Ven. Mar 1st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Gli istituti di credito automobilistici britannici sono pronti a risarcire più di 1 miliardo di sterline dopo che il principale regolatore finanziario del Regno Unito ha avviato un’indagine sugli storici accordi di commissione dei concessionari di automobili risalenti a un decennio fa.

La Financial Conduct Authority ha dichiarato giovedì che indagherà sulle offerte legate agli interessi offerte dalle società di finanziamento automobilistico a seguito di un’impennata delle richieste dei clienti, che potrebbe portare a una riparazione che, secondo gli esperti di conformità, fa eco allo scandalo dell’assicurazione sulla protezione dei pagamenti.

Lo scandalo PPI risale agli anni ’90, quando le banche vendettero in modo improprio un tipo di prodotto assicurativo a milioni di clienti. Le banche furono successivamente colpite da multe per miliardi di sterline e richieste di risarcimento da parte dei clienti.

Nel 2021, la FCA ha vietato gli accordi di commissione discrezionale, in base ai quali i concessionari di automobili possono fissare i tassi di interesse nei contratti con i clienti. La FCA ha affermato che gli accordi hanno dato agli intermediari e ai concessionari finanziari automobilistici un incentivo ad aumentare i tassi di interesse sulle offerte dei clienti.

L’autorità di regolamentazione ha dichiarato giovedì che esaminerà il modo in cui “diverse aziende” avevano applicato le commissioni prima della messa al bando, dopo un elevato numero di richieste di risarcimento da parte dei clienti per accordi precedenti alla sua entrata in vigore.

“Se scopriamo che c’è stata una cattiva condotta diffusa e che i consumatori hanno perso qualcosa, identificheremo il modo migliore per garantire che le persone a cui è dovuto un risarcimento ricevano un risarcimento adeguato”, ha affermato la FCA. “E, se necessario, risolvere eventuali questioni legali contestate di importanza generale”, ha aggiunto.

L’autorità di regolamentazione ha osservato che un “numero elevato” di reclami è stato respinto da gruppi di finanziamento automobilistico che “ritengono di non aver agito ingiustamente né di aver causato perdite ai propri clienti sulla base dei requisiti legali e regolamentari applicabili”.

La FCA ha rifiutato di commentare la portata della sua indagine fino a quando non avrà intrapreso il lavoro per verificare quanto fosse diffuso il problema. Tuttavia, nel 2020 il regolatore ha affermato che il suo divieto avrebbe fatto risparmiare ai consumatori circa 165 milioni di sterline all’anno.

Se la somma rappresenta il probabile compenso annuale, il conto totale che il settore dovrà affrontare potrebbe essere di circa 1,3 miliardi di sterline. La FCA ha iniziato a presidiare il settore dei finanziamenti automobilistici nel 2014.

L’indagine fa seguito a due sentenze favorevoli ai consumatori da parte del Financial Ombudsman Service, un organismo ufficiale che risolve le controversie tra le aziende e i loro clienti. La FCA ha affermato che i casi potrebbero comportare “un aumento significativo” delle richieste di risarcimento.

Una delle denunce accolte riguardava un accordo del 2016 con Black Horse, una filiale del Lloyds Banking Group e il più grande finanziatore automobilistico del Regno Unito. L’altro è stato fatto contro Barclays Partner Finance, una divisione della banca Barclays.

Un portavoce di Barclays ha dichiarato: “Stiamo lavorando con il Financial Ombudsman Service e FCA per risolvere reclami storici relativi a questi tipi di prestiti

“Tutti i clienti che non sono soddisfatti delle circostanze del loro prestito di finanziamento auto dovrebbero contattare direttamente Barclays Partner Finance in modo che possiamo indagare e, ove necessario, mettere le cose a posto.”

Un portavoce di Black Horse ha dichiarato: “Stiamo attualmente rivedendo la decisione del FOS e lavoreremo in collaborazione con la FCA sulla loro prossima revisione”.

Kate Robinson, direttrice della società di consulenza normativa Avyse Partners, ha affermato di aspettarsi che le società di gestione dei reclami “diventino assolutamente selvagge”. “Sarà come il [PPI scandal].”

Giovedì la FCA ha chiesto ai fornitori di finanziamenti automobilistici di sospendere la gestione dei reclami per circa nove mesi mentre indaga sulla questione.

“È molto piacevole vedere finalmente la FCA mettere a nudo alcuni dei suoi denti normativi per un cambiamento”, ha affermato Simon Evans, capo della Consumer Redress Association, un ente commerciale per le società di gestione dei sinistri.

Ha detto che la questione ricorda lo scandalo PPI e che gli istituti di credito automobilistici avevano usato una “tattica simile” aggiungendo una commissione discrezionale ai contratti all’insaputa dei consumatori e che aveva avuto luogo su una scala “altrettanto ampia”.