Sab. Feb 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

I volumi degli scambi di Bitcoin sono aumentati giovedì dopo che i primi 10 fondi negoziati in borsa statunitensi che offrono un’esposizione diretta alla più grande criptovaluta del mondo hanno fatto il tanto atteso debutto sulle borse.

Il trading dei nove nuovi ETF e del trust bitcoin convertito da 28 miliardi di dollari di Grayscale Investments ha superato i 4 miliardi di dollari sulla Borsa di New York, sul Nasdaq e sulle borse Cboe, un giorno dopo aver ricevuto l’approvazione dalla Securities and Exchange Commission.

Hashdex, un gestore di fondi brasiliano, aveva mirato a convertire un prodotto futures esistente in un ETF spot su bitcoin, ma giovedì non è stato in grado di farlo poiché la SEC continuava a rivedere i documenti per la sua conversione.

L’ETF bitcoin di Grayscale ha rappresentato circa la metà dell’azione, secondo Bloomberg Intelligence e la società, che ha affermato che 1 miliardo di dollari di scambi sono avvenuti entro 90 minuti dall’apertura dei mercati.

BlackRock ha affermato che il suo ETF bitcoin iShares ha registrato più di 1 miliardo di dollari di scambi entro la fine della giornata poiché il prezzo storicamente volatile del bitcoin è balzato presto prima di tornare a circa $ 46.000, leggermente in calo rispetto al livello di mercoledì.

Il prezzo del bitcoin è aumentato di circa il 50% negli ultimi sei mesi poiché il consenso si è sviluppato attorno alla maggiore probabilità che la SEC approvi gli ETF spot, che rendono più facile per gli investitori di tutti i giorni ottenere esposizione alla criptovaluta più conosciuta.

L’autorità di regolamentazione si era precedentemente rifiutata di dare il via libera ai prodotti, ma l’anno scorso ha cambiato rotta dopo aver perso una battaglia legale con Grayscale. Come i fondi comuni di investimento, gli ETF detengono asset – solo bitcoin, in questo caso – ma negoziano in borsa come le azioni e di solito godono di un trattamento fiscale preferenziale negli Stati Uniti.

I 4 miliardi di dollari scambiati non riflettevano un afflusso di nuovo denaro su quella scala. È probabile che parte delle transazioni siano state rotazionali poiché gli investitori hanno venduto il bitcoin trust di punta di Grayscale, che addebita una commissione dell’1,5%, ben al di sopra dei suoi concorrenti, ha affermato Todd Rosenbluth, responsabile della ricerca presso VettaFi, una società di consulenza. Potrebbe anche includere investitori che vendono bitcoin che avevano acquistato in previsione del lancio degli ETF, ha affermato.

Un precedente ETF basato sui futures bitcoin, piuttosto che sulla criptovaluta spot, ha raccolto 1 miliardo di dollari in denaro degli investitori nei primi due giorni dal suo lancio alla fine del 2021 da parte di ProShares. Ciò ha contribuito ad alimentare le aspettative secondo cui i fondi bitcoin spot appena approvati avrebbero avuto una rapida crescita.

“Penso che in realtà ci saranno degli afflussi piuttosto forti in uscita”, ha detto David Mann, responsabile ETF mercati dei prodotti e dei capitali per Franklin Templeton, che è tra i gruppi che lanciano ETF spot su bitcoin.

“Se ci sarà uno scoppio iniziale e poi una lenta salita, credo che vedremo. Ma . . . dato quello che riteniamo sia un numero considerevole di investitori che desiderano questa particolare esposizione sotto forma di ETF, stiamo certamente procedendo come se si stessero raccogliendo risorse rapidamente.”

Secondo i portavoce e le informazioni normative, i nuovi ETF sono partiti con circa 113 milioni di dollari complessivi di capitale iniziale. Il fondo lanciato da VanEck ha aperto la strada con circa 72,5 milioni di dollari di denaro iniziale, seguito da Fidelity con 20 milioni di dollari e BlackRock con 10 milioni di dollari.

Gli emittenti costituiscono un ampio spettro del settore degli ETF, con gestori patrimoniali grandi e diversificati tra cui BlackRock e Invesco che offrono prodotti insieme a gruppi più piccoli con una maggiore attenzione agli asset digitali, come Valkyrie e Bitwise.

Il primo giorno di negoziazione si è svolto “relativamente bene”, ha affermato Matthew Sigel, responsabile della ricerca sugli asset digitali di VanEck.

“La blockchain di Bitcoin non è molto congestionata in questo momento”, ha detto poco prima della chiusura dei mercati statunitensi giovedì.

In una fase finale di documentazione pre-lancio, la maggior parte degli emittenti ha tagliato i prezzi nel tentativo di competere per i flussi, con diverse rinunce alle commissioni a carico degli investitori per i primi mesi dopo il lancio dei prodotti.

Matthew Hougan, chief investment officer di Bitwise, ha affermato di aver sentito alcuni “numeri ridicoli” nell’intervallo tra 10 e 20 miliardi di dollari menzionati come possibili obiettivi di flusso per gli ETF bitcoin nel loro primo anno, ma ha messo in guardia contro tali speranze.

“Sarebbe straordinario”, ha detto. “Non è quello che ha visto il settore degli ETF.”

Anche se per la prima volta sono stati in grado di offrire un’esposizione diretta al bitcoin, alcuni gruppi stavano spingendo avanti con altri nuovi prodotti.

Giovedì Grayscale ha presentato istanza di lancio di un altro ETF che venderebbe opzioni sul suo bitcoin trust, l’ultima aggiunta al settore degli ETF con chiamate coperte, che è cresciuto in popolarità negli ultimi anni.