Mar. Giu 18th, 2024
Come si è svelata la difficile ricerca di Anglo-American da parte di BHP

Due settimane dopo aver lanciato un’offerta per Anglo American, l’amministratore delegato di BHP Mike Henry ha rotto con la sua reputazione di meticolosa pianificazione ed è volato a Città del Capo prima di salire su un volo per Johannesburg.

Il 58enne canadese era in missione per scongiurare la furiosa reazione politica scatenata dal suo piano di acquistare Anglo, quotata a Londra, ad eccezione delle sue attività sudafricane. Ma il presidente del paese Cyril Ramaphosa, impegnato nella campagna elettorale in vista delle elezioni, era troppo occupato per incontrarsi.

Mercoledì, mentre i sudafricani si recavano alle urne, Henry ha finalmente ammesso la sconfitta nel suo tentativo di portare a termine un accordo da 39 miliardi di sterline che avrebbe consegnato gli ambiti asset in rame di BHP Anglo e posizionato il gruppo come uno dei principali vincitori del passaggio globale all’energia verde.

Mentre BHP con sede a Melbourne ha addolcito la sua offerta per tutte le azioni due volte, un accordo alla fine si è rivelato sfuggente perché i minatori sono rimasti ai ferri corti sui rischi e sui costi della scissione delle divisioni sudafricane di platino e minerale di ferro di Anglo.

Il linguaggio educato utilizzato nelle dichiarazioni ufficiali ha smentito il crescente rancore per la battaglia per l’acquisizione durata sei settimane. Secondo i protagonisti di entrambe le parti, Anglo era irritato per l'arroganza percepita del suo corteggiatore mentre BHP era infuriato per l'intransigenza di Anglo.

Ma anche un accordo fallito lascerà il segno in un’industria mineraria che ha evitato le grandi fusioni per un decennio. Ha evidenziato la scarsità del rame, un metallo il cui utilizzo nei veicoli elettrici, nei data center e nelle linee elettriche lo pone al centro della transizione energetica.

“Non appena l'offerta di BHP è stata annunciata, l'intero settore è risollevato e questo non scomparirà presto”, ha affermato Ben Davis, analista minerario di Liberum. “Ha assolutamente puntato i riflettori sulla scarsità di risorse” e sulle sfide legate all'aumento dell'offerta mondiale di rame, ha aggiunto.

Ciò lascia l’amministratore delegato di Anglo, Duncan Wanblad, sotto pressione per realizzare l’ambiziosa ristrutturazione, inclusa la vendita della sua attività di diamanti De Beers, che ha presentato agli azionisti come un’alternativa superiore alla vendita dell’azienda di 107 anni.

Un lavoratore inserisce una roccia di kimberlite in un microscopio in un laboratorio De Beers. Il piano di difesa dell'amministratore delegato di Anglo, Duncan Wanblad, prevedeva la vendita della divisione e lo scorporo della sua unità di platino per concentrarsi invece su rame, minerale di ferro e fertilizzanti. © Waldo Swiegers/Bloomberg

“Anglo deve portare avanti la sua nuova strategia”, ha detto Richard Hatch, analista di Berenberg, della società mineraria che è stata considerata un obiettivo di acquisizione da quando un profit warning di dicembre ha fatto crollare le sue azioni.

BHP si è opposta all'offerta per Anglo subito dopo l'avvertimento per paura che potesse apparire opportunistica, hanno detto persone a conoscenza della questione. Ma verso la fine dello scorso anno, Anglo ha notato un aumento del traffico verso il sito web da parte dello staff di BHP, ha detto un'altra persona a conoscenza della questione.

Anglo e BHP hanno rifiutato di commentare.

BHP ha fatto la sua mossa il 16 aprile quando il presidente Ken MacKenzie ha chiamato il suo omologo anglo Stuart Chambers – che aveva supervisionato la vendita di tre importanti aziende britanniche Arm, Pilkington e Rexam – per informarlo dell'interesse della sua azienda e che sarebbe arrivata una proposta dettagliata.

Quando la notizia dell'approccio di acquisizione è trapelata nella tarda giornata londinese del 24 aprile, BHP è stata colta di sorpresa. I dirigenti senior di Melbourne si sono svegliati alla notizia durante l’Anzac Day – una festa nazionale australiana equivalente al Giorno della Memoria – e la società ha rilasciato la sua prima dichiarazione solo circa 10 ore dopo.

La rivelazione dell'offerta – nome in codice “Project Badger” all'interno di BHP – ha immediatamente alzato la posta in gioco. Wanblad, un sudafricano e un anglo ergastolano, ha dimostrato gli stretti legami della compagnia con Pretoria assicurando quello che ha definito un incontro “lungo” con Ramaphosa.

BHP, al contrario, è stata costretta a recidere i legami con il suo consulente per le comunicazioni Brunswick, che ha una grande attività in Sud Africa e ha scelto di lavorare sulla difesa di Anglo.

Niente di tutto ciò ha intaccato la fiducia di BHP. Dopo la prima offerta, l'umore tra i ranghi della Anglo era basso, ha detto una persona a conoscenza della questione, che ha paragonato il tutto alla sensazione di presiedere gli ultimi giorni della società.

Vagoni ferroviari pieni di minerale di ferro al porto di Saldanha Bay al tramonto in Sud Africa
Le compagnie minerarie erano ai ferri corti sui rischi e sui costi della scissione delle divisioni sudafricane di platino e minerale di ferro di Anglo © Angloamericano

A metà maggio, Henry volò a Miami per partecipare alla conferenza mineraria della Bank of America, un appuntamento fisso nel calendario del settore. La lotta per il potere tra le aziende ha dominato.

Henry e il suo team hanno tenuto 71 riunioni con gli investitori durante la conferenza di due giorni mentre cercava di raccogliere sostegno. Wanblad ha scelto di saltare la conferenza, informando gli investitori alle 5:30 del primo giorno che le riunioni programmate erano state cancellate e ha invece tenuto un discorso tramite collegamento video.

Mentre alcuni azionisti erano infastiditi, Wanblad ha colto l'occasione per vendere la difesa dell'acquisizione che Anglo aveva recentemente annunciato: un piano per vendere De Beers e scorporare la sua attività di platino in quella che equivaleva a un'effettiva rottura del gruppo. Si concentrerebbe invece su rame, minerale di ferro e fertilizzanti.

“Il mercato ha subito uno shock per l'audacia” del piano di scissione, ha detto un dirigente anglosassone riferendosi al piano di difesa, nome in codice “Progetto Giove”. “Molti investitori ci hanno fornito feedback positivi sulla direzione in cui arriverà il nuovo Anglo-American.”

Ma alcuni azionisti anglosassoni, compreso il più grande, BlackRock, hanno incoraggiato il consiglio di amministrazione a discutere con BHP sulla possibilità di superare gli ostacoli ad un accordo. Dopo che BHP ha addolcito la sua offerta una seconda volta a 39 miliardi di sterline, Anglo ha ceduto: il prezzo era ancora troppo basso per essere accettato ma abbastanza alto per accettare una settimana di trattative a partire dal 22 maggio.

Avendo bisogno di mantenere i propri azionisti dalla parte, Henry si rifiutò di cedere alla sua insistenza affinché Anglo scindesse le sue attività Anglo Platinum e Kumba Iron Ore con sede in Sud Africa, ma delineò altre misure intese a ridurre i rischi associati alle spin-off.

I colloqui tra le due parti, tuttavia, sono rimasti limitati, portando all’opinione interna di BHP che Anglo avesse poco interesse a far funzionare l’accordo.

Martedì, con poco più di 24 ore rimanenti prima che BHP dovesse fare un'offerta formale o andarsene, il presidente di BHP MacKenzie ha scritto a Chambers riassumendo le misure che secondo il gruppo avrebbero mitigato alcuni dei rischi e richiedendo altre due settimane di colloqui, ha detto una persona che ha familiarità con la situazione.

Ancora mercoledì mattina, Henry pensava che Chambers fosse sotto pressione per concedere la proroga e rimase sorpreso quando Anglo respinse la richiesta.

Con il prezzo del rame scambiato vicino a un livello record, l’industria mineraria è pronta a ulteriori accordi mentre l’accaparramento di terre per il metallo si intensifica e aziende del calibro di Rio Tinto, Glencore e Freeport corrono per assicurarsi una maggiore quantità di metallo.

“Siamo nella posizione di procedere al consolidamento del settore”, ha affermato Hatch di Berenberg.

Una persona cammina accanto a un cartello che indica lo stabilimento di platino della Anglo American, fuori Rustenburg, in Sud Africa
L'amministratore delegato di BHP Mike Henry ha rifiutato di cedere alla sua insistenza affinché Anglo scindesse le sue attività Anglo Platinum e Kumba Iron Ore con sede in Sud Africa © Waldo Swiegers/Bloomberg

Sebbene la lotta sia stata dura per Henry, alcuni azionisti accolgono con favore il fatto che sia rimasto disciplinato sul prezzo e fermo sulla struttura dell'accordo proposto.

Ma per Wanblad il tempo ha appena iniziato a ticchettare. L’investitore attivista statunitense Elliott ha accumulato una partecipazione del 3,5% nella miniera, aumentando la pressione per mantenere la promessa.

“Il recente piano di semplificazione della società potrebbe sbloccare un valore significativo nei prossimi 12-18 mesi”, ha affermato Andrew Snowdowne, gestore di fondi presso Sanlam Investments, che possiede lo 0,6% di Anglo. “Se il prezzo delle azioni non si rivaluta nonostante queste misure, riteniamo che la probabilità di un'altra offerta di acquisizione da parte di un importante minatore sia alta.”

Ma mentre entrambe le società cercano di tracciare un limite nelle ultime sei settimane, una persona che ha familiarità con i negoziati ha avvertito che un futuro corteggiatore dovrà firmare un assegno più grande per catturare Anglo.

“È stato posto un punto di riferimento”, hanno detto. “Se qualcuno vuole entrare, sa che c'è un livello molto più alto.”