Mar. Lug 16th, 2024
I prezzi del cacao crollano mentre si attenuano i timori sui raccolti africani

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Giovedì i futures del cacao sono scesi per il sesto giorno consecutivo, registrando la serie di perdite più lunga dal 2022, poiché il miglioramento del clima nella principale regione di coltivazione dell’Africa occidentale mitiga l’impennata record dei prezzi.

I contratti futures più attivi a New York sono crollati del 5,6% a 7.361 dollari la tonnellata, e il suo equivalente londinese ha perso il 10,3% a 7.010 sterline la tonnellata, poiché le crescenti speranze che i raccolti in Ghana e Costa d’Avorio possano riprendersi nella prossima stagione innescano una vendita. -spento.

“Il mercato rialzista del cacao durato anni potrebbe essere finalmente terminato, poiché i prezzi sono scesi abbastanza da innescare le nostre regole di liquidazione della gestione del rischio”, ha affermato Eric Crittenden, responsabile degli investimenti di Standpoint Asset Management, nel suo ultimo aggiornamento mensile.

I futures del cacao a New York e Londra sono raddoppiati in valore raggiungendo livelli record quest’anno, con i prezzi di New York che hanno superato i 12.000 dollari a tonnellata in aprile mentre il maltempo e le malattie hanno devastato i raccolti in Ghana e Costa d’Avorio, dove vengono coltivati ​​due terzi delle fave di cacao del mondo. e gli hedge fund si sono accumulati sul mercato.

Anche i due paesi dell'Africa occidentale, che stabiliscono i prezzi per gli agricoltori e vendono contratti a termine ai commercianti per la consegna dei fagioli, non sono riusciti a soddisfare gli ordini per centinaia di migliaia di tonnellate di fagioli.

Carlos Mera, responsabile delle materie prime agricole presso Rabobank, ha affermato che i picchi dei prezzi di quest'anno sono stati causati non solo dai raccolti “incredibilmente bassi” nell'Africa occidentale, ma anche dal fatto che “è stato venduto più cacao di quello esistente”.

Anni di prezzi bassi hanno impedito agli agricoltori a corto di denaro di investire nel miglioramento delle vecchie piantagioni.

Mera ha detto che il Ghana aveva prodotto solo 500.000 tonnellate delle 800.000 tonnellate che aveva contrattato per vendere ai grandi trasformatori alimentari del mondo, e il resto doveva essere ribaltato per la consegna alla stagione successiva. Con l'aumento del prezzo, “molti acquirenti fisici hanno dovuto riacquistare le loro coperture corte”, ha aggiunto.

Ma ha detto che il mercato si aspetta di vedere “una certa ripresa” nei raccolti del Ghana e della Costa d'Avorio dopo l'arrivo delle piogge stagionali. Anche nuove piantagioni in paesi come l’Ecuador aiuterebbero a soddisfare la domanda globale, ha affermato.

Mentre il prezzo scende rispetto al massimo storico di aprile, gli hedge fund hanno ridotto le loro scommesse sul proseguimento del mercato rialzista. Secondo i dati della Commodity Futures Trading Commission degli Stati Uniti, le posizioni lunghe nette sono scese a 25.675 contratti a New York nella settimana terminata il 18 giugno, rispetto ai 70.661 di fine gennaio.

Tuttavia, ADM Investor Services, una società di intermediazione britannica, ha affermato che “la situazione non è ancora fuori pericolo”.

“Il commercio è in attesa dei risultati dei sondaggi sul conteggio dei baccelli, che arriveranno entro la fine dell'estate”, ha affermato Mark Bowman, analista di ADM.

Ha aggiunto che il conteggio settimanale degli arrivi di raccolti freschi in Costa d'Avorio è ancora in calo. Ha totalizzato 15.000 tonnellate per la settimana terminata il 23 giugno, in calo rispetto alle 25.000 della settimana precedente e alle 30.000 di un anno fa.