Gio. Giu 13th, 2024
Come Liz Truss tormenta ancora i mercati

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Ogni volta che i prezzi dei titoli di Stato scendono, salta fuori un nome: Liz Truss.

L’ex primo ministro britannico, il cui breve mandato non è riuscito a sopravvivere a una lattuga da supermercato, non ha assunto un ruolo in stile George Soros. Non gestisce un fondo con il potere e il coraggio di creare o distruggere le autorità monetarie più rispettate al mondo.

Ma il suo dono duraturo ai mercati finanziari è questa lezione: se giochi a giochi stupidi sui mercati obbligazionari, vinci premi stupidi. I suoi piani fiscali nell’autunno del 2022, mal accolti, hanno portato il mercato dei gilt sull’orlo del disastro, catapultato il settore pensionistico del Regno Unito nel caos e provocato ripercussioni sui mercati globali.

Questo ricordo ancora fresco è ora un ammonimento duraturo. Nessun altro governo vuole il proprio momento Liz Truss.

Negli Stati Uniti, il Congressional Budget Office ha lanciato l’allarme. Già a marzo, il direttore del CBO Phillip Swagel aveva affermato che il carico fiscale statunitense si trovava su una traiettoria “senza precedenti”, citando il nome Truss come esempio del “pericolo” insito nello scatenare improvvise reazioni del mercato.

Così è successo anche questa settimana, quando un’asta traballante del debito pubblico statunitense ha spinto i prezzi delle obbligazioni al ribasso, e quindi i rendimenti più in alto, innervosendo i detentori di altre classi di attività.

L'accattivante asta del debito di mercoledì non è stata un disastro, ma non è stato nemmeno il solito processo regolare. La domanda deludente per i 44 miliardi di dollari in nuove banconote a sette anni ha fatto sì che i cosiddetti “primary dealer” – le grandi banche che fanno funzionare le negoziazioni dei titoli del Tesoro, intervenendo per colmare eventuali carenze – hanno acquistato il 17% del debito, un po’ al di sopra della norma.

Di per sé, ciò potrebbe non aver attirato troppa attenzione. Ma il giorno precedente aveva portato anche una domanda fiacca per il debito a due e cinque anni. Messo insieme, e mescolando alcuni dubbi più ampi sulla volontà della Federal Reserve di tagliare i tassi di interesse quest’anno, è stato sufficiente per spingere i rendimenti dei titoli di riferimento statunitensi a 10 anni fino al 4,63%, il punto più alto in poche settimane. . Anche le azioni hanno subito un duro colpo.

“Truccare i titoli del Tesoro?” si è chiesto Paul Donovan, capo economista di UBS Global Wealth Management. “Le azioni erano un po’ turbate perché le obbligazioni erano un po’ turbate a causa della domanda più debole in un’asta di obbligazioni statunitensi. Gli investitori dovrebbero essere turbati?”

È certamente possibile sostenere che si tratti di un’altra scaramuccia iniziale in quella che, negli anni a venire, potrebbe diventare una brutale battaglia tra i piani di indebitamento del governo americano e i mercati.

I numeri sembrano spaventosi. Alla fine dell’anno fiscale 2023, l’importo del debito statunitense in essere era pari a quasi il 100 per cento del prodotto interno lordo. Questo valore è destinato ad aumentare nei prossimi anni, raggiungendo i livelli della seconda guerra mondiale nel 2029, e raggiungerà il 166% entro il 2054, secondo i progetti del CBO.

A peggiorare le cose, i costi di finanziamento sono più alti ora che la Federal Reserve ha alzato i tassi di interesse per contrastare l’inflazione. Costi degli interessi colpirà Il 3,3% del PIL nel 2025, il più alto dal 1940, ha affermato il CBO. Tra trent’anni, il governo federale potrebbe spendere un terzo delle sue entrate solo sugli interessi. “La nazione è su un percorso fiscale insostenibile”, afferma il Peterson Institute.

Considerato tutto ciò, è facile capire perché gli investitori obbligazionari potrebbero richiedere rendimenti più elevati sul debito pubblico statunitense – o ritirarsi dalle aste per paura di un’ondata di nuove obbligazioni.

Ronald Temple, capo stratega del mercato per l'attività di gestione patrimoniale di Lazard, afferma di essere piuttosto rilassato riguardo alle prospettive dei tassi di interesse statunitensi e alla resilienza delle azioni. Questa situazione fiscale, tuttavia, è la sua “più grande preoccupazione per l’economia statunitense”, e non vede alcun cambiamento.

“Non lo vedo come un momento alla Liz Truss”, ha detto. “È più una rana in una pentola bollente. Questo secondo me è il motivo per cui il mercato dovrebbe tremare ogni volta che assistiamo a queste aste. Le aste dovrebbero essere nel calendario di tutti come fattore di rischio”.

Alcune prospettive sono importanti qui. L'oscillazione di questa settimana è stata proprio questa: un'oscillazione. I titoli del Tesoro, gli strumenti finanziari più importanti al mondo, non sono in tracollo, altrimenti lo avrei menzionato da qualche parte più in alto in questa colonna. E per ogni investitore convinto che il sistema sia destinato a fallire, ce n'è un altro che pensa che tutta la faccenda sia un polverone esagerato.

A questo punto, il mercato non ha attivato nessuno dei fattori che trasformano uno shock obbligazionario in una minaccia più ampia alla stabilità finanziaria, come fece il “mini-Budget” di Truss quando il crollo dei prezzi obbligazionari diede il via ad una brutta reazione a catena in un’arcana tasca. della leva finanziaria nel settore pensionistico. I veri shock sono, per definizione, impossibili da prevedere, ma nessuna mina del genere è evidente a questo punto del sistema statunitense.

“Questa non è la versione americana della debacle del Truss nel Regno Unito”, ha concluso Donovan di UBS. “I mercati non sono in disordine e le politiche governative non sono destabilizzanti”. Tuttavia, come afferma, tutto ciò probabilmente rimarrà una “preoccupazione di fondo”. Il rischio di un incidente è reale, a lungo termine. Per ora, dovremmo tutti imparare a convivere con frequenti singhiozzi nei prossimi mesi.

[email protected]