Ven. Giu 14th, 2024

Il governo scozzese sta pianificando di vendere obbligazioni per la prima volta, ma gli investitori avvertono che si troverebbe ad affrontare costi di finanziamento più elevati rispetto a quelli pagati dal Regno Unito.

Le proposte sono ancora soggette a valutazioni di due diligence, ma l’emissione, progettata per finanziare “infrastrutture vitali” compresi alloggi a prezzi accessibili, è prevista prima della conclusione dell’attuale legislatura nel 2026.

Il piano di emissione di obbligazioni scozzesi, a lungo soprannominate “kilt”, è stato caratterizzato dal primo ministro Humza Yousaf come un modo per costruire credibilità in una spinta verso l’indipendenza.

“Ciò porterà la Scozia all’attenzione degli investitori di tutto il mondo. . . E aumenterà il nostro profilo come luogo in cui è possibile ottenere ritorni sugli investimenti”, ha detto Yousaf ai partecipanti alla conferenza annuale del suo partito martedì ad Aberdeen.

Yousaf non ha detto quanto il governo scozzese cercherà di raccogliere, ma i limiti di prestito imposti da Westminster significano che rappresenterà solo una piccola frazione del bilancio complessivo di Holyrood.

Quanto costerà?

Tutto il debito pubblico scozzese è generalmente sottoscritto dal Tesoro. Supponendo che le obbligazioni siano strutturate nello stesso modo, gli investitori non si assumeranno un rischio di credito aggiuntivo acquistandole.

Ma è probabile che continueranno a richiedere un premio sul tasso di interesse rispetto al mercato dei gilt: le dimensioni ridotte del mercato obbligazionario scozzese renderebbero il debito più difficile da acquistare e vendere e limiterebbero la sua attrattiva a un piccolo gruppo di investitori.

“È sensato presumere che ci sarebbe un certo premio di rischio rispetto a un gilt britannico, per tenere conto della minore liquidità, di un emittente meno collaudato e di finanze pubbliche potenzialmente più oscure”, ha affermato Nick Chatters, gestore di portafoglio con sede a Edimburgo presso Aegon Asset Management .

Qualsiasi premio che la Scozia dovrà pagare sarà in parte influenzato dal rating creditizio assegnato da aziende come S&P, Moody’s e Fitch. Un buon punto di riferimento sono gli enti locali, che hanno un rating simile a quello del governo britannico ma devono affrontare costi di servizio del debito più elevati a causa del rischio di liquidità.

Il consiglio della contea del Lancashire ha emesso obbligazioni per 350 milioni di sterline nel marzo 2020 sulla base di un rating Aa3 di Moody’s, un gradino sotto l’AA- del governo britannico dell’epoca.

Grafico a linee che mostra che gli oneri finanziari del Regno Unito ritornano ai livelli pre-crisi finanziaria

Alcuni investitori sono scettici sul fatto che il governo scozzese andrà avanti, dato che l’annuncio di Yousaf arriva in un momento in cui i costi di finanziamento sono aumentati vertiginosamente in tutto il mondo. “Non sono sicura di quanto sia realistico nel contesto attuale in cui tassi e rendimenti sono alla fine della giornata”, ha affermato Pilar Gomez Bravo, co-responsabile degli investimenti per il reddito fisso presso MFS Investment Management.

“Il governo scozzese potrebbe farlo, ma penso che dovrebbe pagare parecchio, più di quanto pensano di dover pagare”, ha aggiunto.

I costi di indebitamento del Regno Unito di riferimento sono aumentati notevolmente negli ultimi due anni poiché la Banca d’Inghilterra ha aumentato i tassi di interesse al ritmo più veloce di una generazione per combattere l’inflazione persistentemente elevata.

Il 20 ottobre i rendimenti dei gilt decennali erano pari al 4,7%, dopo essere stati scambiati tra lo 0,5 e il 2,5% dal 2014 al 2019.

È possibile un default?

La maggior parte delle autorità locali prendono prestiti dal Public Works Loan Board, una parte del Tesoro, con un premio rispetto ai gilt. Occasionalmente, i funzionari hanno deciso di rivolgersi direttamente al mercato alla ricerca di prestiti più economici.

Il consiglio comunale di Birmingham, la più grande autorità locale d’Europa, doveva circa 470 milioni di sterline agli obbligazionisti quando dichiarò bancarotta a settembre. Si trattava di circa il 10% delle sue passività totali, ma il governo britannico è intervenuto e finora il default è stato evitato.

Negli Stati Uniti, città come Detroit sono andate in default sui bond municipali. Sebbene sia tecnicamente possibile che ciò accada in Gran Bretagna, finora il ruolo di sostegno del governo britannico ha impedito che ciò accadesse.

Medhi Fadli, vicepresidente senior per il rating delle finanze pubbliche di Morningstar, ha affermato che nessuna autorità locale in Gran Bretagna è mai andata in default su un’obbligazione. “La supervisione e il sostegno del governo centrale. . . sono stati sufficienti per evitare qualsiasi default su un’emissione obbligazionaria”, ha affermato.

Quanto può prendere in prestito?

In base alla legislazione approvata in seguito al referendum sull’indipendenza del 2014, il governo scozzese può emettere obbligazioni come parte di più ampi poteri di prestito introdotti nel 2015.

Questa decisione gli ha permesso di prendere prestiti attraverso il governo centrale allo stesso tasso del Tesoro attraverso una struttura nota come Fondo Nazionale Prestiti. Qualsiasi emissione di obbligazioni sarebbe probabilmente a premio e costerebbe di più al contribuente, e sarebbe sminuita dai 59,8 miliardi di sterline di spesa previsti dall’amministrazione quest’anno.

I ministri si limitano a prendere in prestito un importo limitato per gli investimenti ogni anno. Attualmente sono limitati a 450 milioni di sterline di prestiti per il periodo 2023-24 e possono avere solo 3 miliardi di sterline di debito totale, anche se questo aumenterà in linea con l’inflazione ogni anno secondo i termini concordati con il Tesoro in agosto.

Il grafico a colonne mostra che il debito del governo scozzese è limitato e si avvicina ai limiti

Si prevede che il governo scozzese raggiungerà già circa l’80% del tetto del suo debito entro il 2026, lasciando poco spazio per ulteriori prestiti tramite il mercato obbligazionario, secondo Mairi Spowage, direttore del think tank Fraser of Allander Institute.

Ciò significa che l’importanza di qualsiasi emissione di kilt sarà probabilmente in gran parte simbolica, piuttosto che un contributo significativo alle finanze di Holyrood.

Cosa succederebbe se la Scozia ottenesse l’indipendenza?

Anche se non è certo cosa accadrebbe alle obbligazioni nel caso in cui la Scozia ottenesse l’indipendenza, il governo scozzese potrebbe includere un’opzione che consenta agli investitori di restituire il debito e riavere i propri soldi.

In uno scenario del genere, la Scozia emetterebbe quindi debito con un rating basato sulla propria solvibilità.

In vista del referendum sull’indipendenza del 2014, l’agenzia di rating Moody’s aveva affermato che una Scozia indipendente avrebbe avuto un rating compreso tra A e Baa, verso l’estremità inferiore dello spettro degli investment grade.