Ven. Mag 24th, 2024
L’impennata del prezzo delle azioni Tesla evidenzia il nervosismo degli investitori di veicoli elettrici

Oggi abbiamo una newsletter ricca di contenuti, che inizia con le notizie di Tesla questa settimana. La società automobilistica in difficoltà ha sfidato gli scettici del mercato azionario con il rally delle sue azioni dopo gli utili di martedì.

Simon riceve aggiornamenti sulla legislazione del Parlamento europeo con importanti implicazioni per il business sostenibile, mentre Kaori e Lee condividono una prospettiva globale sulle obbligazioni sostenibili. Nonostante tutta la politicizzazione della sostenibilità di questi tempi, lo spazio del reddito fisso continua a essere una fonte chiave di finanziamento per le iniziative verdi, blu e altre sul clima.

Grazie per aver letto — Patrick Temple-West

Veicoli elettrici

Tesla affronta il rallentamento della domanda di veicoli elettrici e un settore affollato con un modello “accessibile”.

Il balzo del prezzo delle azioni di Tesla questa settimana ha evidenziato quanto siano diventati nervosi gli investitori di veicoli elettrici, in mezzo alla crescente concorrenza nel settore e al calo dell’entusiasmo dei consumatori.

Questa settimana Elon Musk ha affermato che la società ha deciso di accelerare lo sviluppo del suo modello di auto elettrica “conveniente”, che dovrebbe costare 25.000 dollari, con la produzione che probabilmente inizierà nella prima metà del 2025. Le azioni di Tesla sono aumentate alla notizia, balzando del 17 per cento. centesimo dopo l’annuncio degli utili martedì. Ma le azioni della società sono ancora in ribasso del 31% dall'inizio dell'anno.

Tesla rimane la casa automobilistica di maggior valore al mondo, con un rapporto prezzo/utili di 41. I rivali Ford, BMW e Volkswagen non si avvicinano a questo multiplo allettante.

Ma una sfida importante per Tesla – e un fattore chiave dietro il calo del prezzo delle sue azioni – è che le sue auto non sono più gli unici veicoli elettrici di qualità in circolazione.

In Cina, Tesla sta perdendo terreno rispetto ai rivali che producono veicoli elettrici più piccoli ed economici. Questi includono il leader di mercato BYD, la cui auto Seagull viene venduta per meno di $ 10.000.

Dal 2022, Tesla ha abbassato il prezzo del suo veicolo utilitario sportivo Model Y di circa $ 20.000. In questo periodo i prezzi delle batterie negli Stati Uniti sono scesi solo di circa 3.000 dollari, ha affermato l’Agenzia internazionale per l’energia in un rapporto di questa settimana. La pressione sui prezzi ha pesato sui profitti di Tesla. Il suo margine operativo è sceso al 9,2% nel 2023, rispetto al 17 del 2022.

La forte concorrenza e i minori profitti stanno colpendo anche le aziende della catena di fornitura dei veicoli elettrici, in particolare i produttori di batterie. Il mese scorso, CATL, il più grande produttore mondiale di batterie per veicoli elettrici, ha subito il primo calo dei profitti trimestrali in quasi due anni a causa del rallentamento della crescita e della forte concorrenza.

Anche i consumatori sono diventati diffidenti nei confronti dei veicoli elettrici. Secondo JD Power, nei primi tre mesi del 2024 la crescita delle vendite di veicoli elettrici è rallentata e la percentuale di auto elettriche in circolazione è diminuita. I problemi di ricarica dei veicoli elettrici pesavano sulle case automobilistiche, ha affermato JD Power in un rapporto del mese scorso.

“I veicoli elettrici rappresentano ancora una parte chiara della road map del prodotto. Ciò non è cambiato. Ma chiaramente c’è qualche svolta in relazione ai tempi, agli investimenti e all’approccio per raggiungerli”, mi ha detto Dan Levy, un analista di Barclays.

Ma una Tesla economica che costa circa 25.000 dollari “porterà una maggiore adozione dei veicoli elettrici” nel complesso, ha detto l’analista di Morningstar Seth Goldstein.

Non è noto per pensare in piccolo, ma per promuovere la prossima era di crescita di Tesla dovrà farlo. (Patrick Temple-Ovest)

REGOLAMENTO

Il Parlamento europeo approva misure ambientali fondamentali

La plenaria del Parlamento europeo di questa settimana a Strasburgo ha segnato l'ultima sessione di un mandato quinquennale in cui le questioni ambientali sono passate al centro dell'agenda europea. I legislatori hanno sfruttato l'opportunità per approvare una serie di leggi che potrebbero avere difficoltà a progredire dopo le elezioni europee di giugno, quando i sondaggisti si aspettano uno spostamento a destra.

Una nuova notevole serie di misure incentrate sugli imballaggi. Questi articoli includevano il divieto di alcuni imballaggi in plastica monouso (compresi frutta e verdura non trasformata) a partire dal 2030 e il requisito che tutti gli imballaggi in plastica dovessero essere riciclabili.

I legislatori hanno anche approvato un regolamento che vieta i prodotti realizzati con il lavoro forzato e conferisce agli Stati membri e alla Commissione europea nuovi poteri per indagare sui beni e sulle catene di approvvigionamento.

La legislazione più importante approvata questa settimana è stata la Direttiva sulla due diligence sulla sostenibilità aziendale, che impone alle aziende di monitorare e riferire sui rischi sociali e ambientali e di agire sui problemi che scoprono.

Dopo le resistenze – in particolare da parte degli alti funzionari tedeschi – la direttiva è stata rivista per ridurre il numero di aziende che ne saranno soggette, e la sua attuazione sarà graduale nell’arco di diversi anni. Ma il CSDDD sembra ancora un atto legislativo fondamentale che costringerà le grandi aziende che operano nell’UE – comprese un gran numero di quelle non europee – a controllare più da vicino le proprie catene di approvvigionamento. (Simon Mundy)

Obbligazioni verdi

I nuovi emittenti obbligazionari sul blocco

Un afflusso di nuovi attori sta entrando nello spazio delle emissioni obbligazionarie sostenibili. Il mese scorso, l’Islanda ha emesso il suo primo green bond sovrano, raccogliendo 750 milioni di euro in un’offerta benchmark denominata in euro a 10 anni.

Sebbene il settore energetico del paese sia già notevolmente verde – producendo oltre il 99% della sua energia da fonti rinnovabili come l’idroelettrico e il geotermico – fa ancora affidamento sui combustibili fossili per i trasporti, tra gli altri settori.

“Anche se non usiamo carbone, non usiamo gas, importiamo comunque petrolio dai nostri amici in Norvegia”, ha detto a Moral Money l’ex ministro delle finanze Thórdís Kolbrún Reykfjörd Gylfadóttir. L’Islanda prevede di destinare i nuovi finanziamenti alla decarbonizzazione dei settori della sua economia che ancora dipendono dai combustibili fossili, compresi i trasporti e il settore chimico.

Secondo S&P Global, si prevede che le emissioni di obbligazioni verdi, sociali, sostenibili e legate alla sostenibilità, note anche come GSSSB, raggiungeranno più di 1 trilione di dollari nel 2024. Questa categoria di obbligazioni ha lentamente ma inesorabilmente rappresentato una quota crescente delle emissioni obbligazionarie totali, passando dal 5% nel 2019 al 13% nel 2023. S&P prevede che tale quota raggiunga il 14% quest’anno.

Ci sono diversi fattori che supportano questo aumento. In primo luogo, le emissioni sovrane sembrano essere in crescita. Nel 2023, le emissioni sovrane di GSSSB sono aumentate del 52%, raggiungendo i 160 miliardi di dollari, mostrano i dati di S&P Global.

Gli emittenti europei rappresentano la parte del leone tra i GSSSB, ma nuovi attori si stanno affacciando. Anche la composizione dei GSSSB sta cambiando. I green bond eclissano tutte le altre categorie, ma i social bond stanno iniziando a detenere una quota crescente della torta. Questa evoluzione potrebbe essere un altro fattore che contribuisce a rafforzare l’emissione di obbligazioni.

La Mongolia fornisce un esempio: nel 2023 ha emesso per la prima volta i suoi primi green bond e obbligazioni specifiche per genere.

“C'è sicuramente domanda in quest'area”, mi ha detto il ministro del lavoro e della protezione sociale della Mongolia, Khurelbaatar Bulgantuya.

Tuttavia, la mancanza di regolamentazione ha ostacolato l’emissione di obbligazioni sulla borsa mongola, ha osservato Bulgantuya. L’obbligazione di genere emessa lo scorso anno dalla piattaforma svizzera di investimento ad impatto Symbiotics Group, ad esempio, è stata quotata alla Borsa del Lussemburgo.

“Prima di tutto dobbiamo espandere la borsa nazionale per poter soddisfare le emissioni obbligazionarie sia delle piccole che delle grandi imprese”, ha affermato, aggiungendo che il Ministero delle Finanze sta lavorando a una nuova legge che contribuirebbe a rendere le emissioni obbligazionarie più attraenti. agli investitori.

Esistono esempi in Tanzania, dove il paese ha creato un ambiente più favorevole alle emissioni obbligazionarie sostenibili.

“Qui, un investitore al dettaglio può investire solo 200 dollari, e questo ha creato un enorme slancio da parte del settore informale”, ha affermato Peter Malika, consulente tecnico e capo del Fondo delle Nazioni Unite per lo sviluppo del capitale in Tanzania. Ciò ha contribuito a rendere vivace la borsa di Dar es Salaam, ha aggiunto.

Il mese prossimo, la Tanga Urban Water Supply and Sanitation Authority, un servizio idrico locale della Tanzania, emetterà il primo green bond subnazionale dell’Africa orientale. L’azienda ha collaborato con l’UNCDF per emettere l’obbligazione, che riguarderà progetti di infrastrutture idriche, come l’espansione della capacità di distribuzione e trattamento.

Per questa prossima obbligazione, gli emittenti mirano ad accogliere il maggior numero possibile di investitori al dettaglio. “Sarà sottoscritto principalmente da investitori istituzionali, ma ci aspettiamo che circa il 5%” provenga da investitori al dettaglio, ha affermato Stella Lyatuu, responsabile degli investimenti presso l'UNCDF.

Se l’emissione di obbligazioni può dimostrare di poter essere un’integrazione efficace al finanziamento dello sviluppo, Malika si aspetta che altri paesi africani seguano l’esempio. A causa della popolazione giovane del continente, “cerchiamo soluzioni contro la disoccupazione, l'urbanizzazione. . . è qui che questi tipi di obbligazioni giocheranno un ruolo importante”, ha affermato. (Kaori Yoshida, Nikkei e Lee Harris)

Lettura intelligente

I piccoli reattori nucleari hanno ricevuto molta pubblicità, ma devono affrontare sfide normative sostanziali mentre lottano per l’approvazione. I nostri colleghi del team energetico spiegano cosa c'è dietro questo blocco.