Gio. Giu 13th, 2024
L’Arabia Saudita venderà azioni Aramco per un valore di 12 miliardi di dollari

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

L’Arabia Saudita sta vendendo azioni della sua compagnia petrolifera nazionale Saudi Aramco per un valore di circa 12 miliardi di dollari, mentre il regno cerca ulteriore capitale per il suo fondo sovrano.

Riyadh offre 1.545 miliardi di azioni del più grande esportatore di petrolio del mondo tra SR26.7 e SR29. Il prezzo finale sarà annunciato il 7 giugno.

I consulenti di Aramco sono in Arabia Saudita da diversi giorni per fare gli ultimi preparativi per un'offerta azionaria secondaria e la decisione finale sui dettagli dovrebbe essere presa dal principe ereditario Mohammed bin Salman, secondo persone a conoscenza della questione.

L'offerta rappresenta il culmine di un piano durato anni per vendere più azioni del produttore petrolifero di proprietà statale dopo la sua quotazione da record nel 2019. La vendita coincide anche con l'incontro ministeriale semestrale dell'Opec, che si svolge domenica, quando il cartello guidato dall’Arabia Saudita deciderà i livelli di produzione di petrolio per il resto dell’anno.

La litania di consulenti di Saudi Aramco è stata coinvolta per mesi nei preparativi stop-start per una vendita di azioni. In almeno due occasioni il governo ha deciso di non procedere all'ultimo momento, ha detto una persona.

La vendita arriva mentre l’Arabia Saudita sta rivedendo alcuni megaprogetti tra le preoccupazioni circa il costo di un ambizioso piano di diversificazione economica.

Con il governo concentrato sul mantenimento di una solida crescita non petrolifera, il fondo sovrano del regno, il Public Investment Fund, sarà probabilmente il principale beneficiario di una vendita di azioni del principale generatore di entrate del paese.

Il PIF è il principale veicolo di investimento utilizzato dal principe ereditario per guidare la revisione dell’economia saudita ed è stato il principale destinatario dei fondi dell’IPO originale alla fine del 2019.

In quella quotazione, l’Arabia Saudita ha raccolto una somma iniziale di 25,6 miliardi di dollari vendendo 3 miliardi di azioni a 32 SR ciascuna, equivalenti all’1,5% della società, con i proventi destinati al PIF. Un mese dopo ha venduto altre 450 milioni di azioni, portando il ricavato della vendita a 29,4 miliardi di dollari.

Giovedì le azioni di Saudi Aramco hanno chiuso a SR29, in calo di circa un quarto rispetto al massimo raggiunto nel 2022.

Il governo ha ripetutamente incrementato i fondi del PIF negli ultimi anni, anche con 40 miliardi di dollari dalle riserve estere della banca centrale all’inizio della pandemia di Covid-19. Lo stato ha poi trasferito il 4% delle azioni di Saudi Aramco al PIF all’inizio del 2023, seguito da un altro 8% lo scorso marzo.

I trasferimenti hanno contribuito ad aumentare la dimensione del patrimonio gestito dal PIF e gli hanno fornito una fonte di entrate attraverso i dividendi pagati da Saudi Aramco. L’anno scorso Saudi Aramco ha aumentato il compenso degli azionisti a quasi 100 miliardi di dollari, registrando il secondo profitto annuale più alto della sua storia.

Alla fine del 2023 il PIF aveva un patrimonio in gestione di 925 miliardi di dollari, con l’obiettivo dichiarato di aumentarlo a circa 1 trilione di dollari entro il 2025.