Mar. Giu 18th, 2024
Il voto di Shell evidenzia il divario climatico tra i gestori patrimoniali

Bentornato.

Numerosi gestori patrimoniali del Regno Unito si sono presentati come lungimiranti sulle questioni ESG, unendosi al gruppo di investitori Climate Action 100+ e rilasciando dichiarazioni coraggiose sulla riduzione dell’inquinamento.

Eppure molti dei più grandi gestori finanziari del Regno Unito hanno recentemente votato contro una proposta degli azionisti che i sostenitori definiscono una cartina di tornasole della gravità climatica. Come spiego nella newsletter di oggi, lo sviluppo rivela lo stato dei lavori riguardo alle risoluzioni degli azionisti, a cui alcuni grandi investitori istituzionali si stanno avvicinando con maggiore cautela.

Proposte degli azionisti

Per favore, non prendermi il mio. . . strumento di governo societario

L'assemblea annuale degli azionisti di Shell la scorsa settimana è stata interrotta dai manifestanti per il clima che cantavano “Shell uccide” sulle note di “Jolene” della cantante country Dolly Parton.

Anche se i manifestanti sono stati espulsi, l’influenza culturale del sud americano potrebbe comunque essersi fatta strada nel voto degli azionisti quando tre dei più grandi gestori patrimoniali del Regno Unito hanno assunto una posizione più scettica su una proposta sul clima osservata da vicino.

Legal & General Investment Management, Schroders e Abrdn hanno votato contro una risoluzione che chiede alla major petrolifera di adottare obiettivi di riduzione delle emissioni in linea con l’accordo di Parigi, in un segnale del distacco degli investitori britannici dagli omologhi dell’UE nel loro approccio alle questioni climatiche.

Un gruppo di 27 investitori Shell, tra cui il più grande gestore patrimoniale europeo Amundi, ha co-presentato la risoluzione, che è stata coordinata dall'azionista attivista Follow This. Alla fine ha ricevuto il sostegno di circa il 19% delle azioni votate: una significativa rivolta degli azionisti, ma leggermente in calo rispetto al 20% dell’anno scorso.

HSBC Asset Management, società quotata nel Regno Unito, è stato tra gli investitori che hanno sostenuto la risoluzione, affermando di ritenere che avrebbe promosso “una migliore gestione delle questioni legate al clima”.

Ma il voto ha aperto una spaccatura tra i gestori con sede nel Regno Unito, che stanno seguendo l’approccio sempre più cauto dei fondi statunitensi nei confronti delle risoluzioni degli azionisti, e gli investitori dell’Europa continentale che sono rimasti fedeli a politiche climatiche più assertive.

Il voto solleva interrogativi sui limiti del processo di voto degli azionisti come strumento per ridurre le emissioni delle compagnie petrolifere. Ciò avviene mentre la supermajor rivale ExxonMobil ha reagito contro una proposta degli azionisti legata al clima con una causa. A gennaio, Exxon ha compiuto il passo insolito di citare in giudizio Follow This e Arjuna Capital, un consulente per gli investimenti con sede nel Massachusetts, dopo aver presentato una risoluzione in cui chiedeva alla società di fare di più per ridurre le emissioni di gas serra.

Da allora i gruppi hanno ritirato la risoluzione e Follow This è stato licenziato dal caso legale per motivi di giurisdizione. Ma Exxon ha portato avanti la causa contro Arjuna Capital, con l’amministratore delegato Darren Woods che ha promesso mercoledì alle riunioni annuali di essere un “forte sostenitore” dei diritti degli azionisti, respingendo quelli che ha definito “attacchi seriali” da parte di attivisti contro l’industria petrolifera.

La maggioranza degli azionisti presenti all’incontro annuale di Shell ha inoltre appoggiato la decisione della società di perforazione di indebolire i propri obiettivi climatici, con il 78% che ha votato per una strategia di transizione energetica rivista che riduca le emissioni più lentamente di quanto Shell avesse inizialmente previsto. Sia LGIM che Schroders hanno votato contro la strategia.

Mark van Baal, fondatore di Follow This, mi ha detto che la risoluzione che chiedeva alla Shell di ridurre le emissioni aveva lo scopo di testare l’impegno degli azionisti nei confronti dell’accordo di Parigi, in cui le nazioni hanno concordato di perseguire gli sforzi per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C.

“Abbiamo presentato risoluzioni per anni e anni. . . non abbiamo bisogno di dimostrare che le major petrolifere non vogliono cambiare”, ha detto. “È necessaria solo una risoluzione per dimostrare quali investitori sono impegnati a Parigi e quali no”.

Follow This ha deciso di puntare su Shell perché l'appetito degli azionisti di opporsi alla sua strategia climatica sembrava essere più alto, ha detto van Baal.

“Abbiamo sentito dagli investitori: 'Forse la BP ha una strategia migliore di Shell.' Cosa con cui non sono completamente d'accordo, perché sono lontani dall'allineamento con Parigi quanto lo è Shell; solo che il loro amministratore delegato è un venditore migliore”, ha aggiunto.

LGIM, Schroders e Abrdn, tutti membri della coalizione di investitori Climate Action 100+, hanno sostenuto ciascuno che la risoluzione sul clima della Shell potrebbe avere conseguenze indesiderate e hanno sottolineato il ritmo incerto della transizione energetica come motivo per trattenere un’azione più aggressiva.

“La formulazione della proposta impone rigidità a un’azienda soggetta alle esigenze non lineari della transizione energetica”, ha scritto LGIM in una nota in cui spiega il suo voto.

“Apprezziamo che la mancanza di visibilità sul ritmo della transizione energetica e, di conseguenza, la domanda di petrolio e gas crei alcune sfide per Shell nel fissare obiettivi lungimiranti”, mi ha detto Abrdn in una dichiarazione via email sulla sua decisione.

I critici sottolineano che c’è qualcosa di insensato nel fatto che gli azionisti sostengano che le compagnie petrolifere sono soggette a un percorso incerto verso la transizione energetica. Dopotutto, sosteneva van Baal, “sono loro che fanno il percorso”.

Inoltre, la stessa Shell afferma nel suo obiettivo climatico che il suo obiettivo di zero emissioni sostiene l’accordo di Parigi.

Ma altri sostengono che non ha molto senso che gli attivisti cerchino di attribuire le aziende a scopo di lucro a uno scenario di riscaldamento di 1,5°C che rimane, dopo tutto, un’aspirazione, non una previsione. Perché le compagnie petrolifere dovrebbero prendere decisioni di investimento sulla base di questo ipotetico, si chiedono, piuttosto che sul percorso che sembra seguire il mondo, con il suo uso persistente di combustibili fossili?

“Uno scenario di 1,5°C non è una cartina di tornasole realistica per la purezza del clima, in un mondo che si dirige verso più di 3°C di riscaldamento”, mi ha detto Nolan Lindquist, capo del think tank Center for Active Stewardship. “Shell dichiara che il suo obiettivo di zero emissioni a lungo termine è “allineato a Parigi”. Non lo so, l’allineamento di Parigi è negli occhi di chi guarda”.

Lettura intelligente

Rachel Millard e Sarah White rivelano che il gruppo infrastrutturale canadese Brookfield e il partner Temasek, il fondo di investimento di Singapore, sono in trattative esclusive per rilevare Neoen, nell'ultima potenziale acquisizione di una società di energia rinnovabile quest'anno.