Gio. Mag 23rd, 2024
È troppo tardi per investire nella corsa all’oro?

Sulla High Street a Hungerford, una storica città mercato a circa un'ora a ovest di Reading, si trova il negozio di francobolli e monete di Nigel Montgomery.

Commercia metalli preziosi da circa 50 anni, ma non ha mai visto una corsa all'oro come questa: il prezzo di un'oncia troy, l'unità utilizzata per pesare i metalli preziosi che risale al Medioevo, ha toccato il massimo storico questo mese, superiore a $ 2.400.

“Non abbiamo mai visto così tanta domanda al dettaglio come stiamo vedendo in questo momento”, dice il 67enne. “Ho attraversato vari boom dell’oro e dell’argento a partire dagli anni ’70: stiamo assistendo a un rally più sostenuto, più forte e autentico”.

Gli investitori hanno accumulato plusvalenze esentasse in monete d’oro sovrane e Britannia per proteggere i loro portafogli dall’inflazione e da qualsiasi escalation del conflitto in Medio Oriente. Tanto che Montgomery deve continuamente ricostituire le sue scorte.

Ma le origini di questa corsa all’oro sono a migliaia di chilometri dalla città di Montgomery – e lontano dagli storici centri commerciali globali di Londra, Zurigo e New York – a Pechino e Shanghai.

La Banca Popolare Cinese ha condotto acquisti record di oro da parte delle banche centrali nel 2022 e nel 2023, acquistando collettivamente oltre 1.000 tonnellate ogni anno, mentre i mercati emergenti cercavano di diversificare le loro riserve detenute lontano dal dollaro statunitense, utilizzato come arma da Washington nelle sanzioni contro la Russia dopo la sua invasione dell’Ucraina.

Gli investitori al dettaglio cinesi hanno accumulato oro mentre altri investimenti, dal settore immobiliare alle azioni locali, si sono inaspriti. Si sono aggiunti anche gli hedge fund cinesi e altri speculatori.

“Questo rally presenta caratteristiche cinesi ovunque”, afferma John Reade, capo stratega del mercato presso il World Gold Council, un gruppo di pressione del settore. “Tutto riconduce a diversi attori in Cina”.

Mentre gli scommettitori a Hungerford e nei negozi Costco negli Stati Uniti impazziscono per l'oro, gli investitori occidentali sono rimasti, in generale, a margine dell'ultimo rally dell'oro. Gli Exchange Traded Funds (ETF) garantiti da oro hanno continuato a registrare deflussi mensili, mentre la domanda di lingotti e monete è stata pessima in Germania, in genere il terzo mercato più grande del mondo.

Andreas Habluetzel, amministratore delegato di Degussa Goldhandel, il più grande commerciante d'oro in Europa, che possiede la Sharps Pixley di Londra, afferma che la crisi del costo della vita e l'inflazione persistente stanno spingendo i clienti a vendere.

“Vogliamo tutti mantenere lo stesso stile di vita: mandare i figli a buone scuole e possedere due auto. Quando parliamo con le persone a reddito medio, queste liquidano perché hanno bisogno di soldi”, dice.

Ciò crea un dilemma per l’investitore di poltrone occidentale. L’oro ha registrato un rialzo di circa 600 dollari per oncia troy da quando è scoppiato il conflitto tra Israele e Hamas in ottobre, ma l’incredibile aumento è ampiamente visto dagli analisti come sproporzionato rispetto ai soliti fattori trainanti del prezzo dell’oro: tassi reali sui titoli del Tesoro statunitensi, dollaro e flussi di ETF.

“Questo non è il comportamento dell’oro. È più o meno il comportamento delle criptovalute”, afferma Habluetzel.

Quando l’asset è così volatile, gli investitori dovrebbero fare affidamento su di esso come bene rifugio? E se il centro di gravità del mercato si sta spostando verso un gruppo di investitori in Cina con preoccupazioni fondamentalmente diverse dalle tue, dovresti puntare sul sostegno dei lingotti?


Da un punto di vista tattico, il forte rialzo dell’oro potrebbe metterlo in equilibrio per una brusca correzione, essendo già sceso di circa 50 dollari questa settimana, rendendolo un punto di ingresso pericoloso.

Ma altri sostengono che l’oro abbia una coorte di acquirenti che aspettano dietro le quinte che eventuali cali si accumulino nell’oro, compresi gli investitori occidentali in ETF che non hanno ancora partecipato. L’analista della Deutsche Bank Michael Hsueh afferma che è probabile che “qualsiasi presa di profitto da parte dei primi investitori verrebbe sostituita da investimenti da parte di coloro che finora non hanno partecipato alla mossa”.

Guardando più lontano, la domanda per gli investitori è se credono che il sistema monetario globale sia all’inizio di una trasformazione radicale. Potrebbe trattarsi di una nuova era di inflazione persistente che erode il potere d’acquisto delle valute fiat e di una grande competizione di potere che aumenta la quota dell’oro nelle riserve a scapito del dollaro USA.

Max Belmont, gestore del portafoglio della strategia Gold presso First Eagle Investments, un asset manager, afferma che l'oro sta “annusando” le crescenti preoccupazioni sulla sostenibilità dei livelli di debito globale.

Il debito americano aumenta di circa 1 trilione di dollari ogni 100 giorni circa con i tassi di interesse ai livelli attuali, mentre gli investitori temono che l’Europa potrebbe avere difficoltà a gestire i livelli del debito se Donald Trump entrasse alla Casa Bianca e spingesse per un aumento della spesa per la difesa della Nato. Questo mese il FMI ha avvertito che Stati Uniti, Cina, Italia e Regno Unito “devono assolutamente intraprendere azioni politiche” sul debito. Nessuno dei due candidati alle presidenziali statunitensi mostra grandi segnali di volontà di contenere la spesa.

Nicky Shiels, analista di metalli preziosi presso MKS Pamp, una raffineria e commerciante svizzera, afferma che l’impennata dei prezzi dell’oro anticipa un “grande cambiamento di regime che l’Occidente sta attraversando”, dall’erosione del potere d’acquisto del dollaro USA, all’inflazione più elevata per un lungo periodo e ad un multipolare mondo.

Quando si tratta del debito statunitense, afferma che il mercato è sempre più convinto che la Fed potrebbe tagliare i tassi di interesse anche se l’inflazione aumenta, al fine di ridurre i pagamenti di interessi pagati dal governo americano (la Fed è indipendente dal Tesoro).

“Ecco: due decenni di allentamento della politica monetaria stanno giungendo al culmine”, afferma.

D’altro canto, le banche centrali dei mercati emergenti e il patrimonio sovrano guidati da Cina, Russia e Medio Oriente stanno acquistando oro dopo che gli Stati Uniti hanno sanzionato miliardi di dollari delle riserve di Mosca detenute in obbligazioni statunitensi.

“È il dollaro che perde utilità come risorsa per immagazzinare surplus commerciali”, afferma John Hathaway, socio amministratore di Sprott Inc, un asset manager canadese specializzato in metalli. L'oro ha tradizionalmente seguito i tassi reali dei titoli del Tesoro USA, ma aggiunge che “le politiche della Fed potrebbero non avere più importanza per i prezzi dell'oro” dato il nuovo gruppo di motivazioni degli acquirenti.

E gli investitori cinesi stanno prendendo spunto dagli acquisti delle proprie banche centrali. “Un'enorme quantità di ricchezza privata finirà per finire nell'oro perché non c'è nient'altro da comprare: la proprietà fa schifo, le azioni ti fanno perdere soldi, i contanti in banca non pagano nulla e non possono portare i soldi offshore”, dice Adrian Ash , direttore della ricerca presso BullionVault, un mercato online dell'oro.

Ma altri sostengono che i rischi geopolitici, il crollo del dollaro e le preoccupazioni sul debito siano eccessivi.

“Il mondo non è così rischioso come [in] 1980”, afferma James Steel, capo analista dei metalli preziosi presso HSBC, quando l’oro raggiunse il suo record corretto per l’inflazione ben al di sopra dei 3.000 dollari per oncia troy.


Per gli investitori al dettaglio preoccupati di aver perso cavalcando l’onda dei prezzi spumosi dell’oro, un’opzione potrebbe essere quella delle azioni minerarie aurifere.

Secondo il gestore patrimoniale Schroders, negli ultimi 40 anni le valutazioni dei produttori mondiali di oro, guidati da Newmont e Barrick Gold, raramente sono state così fortemente scontate rispetto al prezzo dell'oro come lo sono adesso. Ciò ha reso la valutazione collettiva del settore dell’estrazione dell’oro pari a circa 300 miliardi di dollari, non superiore a quella di Home Depot, il rivenditore statunitense di bricolage.

La teoria è che i prezzi elevati dell’oro si tradurranno in margini più elevati quando i produttori di oro pubblicheranno i prossimi utili, facendo impennare i prezzi delle azioni.

“È un rapporto rischio-rendimento diverso. Se i prezzi dell’oro raddoppiano, dovresti ottenere un aumento maggiore del tuo margine”, afferma Robert Crayfourd, che gestisce il fondo Golden Prospect Precious Metals presso CQS, un asset manager.

Jim Luke, gestore di fondi presso Schroders, ha scritto in una nota recente che il “triste sentimento occidentale” sull'oro e la scarsa performance operativa da parte delle principali società del settore sono alla base delle basse valutazioni.

“Non è un’esagerazione affermare che il settore potrebbe aumentare del 50% e apparire ancora poco costoso”, afferma.

Grafico a linee del rapporto tra il prezzo delle azioni dei produttori di oro del Nord America e il valore patrimoniale netto che mostra che le azioni dell'oro raramente sono state così convenienti negli ultimi 40 anni

Le azioni dell’estrazione dell’oro si trovano ad affrontare sfide strutturali legate alle loro credenziali ESG, poiché svolgono un ruolo limitato nella transizione energetica, nell’aumento del rischio politico nei paesi in via di sviluppo a corto di liquidità, dal Mali al Messico, e nelle riserve in calo.

Ancora più preoccupante, tuttavia, è che questo rally dell’oro è stato guidato dalla banca centrale cinese, dagli investitori al dettaglio, dai gestori patrimoniali e dai fondi per i quali le azioni dell’estrazione dell’oro occidentale hanno poco interesse.

Gli investitori sono stati scoraggiati dall'incapacità del settore di domare l'inflazione dei costi derivanti da fattori vitali come carburante, esplosivi e cianuro negli ultimi due anni e dalle spese eccessive durante i boom precedenti. I gestori dei fondi vogliono vedere la prova che i margini aumenteranno.

John McCluskey, amministratore delegato di Alamos Gold, un produttore di oro canadese di medie dimensioni, afferma che la corsa guidata dalla tecnologia per i mercati azionari, con il Dow Jones che ha superato quota 38.000, rende difficile prevedere quando i produttori di oro daranno un'occhiata.

“'La festa sta andando a tutto ritmo. Penso che andrò a casa a controllare che il gas sia aperto' – non lo farai adesso. “Lo farò e lo metterò in questi fondi d'oro che non hanno funzionato bene per 10 anni” – non si fa”, dice. Ma aggiunge: “Quando vedranno i margini allora compreranno quelle azioni”.


Jason Todt si definisce uno della nuova razza di “gold bug in pensione” che stanno festeggiando duramente.

Dopo la crisi finanziaria globale, il direttore di una concessionaria di automobili nel Missouri ha speso 100.000 dollari in una vendita di proprietà in oro. Se il quarantasettenne avesse tenuto tutti i suoi lingotti fino ad ora, varrebbe 120.000 dollari. Invece, Todt ha guadagnato 1,5 milioni di dollari vendendo 65.000 dollari del suo tesoro d’oro nel 2017 per acquistare bitcoin e altri beni, permettendogli di andare in pensione all’inizio del 2020, incontrare la moglie ucraina e viaggiare per il mondo in una barca a vela.

“Ci sono voluti sette anni per ottenere un rendimento del 100% sull'oro quando puoi farlo con Bitcoin in un anno”, afferma.

Jason Todt e sua moglie Evgenia Grydnieva sulla loro barca a vela, ormeggiata a Gulfport, Mississippi
Jason Todt e sua moglie Evgenia Grydnieva sulla loro barca a vela, ormeggiata a Gulfport, Mississippi ©Bryan Tarnowski/FT

La situazione di Todt evidenzia l'attrazione per molti investitori da potenziali mega-rendimenti attraverso criptovalute, intelligenza artificiale e titoli tecnologici rispetto al perseguimento della conservazione della ricchezza.

Laith Khalaf, responsabile dell'analisi degli investimenti presso AJ Bell, avverte che anche per coloro che cercano di aggrapparsi alla propria ricchezza, l'oro spesso non riesce a soddisfare la sua reputazione di “rifugio sicuro” perché è volatile e viene scambiato lateralmente o al ribasso per lunghi periodi di tempo.

“Non dovrebbe costituire una parte importante del tuo portafoglio”, afferma. “Non più del 5%”

Ma i ricchi del mondo sembrano non essere d’accordo. I fondi, i family office e gli asset manager statunitensi stanno aumentando la quota di oro nei loro portafogli al 10-15%, rispetto al 5-7%, afferma Habluetzel di Degussa.

Ciò è sostenuto dalla capacità a lungo termine dell’oro di preservare la ricchezza, se acquistato al momento giusto. Dal 1970, quando il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon svincolò il dollaro dall’oro, i lingotti hanno prodotto un rendimento medio di poco inferiore all’8% annuo, afferma Peter Clark, un gestore di fondi in pensione.

Per Montgomery a Hungerford, l’oro è una polizza assicurativa indispensabile per gli investitori per proteggersi dalla fine dell’azionario e della criptomania.

“Se avessimo la pace nel mondo e un’economia più stabile, l’oro sarebbe stabile o scenderebbe”, dice. “Ma il mondo non è un luogo stabile. Le persone hanno avuto un andamento davvero positivo sui mercati azionari e i prezzi degli immobili hanno continuato a salire. Cos'è rimasto? È oro.”