Ven. Mar 1st, 2024

Il prezzo del bitcoin è salito al livello più alto in più di due anni questa settimana, poiché gli speculatori scommettono che i primi fondi borsistici approvati per le criptovalute aprirebbero le porte a un’ondata di nuovi investitori.

Ma alcuni entusiasti sostengono che l’acquisizione di Wall Street tradisce la loro visione delle criptovalute come sistema finanziario alternativo, lontano dagli occhi indiscreti del governo e della finanza tradizionale, e consolida lo status del bitcoin come mero veicolo di speculazione.

“I principi fondanti del bitcoin e della valuta decentralizzata sono davvero questo cypherpunk, che va controcorrente, va contro le grandi istituzioni”, ha affermato Xavier Nukajam, fondatore di una start-up crittografica del Regno Unito. “Se crei questa alternativa e devi sottometterti a ciò che già esiste. . . hai fallito.”

Questa presentazione è stata sottolineata questa settimana dalla fanfara attorno al lancio degli Exchange Traded Funds in Bitcoin, dopo più di 10 anni di richieste respinte dalla Securities and Exchange Commission.

I fondi consentono agli investitori di possedere bitcoin tramite un veicolo regolamentato quotato sul mercato azionario, senza detenere direttamente la criptovaluta stessa. Sono gestiti da giganti affermati di Wall Street, tra cui BlackRock, Invesco e Fidelity, ben lontani dagli scambi in gran parte non regolamentati come il collasso FTX e Binance, che è stato multato di 4,3 miliardi di dollari dalle autorità statunitensi il mese scorso per riciclaggio di denaro e violazione delle sanzioni internazionali.

Secondo CCData, gli ETF, negoziati alla Borsa di New York, al Nasdaq e al CBOE Global Markets, hanno accumulato un volume di scambi complessivo di 4,37 miliardi di dollari solo nel loro primo giorno.

Franklin Templeton, il gestore patrimoniale, ha cercato di sottolineare le sue nuove credenziali crittografiche trasformando gli occhi del padre fondatore Benjamin Franklin nel suo logo in laser rossi sui social media, imitando un meme popolare che denota entusiasmo per bitcoin.

“È la fine di un viaggio molto lungo”, ha affermato Jean-Marie Mognetti, amministratore delegato del gestore patrimoniale Coinshares. “Bitcoin si è laureato con distinzione ed è riconosciuto come una classe di asset investibile.”

Bitcoin ha fatto molta strada da quando è stato inventato da Satoshi Nakamoto, la cui vera identità non è mai stata rivelata, nel 2008. Il suo famoso “libro bianco” descriveva un sistema di pagamento che si distingueva dalle istituzioni finanziarie tradizionali, basandosi invece sul record pubblico della blockchain. tecnologia.

Lui e i suoi primi seguaci sostenevano l’etica controculturale del “cypherpunk”, con la sua enfasi sul potere della crittografia di proteggere la privacy di un individuo dal lungo braccio dello stato.

Tuttavia, quella visione ha faticato a ottenere trazione nel mondo reale. L’uso di Bitcoin come strumento diffuso per i pagamenti è stato limitato perché è troppo macchinoso e lento per verificare le transazioni. El Salvador ha reso legale il bitcoin nel 2021, ma i consumatori lo hanno per lo più evitato.

La sua offerta limitata – il codice che governa il bitcoin consente alla fine di creare solo 21 milioni di token – ha portato molti a pubblicizzarlo come una copertura contro l’inflazione e la svalutazione delle principali valute “fiat”. Questa narrazione ha subito un duro colpo l’anno scorso, quando l’inflazione globale è aumentata vertiginosamente ma il prezzo del bitcoin è crollato.

Oggi tali usi del bitcoin vengono menzionati più raramente. Ma il suo status di asset speculativo, anche se altamente volatile, è stato rafforzato dal suo recente rimbalzo e sottolineato dai lanci di fondi di questa settimana.

L’entusiasmo che circonda gli ETF sui bitcoin “mostra semplicemente quanto vuota sia sempre stata la narrativa sui bitcoin”, ha affermato Hilary Allen, professore di diritto presso l’American University Washington College of Law. “Chiunque sapesse qualcosa di economia o finanza avrebbe potuto dirti fin dal primo giorno che Bitcoin non avrebbe mai funzionato come sistema di pagamento.”

“Le persone sono entrate in questo mercato per fare soldi facili e far salire i numeri”, ha aggiunto Allen, riferendosi a un vanto popolare tra gli devoti delle criptovalute sui loro guadagni di mercato.

Grafico a linee del prezzo di bitcoin ($) che mostra che il prezzo di Bitcoin è tornato a quasi $ 50.000 dopo una serie di scandali crittografici di alto profilo

I regolatori statunitensi, nervosi per gli scandali che hanno afflitto il mondo delle criptovalute negli ultimi anni, sembrano propensi ad essere d’accordo.

Sebbene la SEC abbia approvato gli ETF, il presidente Gary Gensler ha voluto sottolineare che la decisione dell’agenzia è stata spinta da una sentenza della corte d’appello federale degli Stati Uniti la scorsa estate. “Non abbiamo approvato Bitcoin”, ha detto.

Ha osservato che le attività sottostanti in altri ETF, come i metalli, hanno usi di consumo e industriali. “Bitcoin è principalmente un asset speculativo e volatile che viene utilizzato anche per attività illecite tra cui ransomware, riciclaggio di denaro, evasione di sanzioni e finanziamento del terrorismo.”

La collega commissaria della SEC Caroline Crenshaw, che ha dissentito dall’approvazione, ha avvertito che i mercati spot rimangono aperti a frodi e manipolazioni.

Tuttavia, alcuni nel settore vedono una ritrovata rispettabilità per Bitcoin, il cui prezzo è aumentato di quasi il 1.300% negli ultimi cinque anni, superando di gran lunga altri asset.

“Penso che gran parte della visione libertaria fosse basata sulle frodi e sulle monete di merda”, Andrew Bond, analista di ricerca senior presso Rosenblatt Securities, riferendosi alle criptovalute più piccole spesso lanciate per ottenere un rapido profitto per i loro fondatori. “Se guardi dove c’è stata un’azione normativa, dove ci sono stati problemi con il settore delle criptovalute, non si è trattato di Bitcoin.”

I sostenitori delle criptovalute sperano che gli ETF aumentino il prezzo del bitcoin perché gli emittenti saranno tenuti ad acquistare il token per conto dei loro clienti. Le monete saranno conservate presso un custode e l’emittente creerà e riscatterà le azioni per rappresentare la quota del pool dei proprietari.

Jad Comair, fondatore dell’investitore di asset digitali Melanion Capital, ha acquistato il suo primo bitcoin nel 2013. “Avevi tutti questi ostacoli tecnologici”, ha detto. “Ero davvero preoccupato di perdere il mio telefono e di conseguenza di perdere i miei bitcoin per sempre. Ora sei nelle mani dei più grandi attori della finanza come BlackRock e Fidelity, e sai che prenderanno tutte le misure necessarie per salvaguardare i beni delle persone.”

L’impatto maggiore potrebbe ancora essere sugli scambi di criptovalute che sono stati l’unica opzione per le persone che vogliono detenere bitcoin a lungo termine.

“Ora ci sarà un mercato biforcato nel settore delle criptovalute”, ha affermato Alison Jimenez, presidente di Dynamic Securities Analytics, una società di consulenza in materia di contenziosi sui titoli. “Coloro che vogliono ancora scambiare criptovalute andranno comunque a questi scambi. Coloro che vogliono detenere bitcoin come investimento prenderanno semplicemente la strada dell’ETF più semplice e diretta”.

Per alcuni, l’introduzione di soggetti terzi regolamentati come custodi, borse, gestori patrimoniali e market maker è un esempio di un altro emblema di una controcultura che è stata mercificata dalla finanza tradizionale.

James Angel, professore associato alla Georgetown University, ha sottolineato che l’alcol e la cannabis un tempo erano illegali ma da allora sono diventati beni scambiati.

“Allo stesso modo, Bitcoin era visto come un fuorilegge al di fuori dello spazio rispettabile degli investimenti, e ora sta prendendo il suo posto nel club dei vecchi ragazzi”, ha detto. “Wall Street è davvero brava a vendere cose, venderanno tutto ciò su cui possono guadagnare soldi.”