Mer. Lug 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

In questi giorni ci sono molte preoccupazioni ingiustificate tra gli economisti, e non solo, sulla rapidità con cui i tassi di interesse sono aumentati sulla scia della campagna durata 18 mesi della Federal Reserve per invertire le sue politiche di denaro facile che hanno seguito la crisi finanziaria del 2008. .

Ma non da Steve Schwarzman, il miliardario co-fondatore del super successo Blackstone Group. Pochi metterebbero in dubbio la sua intelligenza o la sua abilità negli investimenti. In un’intervista di agosto, ha esaltato le virtù di un investimento che aveva riscontrato nel debito senior garantito che rendeva vicino al 13%.

“Per quelli di voi che non sono persone finanziarie”, mi ha detto, “non c’è niente di più semplice che prestare a qualcuno un debito senior e avere la sicurezza di tutti i suoi beni e guadagnare il 13%. Che meraviglia.”

È vero, i tassi di interesse sono aumentati notevolmente, colpendo molti investitori spingendo al ribasso il prezzo delle obbligazioni esistenti. Il rendimento dei titoli del Tesoro statunitense a 10 anni – il punto di riferimento di tutti i parametri di riferimento del mercato finanziario – è aumentato da meno dello 0,5% all’inizio della pandemia di Covid-19 nel 2020 al 4,9%, un massimo in 16 anni. Solo nel 2022, le obbligazioni globali hanno perso il 31%. Si tratta della peggiore performance annuale, secondo i dati risalenti al 1900, secondo lo storico Global Investment Returns Yearbook del Credit Suisse.

Anche lo storico Niall Ferguson ha recentemente osservato che gli investitori obbligazionari statunitensi hanno subito la peggiore sconfitta degli ultimi 150 anni, con un rendimento negativo del 15,7%, il peggiore dal 1871.

Ma cosa si aspettavano che accadesse dopo che le banche centrali di tutto il mondo hanno manipolato i tassi di interesse portandoli ai livelli più bassi mai registrati tra il 2009 e il 2022? Pensavano davvero che non ci sarebbero state conseguenze finanziarie nel mantenere i tassi di interesse pari o vicini allo zero per più di un decennio? O che la grande svolta della politica implacabile di tassi di interesse pari a zero della Fed sarebbe indolore?

Il bilancio della Fed è esploso di 10 volte fino a ospitare quasi 9mila miliardi di dollari di asset nel 2022, rispetto a circa 900 miliardi di dollari di asset prima della crisi finanziaria del 2008. Ciò era intenzionale – ed è il risultato della decisione dell’allora presidente della Fed Ben Bernanke di far diventare la banca centrale americana l’acquirente di ultima istanza per tutti i tipi di debito societario e governativo che stava ingrassando i bilanci delle traballanti istituzioni finanziarie di Wall Street. Il processo, che Bernanke ha soprannominato il “quantitative easing” orwelliano, ha avuto l’effetto voluto di far salire i prezzi delle obbligazioni e di far crollare drasticamente i rendimenti delle obbligazioni.

L’idea, non cattiva almeno all’inizio, era quella di rendere il costo del denaro così basso da indurre le persone e le imprese a ricominciare a prendere in prestito, contribuendo ad alleviare la recessione globale. E che allevierebbe ulteriormente lo stress sulle banche sopravvissute di Wall Street, dando loro un acquirente dalle tasche generose per i loro asset in difficoltà.

Ma era una cosa troppo bella. I due successori di Bernanke, Janet Yellen e Jay Powell, continuarono ad acquistare obbligazioni, in parte per placare i trader, i mutuatari e le persone che guadagnavano con il denaro, i quali erano tutti diventati dipendenti dal denaro a buon mercato.

Onestamente, però, chi sano di mente ha pensato che fosse un’ottima idea nel settembre 2021 acquistare obbligazioni ad alto rendimento – o “obbligazioni spazzatura” – quando rendevano meno di un insignificante 4%? Le obbligazioni spazzatura sono chiamate obbligazioni spazzatura per un motivo: sono emesse da società con un credito tutt’altro che eccezionale e rappresentano una discreta quantità di rischio.

Se un’obbligazione ad alto rendimento rende meno del 4%, quando dovrebbe giustificatamente rendere il 10% o più, c’è qualcosa di molto sbagliato nel rapporto rischio/rendimento. Non ci voleva un genio per capire che da lì in poi i rendimenti obbligazionari non potevano che salire. E, nessuna sorpresa, è esattamente quello che è successo. Secondo la Federal Reserve Bank di St Louis, il rendimento medio di un titolo spazzatura è più vicino al 9,2%.

Apparentemente, questo ovvio e inevitabile aumento dei tassi di interesse è stato uno shock per molte persone. Prendiamo ad esempio gli idioti aziendali dietro la Silicon Valley Bank, che quest’anno ha fallito in modo spettacolare. Si è scoperto che tra le ragioni c’era il fatto che i dirigenti della banca avevano riempito il suo bilancio con obbligazioni a lungo termine acquistate al culmine del mercato utilizzando i depositi dei clienti.

Ma finalmente stiamo assistendo al ritorno a un mondo in cui rischio e rendimento possono essere prezzati in modo più reale, dopo le distorsioni degli ultimi anni causate dai massicci interventi della Fed. Sarà il mercato a determinare una ricompensa più adeguata per il rischio di possedere un’obbligazione rischiosa, e non la domanda artificiale generata dai burocrati di Washington. Ciò andrà a vantaggio a lungo termine sia degli investitori che del settore finanziario. E come sottolinea Schwarzman, ci saranno molte opportunità di acquisto.