Ven. Mag 24th, 2024
Il rimbalzo dello yen segnala l'intervento del governo giapponese, dicono i trader

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Lo yen si è rafforzato bruscamente contro il dollaro lunedì, rimbalzando dal minimo di 34 anni raggiunto poche ore prima, in una mossa che secondo i trader portava tutti i segnali di un intervento da parte delle autorità giapponesi.

A partire dalle 13:00 circa, ora di Tokyo, lo yen ha iniziato a rafforzarsi da 159,5 ¥ per dollaro a 155,2 ¥ in un periodo di 50 minuti. I commercianti di Hong Kong, Australia e Londra hanno affermato che è “altamente probabile” che la ripresa sia dovuta al ministero delle Finanze giapponese che ha venduto riserve di dollari e acquistato la valuta giapponese per la prima volta dalla fine del 2022.

All'inizio della giornata, lo yen era sceso oltre i 160 yen rispetto al dollaro, poiché il divario tra i tassi di interesse giapponesi e statunitensi continuava a esercitare pressioni sulla valuta. Il crollo dello yen si è accelerato dopo che la Banca del Giappone ha mantenuto i tassi di interesse vicini allo zero venerdì, con il governatore Kazuo Ueda che non ha offerto alcuna indicazione di essere preoccupato per le pressioni inflazionistiche derivanti da un tasso di cambio debole.

I mercati in Giappone sono stati chiusi lunedì per il primo giorno delle festività della Settimana d'Oro del paese, dando alle autorità giapponesi l'opportunità di muovere lo yen più facilmente con volumi di scambi relativamente leggeri, hanno detto gli analisti.

Diversi investitori e analisti hanno affermato che l'intervento sembra aver comportato acquisti in yen per un valore compreso tra 20 e 35 miliardi di dollari. Hanno aggiunto che presumono che un superamento del livello di 160 ¥ abbia costretto i funzionari giapponesi ad agire, sebbene non abbiano prove definitive dell'intervento.

Il principale funzionario valutario giapponese, Masato Kanda, ha rifiutato di commentare se il Ministero delle Finanze fosse intervenuto lunedì. “È difficile trascurare le mosse speculative, violente e anormali [in the currency market] che stanno causando danni all’economia”, ha aggiunto, sottolineando che le autorità sono pronte a rispondere “24 ore, 365 giorni”.

I trader hanno affermato che la volatilità del trading potrebbe aver convinto alcuni investitori a liquidare alcune delle enormi scommesse che avevano accumulato contro lo yen nelle ultime settimane.

Tokyo aveva avvertito per settimane che sarebbe stata pronta a sostenere lo yen se il commercio fosse diventato troppo volatile. Ueda ha dichiarato a metà aprile che la banca centrale potrebbe agire se l’impatto dello yen debole diventasse “troppo grande per essere ignorato”.

Lo yen più debole ha stimolato il turismo in entrata e alimentato un’impennata dei profitti aziendali realizzati all’estero. Ma i leader aziendali nelle ultime settimane hanno chiesto al governo di agire poiché il declino della valuta ha anche aumentato il costo della vita e ha colpito i consumi interni.

Lo yen ha perso circa l’11% del suo valore rispetto al dollaro dall’inizio dell’anno, colpito dalla prospettiva che la Federal Reserve americana potrebbe aver bisogno di mantenere i costi di finanziamento più alti più a lungo per domare l’inflazione.

Il commercio di “yen carry”, in cui gli investitori prendono in prestito lo yen a buon mercato per finanziare investimenti in attività ad alto rendimento, è improbabile che inizi a diminuire in modo significativo fino a quando la Fed non inizierà a tagliare i tassi, ha affermato Shusuke Yamada, responsabile della strategia sui cambi e sui tassi del Giappone presso la Bank Bank. dell'America.

Yamada ha spiegato in una nota che impedire allo yen di scendere sotto i 155 yen per dollaro richiederebbe continui interventi da parte delle autorità giapponesi per guadagnare tempo finché la BoJ non alzerà i tassi, una mossa che non è prevista per almeno tre mesi. Ha aggiunto che qualsiasi intervento dovrebbe essere più ampio della serie di interventi effettuati dal Giappone nel 2022, per un totale di circa 62 miliardi di dollari.

Benjamin Shatil, economista senior di JPMorgan per il Giappone, ha affermato che se le autorità giapponesi fossero intervenute, l'effetto potrebbe essere limitato perché gli investitori continuerebbero a sfruttare i bassi tassi di interesse del Giappone e ad utilizzare lo yen come valuta di finanziamento.

“Questa è una settimana impegnativa in termini di politica e dati statunitensi, quindi questo è probabilmente solo il capitolo di apertura di quelle che potrebbero essere alcune sessioni molto volatili per lo yen”, ha detto.

Lunedì anche lo yen è sceso al minimo storico contro l’euro, scendendo sotto i 171 yen per la prima volta dall’adozione della moneta unica nel 1999.