Gio. Giu 13th, 2024
First Solar è la scommessa azionaria sui meme del settore della tecnologia pulita

Bentornato.

Non tutti gli investitori sostenibili sono rimasti soddisfatti della nostra storia di questa settimana sui deflussi dai fondi ESG. Alcuni lettori sono rimasti sorpresi dalla quantità di denaro proveniente da questi fondi, anche in Europa, dove gli investimenti sostenibili stanno diventando mainstream.

Alcuni sostengono che la sottoperformance ESG sia dovuta alla sottoponderazione delle società petrolifere e del gas, qualcosa di cui gli investitori attenti all’ambiente sono orgogliosi. Altri sostengono che il destino dell’acronimo ESG non abbia importanza e che la maggior parte dei consigli di amministrazione sia ancora concentrata su questioni ambientali, sociali e di governance.

La verità è che i mercati sono ciclici. Anche se i fondi ESG potrebbero essere in difficoltà ora, i tassi di interesse più bassi e i continui guadagni delle grandi aziende tecnologiche potrebbero rilanciare rapidamente l’ESG nella seconda metà di quest’anno. Siamo ansiosi di ascoltare le vostre previsioni.

Ma almeno un’azienda è in forte espansione nel mondo degli investimenti sostenibili: First Solar. Come riporto oggi, la società solare statunitense è stata travolta dalla recente mania delle azioni di meme.

E Simon ha due oggetti oggi. Uno sulle compensazioni volontarie delle emissioni di carbonio e l’altro sugli europei che affermano che pagheranno di più in tasse per finanziare l’azione per il clima.

Grazie per aver letto — Patrick Temple-West

commercio al dettaglio

First Solar contrasta la tendenza del settore della tecnologia pulita con l’impennata del prezzo delle azioni

“Chi guadagna con le energie rinnovabili?”

Era una domanda posta a un gruppo che comprendeva amministratori delegati, investitori e il vostro corrispondente Moral Money.

È una domanda giusta. Gli investimenti sostenibili stanno languendo, in gran parte a causa della scarsa performance delle società di energia rinnovabile. All’inizio di quest’anno, Ørsted è stata costretta a sospendere i dividendi e a tagliare posti di lavoro e piani di sviluppo. Le società di energia rinnovabile più piccole stanno lottando per raccogliere fondi da fondi di private equity che sono diffidenti nei confronti dei rischi.

Ma i dirigenti della First Solar stanno guadagnando denaro. Le azioni del produttore di pannelli solari sono aumentate del 60% quest'anno e giovedì hanno chiuso a 273 dollari. L'amministratore delegato Mark Widmar ha incassato 10 milioni di dollari mentre il prezzo delle azioni del produttore di pannelli solari è salito di oltre il 40% nell'ultimo mese. Secondo VerityData, si tratta di una delle più grandi vendite di azioni in un giorno da parte di un amministratore delegato statunitense negli ultimi sei mesi. Il direttore finanziario della società, Alex Bradley, ha incassato 4,4 milioni di dollari a fine maggio, la decima vendita più grande dell'anno per un direttore finanziario statunitense.

First Solar ha beneficiato degli annunci tariffari cinesi dell'amministrazione Biden. Ma è stato anche travolto dal fenomeno del “meme stock”. Questa impennata del commercio al dettaglio ha catapultato le azioni di una manciata di società, in particolare GameStop, grazie alle menzioni sul thread WallStreetBets di Reddit.

Giovedì, le azioni di GameStop sono aumentate di quasi il 50% dopo che Keith Gill, l'investitore di “meme stock” noto come Roaring Kitty, ha programmato una sessione di live streaming su YouTube fissata per le 12:00 ET di oggi.

First Solar è uno dei pochi altri titoli di cui si parla spesso su WallStreetBets.

“L'entità del recente movimento è difficile da giustificare e indica un potenziale vantaggio da WallStreetBets”, mi ha detto l'analista di Morningstar Brett Castelli.

Le azioni meme sono estremamente volatili e l’acquisto può svanire in un lampo. Secondo Morningstar, la società di energia rinnovabile Plug Power ha fatto il suo giro sulle montagne russe a maggio. Ma le azioni di Plug Power sono crollate negli ultimi giorni.

Per ora, i dirigenti della First Solar stanno sicuramente guadagnando denaro con l’energia rinnovabile, anche se si rivela un miraggio meme. (Patrick Temple-West)

Crediti di carbonio

L’ICVCM rilascia le tanto attese approvazioni della metodologia dei crediti di carbonio

Sono stati due anni difficili per le imprese di crediti di carbonio. Ieri alcuni di loro hanno ricevuto una gradita buona notizia, ma altri dovrebbero prepararsi al contrario.

L’Integrity Council for the Voluntary Carbon Market, un organismo senza scopo di lucro istituito per stabilire standard per i crediti di carbonio, ha pubblicato le sue prime approvazioni per sette delle numerose “metodologie” utilizzate per progetti in questo ambito.

Quattro di queste metodologie riguardano progetti che catturano il metano dalle discariche e tre di loro progetti volti a distruggere le scorte di sostanze che riducono lo strato di ozono, compresi i gas refrigeranti.

Nel corso del processo in corso verranno valutate più di 100 metodologie diverse. L'ICVCM ha affermato che entro settembre prevede di aver completato le decisioni che coprono oltre il 50% dei crediti di carbonio sul mercato.

L’ICVCM aveva già concesso l’approvazione ai più grandi programmi di crediti di carbonio, che possono etichettare i crediti secondo i Core Carbon Principles, una serie di standard pubblicati dall’ICVCM lo scorso anno. Ora questi programmi possono iniziare ad applicare l’etichetta CCP ai crediti generati utilizzando le metodologie approvate.

Ciò avviene in un momento cruciale per il mercato, che ha subito un forte rallentamento a causa delle accuse secondo cui molti sviluppatori avrebbero sopravvalutato l’impatto delle emissioni di carbonio dei loro progetti. “Siamo di fronte a una narrativa implacabilmente negativa”, ha affermato Annette Nazareth, presidente dell’ICVCM, al Moral Money Summit Europe del mese scorso.

I crediti di carbonio sono stati generati da progetti che vanno dalla conservazione delle foreste allo sviluppo di energie rinnovabili fino ai fornelli puliti. Gli acquirenti sono in genere aziende che cercano di compensare le proprie emissioni di carbonio.

Dirk Forrister, amministratore delegato della International Emissions Trading Association, un forum imprenditoriale focalizzato sui mercati del carbonio, mi ha detto che molte aziende si sono trattenute dall'acquisto di crediti di carbonio in attesa dell'esito del lavoro dell'ICVCM.

“Molti acquirenti aziendali si sono tirati indietro e hanno detto: 'Bene, perché non aspettare qualche mese e vedere cosa si qualificherà, e incanalare i vostri investimenti in quella direzione'”, ha detto Forrister.

Per essere credibile, questo lavoro dovrà separare il grano dalla pula, non semplicemente dare il via libera a tutto ciò che è attualmente sul mercato. Amy Merrill, direttore operativo dell'ICVCM, ha fatto un'osservazione in questo senso che suonerà inquietante per alcuni degli sviluppatori di progetti meno rigorosi. “Si prevede che molte metodologie in fase di valutazione non raggiungano la soglia e saranno respinte dal consiglio di amministrazione”, ha avvertito.

Se i CCP venissero accettati come punto di riferimento per i crediti di carbonio ad alta integrità, allora i progetti senza quel timbro di approvazione potrebbero avere difficoltà a trovare acquirenti. Questo potrebbe essere un risultato doloroso per alcuni sviluppatori che hanno creato progetti con un impatto reale, utilizzando metodologie che non ottengono l’approvazione dell’ICVCM.

“Se l’ICVCM sta facendo bene il proprio lavoro, allora sarà una minoranza di metodologie e crediti a ottenere l’etichetta”, ha affermato Teresa Hartmann, chief rating officer dell’agenzia di rating del credito di carbonio BeZero Carbon, che in precedenza ha guidato il lavoro di formazione del mercato dell’ICVCM. ICVCM.

Ma l’ICVCM stava intraprendendo “un cammino sul filo del rasoio”, ha aggiunto Hartmann. “Se lo standard è troppo basso, non aiuterà a infondere fiducia. Se il gasdotto è troppo piccolo, potrebbe rendere difficile lo sviluppo del mercato”. (Simon Mundy)

Finanziare l’azione per il clima

Gli europei sono disposti a pagare per l’azione per il clima?

È la stagione elettorale in Europa: gli elettori di tutta l'UE si recheranno alle urne questa settimana, seguiti da quelli del Regno Unito il mese prossimo. Hanno a cuore l’azione per il clima e sono disposti a pagare per questo?

La società di consulenza e revisione Deloitte ha esaminato questo aspetto attraverso un sondaggio condotto su 8.000 persone in otto paesi europei: Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Spagna e Regno Unito. Come mostra il grafico qui sopra, un numero maggiore di elettori ha sostenuto piuttosto che contrario l’idea di pagare più tasse per finanziare l’azione per il clima.

Deloitte ha scoperto che gli intervistati a reddito più elevato tendono ad essere più disposti rispetto a quelli a reddito più basso a pagare più tasse per sostenere l’azione per il clima. Ma c’erano grandi differenze tra i paesi, con le persone a basso reddito nei paesi dell’Europa meridionale come Italia, Spagna e Portogallo – che sono stati duramente colpiti dalla siccità, dagli incendi e dal caldo estremo – più disposte a pagare per le misure climatiche rispetto ai loro coetanei del nord. Germania e Paesi Bassi. (Simon Mundy)

Lettura intelligente

I sostenitori dell’intelligenza artificiale affermano che può essere un potente strumento per combattere il cambiamento climatico, ma sta anche determinando uno straordinario aumento del consumo di energia. John Thornhill esplora il dilemma.