Ven. Mag 24th, 2024
Profitti di ExxonMobil e Chevron trascinati al ribasso dal calo dei prezzi del gas naturale

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Venerdì ExxonMobil e Chevron hanno riportato cali a due cifre dei profitti del primo trimestre, segno che due anni di utili eccezionali guidati dall’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022 potrebbero volgere al termine.

Le due major petrolifere statunitensi hanno approfittato dell’impennata dei prezzi dell’energia legata alla guerra in Ucraina restituendo decine di miliardi di dollari agli azionisti e annunciando grandi acquisizioni progettate per stimolare la loro crescita futura. Ma i forti cali dei prezzi del gas naturale e la riduzione dei margini delle raffinerie di petrolio hanno intaccato i loro utili nei primi tre mesi dell’anno, causando un calo delle azioni di entrambe le società nelle prime negoziazioni.

“Il greggio, i crack e il gas globale sono scesi dai livelli record di un paio di anni fa, quindi è giusto supporre che gli utili record potrebbero non continuare”, ha affermato Jason Gabelman, analista di TD Cowen, una banca di investimento.

Exxon ha riportato un utile netto nel primo trimestre di 8,2 miliardi di dollari, in calo del 28% rispetto agli 11,4 miliardi di dollari dello stesso periodo dell'anno scorso a causa dei prezzi del gas e dei margini di raffinazione più bassi. Secondo FactSet, ha registrato un utile per azione di 2,06 dollari, inferiore alle aspettative di consenso di 2,19 dollari.

Chevron ha riportato un utile netto di 5,5 miliardi di dollari nel primo trimestre, in calo del 16% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso. L'utile rettificato di 2,93 dollari per azione è stato superiore alle aspettative degli analisti di 2,90 dollari.

Kathryn Mikells, direttore finanziario della ExxonMobil, ha attribuito la responsabilità dei mancati utili a elementi non monetari legati principalmente a imposte, inventario, aggiustamenti di bilancio e disinvestimenti. Ha affermato che la società sta andando bene, notando che il flusso di cassa derivante dalle attività operative di 14,7 miliardi di dollari è stato di circa 1 miliardo di dollari superiore al consenso.

Mikells ha affermato che le operazioni offshore della Exxon in Guyana – il paese sudamericano fondamentale per i suoi piani di crescita – hanno prodotto la cifra record di 600.000 barili di petrolio equivalente al giorno.

Exxon è coinvolta in una disputa arbitrale con il suo rivale statunitense Chevron, che sta tentando di prendere piede nell'operazione in rapida crescita della Guyana acquisendo uno dei partner di Exxon, Hess, per 53 miliardi di dollari.

L'accordo proposto dalla Chevron le garantirebbe il controllo del 30% del blocco Stabroek, una delle più grandi scoperte petrolifere offshore degli ultimi decenni. Exxon possiede il 45% del blocco petrolifero al largo della costa della Guyana.

Mikells ha ribadito la convinzione di Exxon di avere un diritto di prelazione sulle attività di Hess in Guyana. “Si tratta di confermare i nostri diritti. . . e stabilire il valore associato alla transazione per la Guyana”, ha affermato.

L'amministratore delegato di Chevron, Mike Wirth, ha detto agli investitori che la società rimane fiduciosa che alla transazione non si applichi un diritto di prelazione e che ciò sarà affermato in arbitrato.

Le azioni di Exxon hanno registrato ottime performance quest'anno, guadagnando il 18% raggiungendo un livello record all'inizio di questa settimana sulla scia dell'aumento dei prezzi del petrolio legato ai disordini in Medio Oriente. Le azioni di Chevron sono aumentate del 10% quest’anno a 164,65 dollari.

Dopo i risultati di venerdì, le azioni di Exxon sono scese del 2,5% mentre Chevron ha perso lo 0,2%.

Exxon e Chevron hanno riportato un utile netto record rispettivamente di 55,7 miliardi di dollari e 35,5 miliardi di dollari nel 2022. L’anno scorso entrambe le società hanno registrato i loro secondi profitti annuali più alti in un decennio, con un utile netto rispettivo di 36 miliardi di dollari per Exxon e di 21,4 miliardi di dollari per Chevron.

Gli investitori hanno affermato che le due maggiori compagnie petrolifere statunitensi continueranno a generare flussi di cassa significativi nonostante il calo degli utili del primo trimestre, citando la crescente domanda di energia negli Stati Uniti e altrove.

“I risultati degli utili per le major petrolifere sono stati più deboli a causa di una combinazione di prezzi del gas più bassi e inversioni di rotta a valle. Tuttavia, vediamo reali fattori favorevoli alla domanda strutturale che sono destinati a favorire queste società”, Michael Alfaro, chief investment officer di Gallo Partners, un hedge fund focalizzato su questioni normative e politiche nel settore energetico e industriale.

Alfaro ha detto di aspettarsi un'accelerazione del programma di riacquisto di azioni di Exxon in seguito all'acquisizione da 60 miliardi di dollari del produttore statunitense di shale oil Pioneer Natural Resources, che la società prevede si concluderà entro la fine di giugno.

Mikells ha detto che Exxon sta osservando da vicino gli eventi geopolitici “piuttosto preoccupanti” in Medio Oriente e in Russia, ma ha sottolineato che le sue operazioni non sono state soggette a gravi interruzioni.

Ha detto: “I recenti eventi geopolitici sono piuttosto preoccupanti. È una situazione che osserviamo molto attentamente. Ovviamente, gli eventi geopolitici possono avere un impatto sul business”.