Mar. Mar 5th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

I regolatori dovrebbero lavorare per includere i cambi nella spinta globale per abbreviare i tempi di regolamento delle transazioni sui mercati finanziari, ha detto giovedì il principale regolatore finanziario degli Stati Uniti.

Gary Gensler, presidente della Securities and Exchange Commission, ha affermato che i regolatori e gli operatori di mercato dovrebbero considerare di restringere la finestra temporale per finalizzare le operazioni a un solo giorno.

I suoi commenti, ad un evento a Bruxelles, sono arrivati ​​mentre Mairead McGuinness, il massimo responsabile dei servizi finanziari dell’UE, ha affermato che ora è una questione di “quando e come” il blocco sposta gli accordi sui titoli in un solo giorno.

Il regolamento è il processo di abbinamento e trasferimento legale delle risorse dai venditori agli acquirenti e in genere avviene nell’arco di due giorni.

Questa attività tipicamente banale è stata messa sotto i riflettori dalla mania delle azioni meme negli Stati Uniti durante il culmine della pandemia di coronavirus, quando alcuni broker, tra cui Robinhood, hanno accusato la finestra di regolamento di due giorni per l’incapacità dei loro sistemi di tenere il passo con il volume degli scambi.

A maggio, gli Stati Uniti, il Canada e il Messico passeranno dal regolamento in due giorni a quello in un solo giorno per azioni, obbligazioni ed ETF. Anche il Regno Unito sta valutando la possibilità di adottare una soluzione in un giorno, mentre l’India si è mossa l’anno scorso.

“Anche l’abbreviazione del ciclo di regolamento valutario dovrebbe essere sul tavolo perché il tempo è denaro, anche in questo caso il tempo è rischioso”, ha affermato Gensler.

“Penso che sia appropriato lavorare con le banche centrali di tutto il mondo”, ha aggiunto, affermando che è necessaria la collaborazione tra il Financial Stability Board, la Banca dei Regolamenti Internazionali, la banca dei banchieri centrali e il Gruppo CLS, che gestisce le strutture idrauliche alla base regolamento dei mercati dei cambi.

Alcune banche e gestori patrimoniali temono che lo spostamento nei mercati dei titoli creerà problemi con i mercati interconnessi che si stabiliscono su un orizzonte temporale diverso, come quello dei cambi. Le banche e i clienti hanno spesso fatto affidamento su almeno una giornata lavorativa intera per coprire le questioni operative e le differenze di fuso orario.

Marc Bayle de Jessé, amministratore delegato del gruppo CLS, ha affermato che la riduzione dei tempi di regolamento dei cambi è “un argomento che abbiamo sollevato insieme anche ai banchieri centrali. . . CLS da sola non può cambiare la situazione”.

I commenti di McGuiness, commissario UE per i servizi finanziari e la stabilità, sono stati i più forti mai espressi da un alto funzionario dell’UE sui piani del blocco per modernizzare l’impianto idraulico dei suoi mercati mobiliari.

La questione non è “se l’Europa passerà alla soluzione T+1. Invece, la questione chiave è quando e come ci muoviamo”, ha detto, aggiungendo: “La direzione del viaggio è molto chiara verso insediamenti ancora più brevi”.

Ha inoltre osservato che tempi diversi tra i mercati del Regno Unito e quelli europei potrebbero andare a scapito dei partecipanti al mercato, dai depositari centrali di titoli, agli emittenti e agli investitori. Era “importante” mantenere un dialogo aperto con i partner di altre parti d’Europa, compreso il Regno Unito.

“Il coordinamento è fondamentale se vogliamo ridurre al minimo i costi per le imprese dell’UE. . . Ma siamo aperti a discutere su come potremmo cercare di raggiungere un consenso sui tempi in tutto il continente europeo”, ha aggiunto.

“Un ciclo di regolamento più breve può aiutare la liquidità e l’efficienza del mercato. Riduce anche i rischi, e rischi più bassi significano meno necessità di garanzie”, ha affermato McGuinness.

Lieve Mostrey, amministratore delegato di Euroclear, ha affermato che esiste una “logica” per sincronizzare i mercati dell’UE e del Regno Unito. “Guardando tutte le transazioni che continuano ad avvenire tra l’UE e il Regno Unito, sarà nell’interesse sia dell’UE che del Regno Unito allinearsi”, ha affermato.

Tuttavia Andrew Douglas, rappresentante della task force del governo britannico, ha affermato che “dipende dalla velocità con cui si muoverà l’UE”. “Si può cooperare senza necessariamente essere allineati. Abbiamo fattori trainanti diversi in mercati diversi e quindi alcuni mercati vorranno muoversi più rapidamente di altri”, ha affermato.