Mentre il pianeta si riscalda, mentre infuria la guerra in Ucraina e mentre miliardi di persone sono alle prese con l’impatto dell’aumento dei prezzi dell’energia, qual è il livello di profitto appropriato per l’industria dei combustibili fossili?

Gli ultimi guadagni trimestrali delle major petrolifere mondiali si sono aggiunti ai loro travagli politici, poiché sono accusati di profitto sulla scia del conflitto e dei consumatori finanziariamente tesi. Come molti dei suoi colleghi, ExxonMobil ha infranto il suo record di guadagni trimestrali nei tre mesi fino a giugno, con un profitto netto mostruoso di $ 17,9 miliardi, ovvero $ 197 milioni al giorno.

Per il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, è semplicemente “immorale” per ExxonMobil e le sue rivali “ottenere profitti record da questa crisi energetica sulle spalle delle persone e delle comunità più povere, con un enorme costo per il clima”.

Ma è tutt’altro che chiaro che la soluzione offerta da Guterres delle tasse inaspettate sia la migliore via da seguire. Come leggerete di seguito, c’è un valido motivo per cogliere questo momento per intraprendere riforme strutturali piuttosto che accaparramenti di denaro a breve termine. Ci piacerebbe sentire i vostri pensieri sul modo migliore per i governi di avvicinarsi ai guadagni eccezionali delle compagnie petrolifere: scriveteci a [email protected]

Anche oggi Patrick osserva come le aziende stanno affrontando un’altra area di enorme controversia politica: l’accesso all’aborto negli Stati Uniti. (Simone Mundy)

Microsoft diventa un punto di riferimento per l’interesse degli investitori sull’aborto

L'ufficio Microsoft a New York

In un deposito normativo questa settimana, Starbucks ha rivelato per la prima volta che i dipendenti avranno diritto alle spese di viaggio per accedere all’aborto quando i servizi non sono disponibili entro 100 miglia.

Come suggerisce il caso Starbucks, l’aborto – un argomento che in precedenza era stato raramente discusso nelle assemblee degli azionisti – sta diventando una questione di interesse per gli investitori da quando la Corte Suprema a giugno ha annullato il diritto federale alla procedura. Nei prossimi mesi, è probabile che gli azionisti richiedano maggiori informazioni sulle politiche aziendali in materia di aborto poiché la questione è piena di rischi.

La pressione degli azionisti è già arrivata in Microsoft. Tulipshare, una piattaforma di investimento attivista con sede a Londra, ha dichiarato che presenterà una proposta per gli azionisti alla riunione annuale di Microsoft quest’anno per chiedere maggiori informazioni sulla spesa politica legata alle leggi sull’aborto. Dare fondi per la campagna ai legislatori che attaccano l’accesso all’aborto è in contrasto con la politica di Microsoft, che, come Starbucks, paga i viaggi per aborto.

Il sostegno pubblico di Microsoft per i viaggi abortiti è minato dai contributi della campagna ai legislatori che hanno preso di mira l’accesso all’aborto, ha detto a Moral Money Jenna Armitage di Tulipshare. “Questa proposta dà [Microsoft] un’opportunità per correggere questo disallineamento e creare un precedente da seguire anche per altre società”.

Microsoft ha rifiutato di commentare.

Le petizioni degli azionisti che chiedono maggiori informazioni sulla spesa politica sono state apprezzate dai grandi gestori patrimoniali. E i rischi per gli investitori sono reali. Molti stati controllati dai repubblicani stanno minacciando di mettere al bando i gruppi finanziari se sembrano maltrattare le imprese del petrolio e del gas per la preoccupazione per il cambiamento climatico. Ci si potrebbe facilmente aspettare che i repubblicani minaccino anche le aziende per le loro politiche di viaggio sull’aborto.

Oltre ad essere una delle più grandi aziende del mondo, Microsoft ottiene un punteggio elevato in termini di criteri ambientali e sociali. Il modo in cui gestisce l’azionista e le pressioni politiche sull’aborto saranno seguite da vicino dal resto del mercato. (Patrick Temple-Ovest)

Lettura intelligente

  • Come sta andando l’aumento esplosivo dei prezzi globali dell’energia in Afghanistan sotto i talebani? Questo inquietante rapporto di FT dal nord del paese, con una fotografia potente, descrive come i bambini minatori di appena otto anni stanno lavorando in condizioni pericolose per aiutare a guidare un boom delle esportazioni di carbone che si sta rivelando redditizio per il regime islamista.