Dom. Lug 14th, 2024
Corea del Sud e Giappone criticati per l’approccio alla collaborazione sul clima

Dopo uno storico disgelo nelle relazioni che ha portato ad un approfondimento dei legami militari tra Corea del Sud e Giappone, i due paesi stanno prendendo di mira una nuova area di collaborazione: il clima e la sicurezza energetica.

I loro governi stanno intensificando gli sforzi per promuovere l’uso dell’idrogeno e dell’ammoniaca come strumenti di riduzione delle emissioni per i loro settori industriali e di produzione di energia. Ma lo sforzo bilaterale è stato pesantemente criticato dagli attivisti ambientali, che sostengono che potrebbe rallentare la transizione globale verso le energie rinnovabili.

In un incontro a Seul il mese scorso, il primo ministro giapponese Fumio Kishida e il presidente sudcoreano Yoon Suk Yeol hanno concordato di accelerare gli sforzi per creare una catena di approvvigionamento globale per l’idrogeno e l’ammoniaca dopo aver presentato l’iniziativa congiunta lo scorso novembre.

Il Giappone, che ha pubblicato la prima strategia nazionale al mondo sull’idrogeno nel 2017, vuole utilizzare il gas come combustibile “a basse emissioni di carbonio”, mentre Seoul ha anche fissato obiettivi ambiziosi sull’idrogeno, con l’obiettivo di utilizzarlo per soddisfare un terzo del proprio fabbisogno energetico entro il 2050. .

Entrambi i paesi stanno anche promuovendo l’ammoniaca, un composto di idrogeno e azoto spesso utilizzato per produrre fertilizzanti, come combustibile nelle centrali elettriche a carbone, per ridurre le emissioni e prolungarne la vita operativa.

“Il Giappone e la Corea del Sud hanno sfide simili in termini di raggiungimento della sicurezza energetica e dell'energia pulita, quindi c'è molto spazio per la cooperazione tra i due paesi”, afferma Noriyuki Shikata, segretario di gabinetto giapponese per gli affari pubblici.

Né l’idrogeno né l’ammoniaca, quando bruciati, generano “emissioni finali” di carbonio. Ma la loro produzione è ad alta intensità energetica e gli ambientalisti sostengono che il piano di nessuno dei due paesi per espandere la capacità di generazione di energia rinnovabile è abbastanza ambizioso da eliminare le emissioni di carbonio dal processo.

Il presidente sudcoreano Yoon Suk Yeol (a destra) e il primo ministro giapponese Fumio Kishida a Seul a maggio © Ahn Young-Joon – Piscina/Getty Images

Il Giappone prevede di generare fino al 38% della propria elettricità da fonti rinnovabili entro il 2030, rispetto al 22% dello scorso anno e a una media OCSE del 26%. La Corea del Sud, dove le energie rinnovabili rappresentano solo il 7,7% dell’elettricità, l’anno scorso ha tagliato il suo obiettivo di energie rinnovabili per il 2030 dal 30,2% al 21,6%.

L’idrogeno prodotto utilizzando energia rinnovabile è comunemente definito “verde” perché il processo non produce emissioni di gas serra. Ma il 90% dell’idrogeno prodotto in Corea del Sud, ad esempio, è il cosiddetto “idrogeno grigio”, ottenuto dal gas naturale, che rilascia anidride carbonica nell’atmosfera.

“L’idrogeno verde, prodotto utilizzando energia rinnovabile, offre un’alternativa veramente sostenibile e dovrebbe essere prioritario per settori difficili da abbattere come la produzione di acciaio”, afferma Seokhwan Jeong, ricercatore presso Solutions for Our Climate a Seoul. “Senza questo cambiamento, il progetto rischia di portare la Corea del Sud in una trappola ad alte emissioni, minando gli sforzi globali sul clima ed esacerbando la crisi che mira a risolvere”.

Invece, i due paesi stanno spingendo il cosiddetto idrogeno “blu” come soluzione a breve termine. È uguale alla versione grigia del gas, tranne per il fatto che al carbonio prodotto viene impedito di entrare nell’atmosfera utilizzando un processo chiamato cattura e stoccaggio del carbonio (CCS).

SK E&S, una filiale del Gruppo SK, sta costruendo il più grande progetto mondiale di idrogeno blu nella parte occidentale della Corea del Sud. SK fa anche parte di un progetto per lo sfruttamento del giacimento di gas Barrosa al largo della costa settentrionale dell'Australia.

La Corea del Sud sta esplorando la possibilità di inviare il carbonio sequestrato a un impianto australiano che lo immagazzinerebbe in un giacimento di gas esaurito al largo di Timor Est. Entro il 2030, i piani prevedono di catturare 10 milioni di tonnellate di carbonio all’anno – equivalenti a un quarto dell’attuale capacità mondiale di CCS, ma solo una frazione delle sue emissioni totali.

Tuttavia, i critici sostengono che la CCS non è ancora stata dimostrata come un mezzo praticabile per mitigare le emissioni di carbonio generate dalla produzione di idrogeno blu.

“La CCS è una soluzione molto conveniente, perché significa che non è necessario modificare nulla”, afferma Sejong Youn, direttore del gruppo ambientalista Plan 1.5 con sede a Seoul. “L’intero piano si basa su una dipendenza totalmente irrealistica da una tecnologia immatura”.

Ambientalisti Dire la collaborazione bilaterale significa che entrambi i governi cercano di preservare il più a lungo possibile le infrastrutture esistenti basate sui combustibili fossili, minacciando gli sforzi regionali per espandere l’uso delle energie rinnovabili per raggiungere gli obiettivi di neutralità del carbonio.

“Le transizioni energetiche coreana e giapponese si concentrano sul mantenimento dello status quo con false soluzioni come l’idrogeno, l’ammoniaca e la cattura e lo stoccaggio del carbonio, piuttosto che passare alle energie rinnovabili per far fronte ai cambiamenti climatici”, avverte Yujin Lee, direttore dell’Institute for Green. Trasformazione a Seul. “Stanno perdendo tempo. Più la transizione verrà ritardata, maggiore sarà la perdita di competitività industriale dei paesi”.

Youn afferma che i due paesi, già tra i primi tre importatori di gas naturale liquefatto nel mondo, stanno pianificando di importare gran parte dell’idrogeno e dell’ammoniaca dal Medio Oriente.

“Il loro piano è quello di recarsi nei paesi produttori di petrolio e gas del Medio Oriente, costruire enormi impianti di idrogeno e ammoniaca utilizzando le loro riserve di gas e trasportare l’idrogeno e l’ammoniaca in Corea e Giappone”, afferma. “Questo è essenzialmente solo un altro piano di importazione di combustibili fossili e sicuramente non una soluzione climatica”.

Un recente rapporto dell’Institute for Energy Economics and Financial Analysis, un think-tank pro-rinnovabili, afferma che la Corea del Sud sta “accelerando la sua spinta verso la costruzione di nuovi terminali di importazione e impianti di stoccaggio di gas naturale liquefatto (GNL), nonostante disponga di alcune delle risorse necessarie per tassi di utilizzo più bassi per i terminali GNL esistenti”.

Il paese sta anche cercando di sfruttare le proprie potenziali riserve di combustibili fossili. All'inizio di questo mese, il presidente Yoon ha approvato un progetto da 500 miliardi di won (363 milioni di dollari) per perforare un giacimento al largo della costa orientale del paese che potrebbe contenere gas sufficiente a garantire le forniture interne per 29 anni.

Funzionari giapponesi e coreani sostengono che l’Asia – che rappresenta circa la metà delle emissioni globali di carbonio e ospita la generazione più moderna di centrali elettriche a carbone al mondo – deve affrontare sfide ambientali distinte da quelle dell’Europa o del Nord America, il che significa che il ritmo della sua transizione verso Anche il raggiungimento degli obiettivi climatici dovrebbe essere diverso.

Oltre a utilizzare idrogeno e ammoniaca per ridurre le emissioni provenienti da aree sporche dell’economia, i due paesi vedono le nuove tecnologie anche come un mezzo per continuare a importare energia da vicini amici, come l’Australia, per migliorare la loro sicurezza energetica in un momento di crisi. crescenti tensioni geopolitiche.

“Potrebbe esserci incertezza sul futuro delle tecnologie dell’idrogeno e dell’ammoniaca”, afferma Kohtaro Ito, esperto di Corea del Sud presso il Canon Institute for Global Studies di Tokyo. “Ma il rapporto tra Giappone e Corea del Sud sta diventando sempre più multistrato e hanno obiettivi condivisi quando si tratta di approvvigionamento energetico”.