Mar. Lug 16th, 2024
Come Permira ha ucciso l'IPO di Golden Goose

I banchieri erano irremovibili: Golden Goose, il produttore delle scarpe da ginnastica dall'aspetto invecchiato da 500 euro preferite da Taylor Swift, era pronto a diventare una società per azioni.

Dopo più di 10 mesi di preparazione, il marchio di calzature italiano stava cercando di raccogliere circa 600 milioni di euro alla quotazione di Milano già venerdì. Aveva riportato forti vendite nel primo trimestre. Non meno di sette banche stavano costruendo il proprio portafoglio IPO, che martedì aveva sottoscrizioni in eccesso. Il gestore del fondo Invesco aveva accettato di essere un investitore fondamentale.

Ma Francesco Pascalizi, il dealmaker responsabile dell'investimento presso il proprietario di private equity Permira, improvvisamente ha avuto i brividi.

La decisione di Permira di ritirare l'attesissima quotazione martedì scorso ha scioccato i consulenti e gli investitori che si erano impegnati nella raccolta fondi. Ha inferto un duro colpo alla timida ripresa del mercato IPO europeo, e molte società che avevano pianificato una quotazione quest'anno potrebbero ora peccare per eccesso di cautela e rimandare i loro piani sulla scia della quotazione interrotta.

Il crollo dell’ultimo minuto sottolinea anche il nervosismo di Permira sulla scia di una serie di quotazioni deludenti, tra cui quella di Dr Martens nel 2021. Da allora il produttore di scarpe ha emesso cinque profit warning e le sue azioni sono crollate dell’80%.

I colloqui che hanno portato alla decisione sono stati contrastanti, secondo diverse persone direttamente coinvolte nei preparativi per la quotazione. Secondo un insider, la divergenza di opinioni tra i consulenti e il loro cliente di private equity ha scatenato “lunghe e accese discussioni”.

Permira ha acquistato Golden Goose poco prima che la pandemia portasse al lockdown globale ©Francesca Volpi/Bloomberg

“Con tutto il rispetto, di che cazzo stai parlando”, si è scagliato martedì un consigliere durante una chiamata, secondo altre persone in linea.

“Sembra brutto ritirarsi due giorni prima del debutto, ma sarebbe molto peggio se il titolo crollasse del 20% nella prima settimana di negoziazione”, ha osservato mercoledì un banchiere.

“Permira non può permettersi un altro imbarazzo dopo il dottor Martens”, ha detto un altro.

Secondo persone vicine ai colloqui, i dirigenti del gruppo di acquisizione da 80 miliardi di euro con sede a Londra hanno iniziato a preoccuparsi la scorsa settimana. Le azioni di LVMH e del produttore di piumini Moncler sono crollate in seguito alla decisione a sorpresa del presidente francese Emmanuel Macron di indire elezioni parlamentari anticipate, aumentando la prospettiva di un governo di estrema destra alla guida della seconda economia dell’Eurozona.

Mentre gli investitori riducevano la loro esposizione alle azioni europee, “i grandi nomi che avevano impegnato decine di milioni” per l’IPO di Golden Goose hanno annullato i loro ordini, ha detto una persona vicina ai colloqui.

Secondo gli esperti del bookbuilding, non ha aiutato il fatto che importanti investitori come BlackRock e GIC fossero rimasti lontani. Permira temeva una svendita nel mercato post-vendita, hanno detto persone vicine al gruppo di acquisizione.

I bookrunner, tuttavia, hanno resistito fino alla fine: hanno sostenuto che il mix di investitori era abbastanza forte per andare avanti. A dire il vero, il prezzo dell’IPO sarebbe vicino al fondo dell’intervallo, a 9,75 euro per azione, valutando la società a meno di 2 miliardi di euro, molto inferiore ai 3 miliardi di euro precedentemente ipotizzati.

Ma a quel prezzo il libro è stato abbonato circa quattro volte. E i vertici dell'azienda, guidati da Silvio Campara, ritengono che la valutazione sia “giusta”, così come Permira, secondo tre persone.

Il gruppo di private equity ha acquistato Golden Goose, che ha sede vicino a Venezia, poco prima che la pandemia portasse al lockdown globale, con l’Italia tra i paesi più gravemente colpiti.

Un negozio Golden Goose a Milano
Un negozio Golden Goose a Milano © Claudia Greco/Reuters

Mentre quest’anno il settore globale del lusso ha dovuto affrontare un rallentamento, Golden Goose ha registrato un aumento dei ricavi del 12% nel primo trimestre.

“Dr Martens aveva un prezzo di gran lunga più basso ed è più un prodotto di mercato di massa superiore,[mentre[GoldenGooseèunlussopiùaccessibileedèingradodicostruirelasuastoria”haaffermatoMarioOrtelliunconsulentefocalizzatosullusso[while[GoldenGooseismoreaccessibleluxuryandisabletobuildupitsstory”saidMarioOrtellianadviserfocusedonluxury

Tuttavia, i precedenti di Permira erano una questione delicata, dicono gli operatori di mercato. La società francese di sicurezza informatica Exclusive Networks, quotata nel 2021 a 20 euro per azione, è ora scambiata a soli 19 euro. TeamViewer e Allegro, che l'azienda ha quotato in borsa rispettivamente nel 2019 e nel 2020, vengono scambiati entrambi al di sotto dei prezzi IPO.

Permira ha venduto l'ultima quota della sua partecipazione in Hugo Boss nel marzo 2015, poco prima di un forte calo del prezzo delle sue azioni, che ora sono più del 60% al di sotto del livello al momento dell'uscita del gruppo di acquisizione.

Permira aveva inizialmente cercato di coinvolgere i grandi investitori istituzionali asiatici ma non ci era riuscita, secondo tre persone vicine ai colloqui. Il GIC di Singapore, ad esempio, era stato contattato per partecipare all'operazione come investitore, ma ha deciso di non farlo. GIC ha rifiutato di commentare. Un altro opt-out è stato BlackRock, hanno detto le persone. Non è stato possibile raggiungere immediatamente BlackRock per un commento.

“Il rischio che questa IPO si trasformasse in un'IPO mediocre era superiore al vantaggio di andare avanti”, ha detto un partecipante.

Permira potrebbe tentare di rilanciare la quotazione nelle prossime settimane, hanno detto alcuni consulenti. Ma la sua decisione di non procedere potrebbe aver tolto lo slancio all’intero mercato IPO in Europa. Anche altri candidati alla quotazione stanno riflettendo due volte sui loro piani, tra cui Tendam, un rivenditore spagnolo di proprietà di private equity. Tendam ha rifiutato di commentare.

Campara, tuttavia, si è detto fiducioso che i preparativi per l'IPO non vadano sprecati.

“Golden Goose è una grande storia d'amore e la nostra priorità è sempre stata quella di raccontare questa storia alla giusta comunità di investitori”, ha detto al MagicTech dopo la decisione di rinviare la quotazione della società. Il roadshow ha fatto sì che gli investitori “percepissero Golden Goose non solo come un business forte e redditizio, ma come una vera azienda globale di lusso di nuova generazione”.