Mar. Mar 5th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

La prova del concetto in genere significa la prova che un’idea progettuale è fattibile. Gli appassionati di criptovaluta hanno suggerito che l’approvazione degli ETF bitcoin da parte della Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti questa settimana è una prova sostanziale della fattibilità delle criptovalute e segna un grande passo verso la loro integrazione nel sistema finanziario. La domanda, tuttavia, è vitale e fattibile: cosa?

Lo scopo principale delle valute nel corso della storia economica è stato quello di facilitare i consumi, i rapporti commerciali e gli investimenti di capitale. Il trading, la speculazione e la copertura avvengono dopo che una valuta inizia ad essere ampiamente utilizzata e il suo scopo economico transazionale è ben stabilito.

Nessuno commerciava o speculava attivamente sul dollaro, sulla sterlina, sullo yen o sulle altre principali valute globali prima che venissero utilizzate per transazioni economiche. La prova di concetto richiesta è il loro utilizzo economico. Naturalmente, non tutte le valute raggiungono questo obiettivo. I tassi di inflazione di alcuni paesi emergenti sono così elevati che i locali preferiscono utilizzare valute consolidate, come il dollaro statunitense, nelle transazioni quotidiane. I promotori della criptovaluta hanno suggerito che il bitcoin potrebbe essere un’opzione preferibile.

El Salvador è famoso per aver tentato di stabilire un collegamento tra la speculazione sui bitcoin e la realtà economica ma, finora, i risultati sono discutibili. Nonostante le affermazioni secondo cui il flusso di fondi in El Salvador utilizzando bitcoin sarebbe più economico e più semplice rispetto a quelli utilizzando il dollaro statunitense, la banca centrale salvadoregna stima che solo l’1% circa delle rimesse ricevute nei primi sei mesi del 2023 fosse in bitcoin.

Se le criptovalute fossero davvero valute, e non oggetti da collezione speculativi come le figurine del baseball o i Beanie Babies, allora sarebbero la prima valuta scambiata al mondo senza scopo economico. Al di fuori degli usi costruttivi relativamente piccoli in alcune economie emergenti, si potrebbe essere in grado di pagare di nascosto le spedizioni di fentanil o di armi, nascondere ricchezze o finanziare terroristi, ma sono di scarso valore per le transazioni quotidiane come l’acquisto di generi alimentari o il pagamento della maggior parte delle bollette. .

E nonostante l’entusiasmo che circonda l’emissione di ETF bitcoin questa settimana, ciò non facilita un più ampio utilizzo transazionale delle criptovalute negli Stati Uniti o nelle economie globali. Sarà ancora difficile comprarci una tazza di caffè.

Tuttavia, se lo scopo di Bitcoin è puramente quello di veicolo per il trading e la speculazione, allora questi ETF potrebbero effettivamente essere una prova del concetto. Probabilmente incoraggeranno la partecipazione dei singoli investitori che ritengono che il tradizionale trading in borsa tramite istituti finanziari più noti sia più sicuro rispetto ai mezzi precedentemente esistenti di trading di criptovalute.

Le istituzioni finanziarie ben consolidate potrebbero voler essere caute. Lo sgonfiamento sia della bolla tecnologica che di quella immobiliare ha rivelato passività legali e finanziarie che non avevano previsto. La diffusione della speculazione sui bitcoin e qualsiasi successiva deflazione potrebbero esporre a rischi simili.

La democratizzazione del mercato è una caratteristica comune delle bolle finanziarie. L’idea che il campo di gioco sia stato livellato e che tutti ora abbiano accesso a un asset è stata storicamente il canto di una sirena che attira gli investitori a partecipare alle bolle finanziarie. Gli ETF Bitcoin sembrano essere l’esca di questa bolla.

Potrebbero addirittura costituire un ostacolo alla lotta contro l’inflazione da parte della Federal Reserve americana. Le bolle sono intrinsecamente inflazionistiche perché un’economia dirotta il capitale verso gli asset della bolla invece che verso le risorse produttive. In poche parole, il denaro fluisce verso cose di cui l’economia non ha bisogno a scapito di cose di cui ha bisogno. Se la conseguente sottoofferta di beni e servizi non riesce a tenere il passo con la domanda aggregata, o la produttività non migliora in modo significativo, allora l’errata allocazione del capitale di una bolla innesca pressioni inflazionistiche.

Mentre crescono le prove che la globalizzazione sta iniziando a contrarsi, gli Stati Uniti si trovano in una posizione alquanto precaria a causa del loro massiccio deficit commerciale. Ci si potrebbe quindi aspettare che i flussi di capitale si spostino verso il miglioramento delle infrastrutture e della base di capitale del paese, del tutto inadeguate. L’avvento degli ETF bitcoin potrebbe ulteriormente dirottare il capitale verso un uso speculativo improduttivo.

Alcuni hanno suggerito che il bitcoin sia una versione digitale dell’oro. Ciò sembra ignorare il fatto che tali metalli preziosi e materie prime hanno usi economici e non sono semplicemente un mezzo di speculazione o una riserva di valore. Le otturazioni che ho in bocca o la fede nuziale non saranno mai fatte di bitcoin.

In effetti, assomiglia di più ai tulipani digitali, riecheggiando la bolla dei tulipani olandesi del 1600. Questa mania è diventata così estrema che la Borsa di Amsterdam ha iniziato a scambiare regolarmente bulbi insieme alle azioni. La rabbia verso le criptovalute è ormai così estrema che gli scambi consolidati, tra cui il NYSE e il Nasdaq, inizieranno a negoziare ETF bitcoin. Ciò probabilmente stimolerà ulteriore interesse pubblico, ma per le ragioni sbagliate.

Coloro che cercano di accumularsi dovrebbero ricordare che il bitcoin e le altre criptovalute sembrano ancora uno strumento di speculazione, piuttosto che valute con comprovato valore economico. Le azioni di questa settimana espanderanno semplicemente tale speculazione a un pubblico più ampio e probabilmente ignaro.