo e Rio hanno entrambe quotazioni primarie nel Regno Unito, il che potrebbe facilitare qualsiasi transazione. Tuttavia, Rio non vorrebbe le attività di produzione del carbone di Anglo, avendo abbandonato il settore del carbone nel 2018.

Barrick Gold: rame in vista

Anche la Barrick Gold, quotata in Canada, potrebbe essere interessata. Il secondo più grande minatore d'oro del mondo ha cercato di aumentare il suo accesso al rame sotto la guida del capo bucaniere sudafricano Mark Bristow.

Bristow ha fondato la miniera d'oro Randgold Resources in Sud Africa nel 1995 e l'ha trasformata in una delle società preferite della Borsa di Londra prima di fondersi con la più grande Barrick nel 2018.

Ritornare in Sud Africa e alla LSE per acquistare Anglo American sarebbe un grande colpo per Bristow, ha affermato John Meyer, analista minerario presso SP Angel. “Sarebbe il pezzo forte della resistenza per la carriera di Mark Bristow.”

Altri potenziali pretendenti

Una persona che conosce Anglo meglio di molti altri è il suo ex capo Mark Cutifani, nominato presidente della divisione indipendente dei metalli di base di Vale nel luglio 2023. L'azienda mineraria brasiliana di minerale di ferro ha trasformato l'unità focalizzata su rame e nichel in una nuova struttura. anno, vendendo una quota del 10% all’Arabia Saudita per quasi 3 miliardi di dollari.

All’epoca, Vale disse che l’azienda avrebbe impiegato fino a 30 miliardi di dollari in nuovi progetti nel prossimo decennio e avrebbe potuto prendere in considerazione un’offerta pubblica iniziale o una fusione entro tre anni.

Con Cutifani al timone e soldi da spendere, è in una posizione migliore rispetto alla maggior parte degli altri per prendere di mira Anglo, o alcune delle sue miniere, ma non dispone di azioni proprie per concludere un accordo su tutte le azioni.

Un'azienda mineraria cinese sostenuta dallo stato, come Zijin Mining, o un gruppo indiano come Vedanta, potrebbero anche cercare di superare l'offerta di BHP o fare una scommessa per singoli asset anglo, ha detto Meyer.

Il fondatore di Vedanta, Anil Agarwal, è stato il maggiore azionista di Anglo tra il 2017 e il 2019 attraverso una struttura complessa che ha portato a ipotizzare che stesse pianificando un'offerta per l'intera società.

La Cina ha un’enorme domanda di rame e ferro e il controllo delle miniere produttrici è una priorità fondamentale per Pechino.

“Penso che sia ragionevolmente probabile l'arrivo dei cinesi”, ha detto Meyer. “La domanda è: quale azienda statale cinese è nella posizione migliore per farlo?”

Rio, Glencore, Barrick e Vale hanno rifiutato di commentare. Vedanta e Zijin sono stati contattati per un commento.