Mar. Giu 18th, 2024
I primi ETP sulle criptovalute del Regno Unito verranno lanciati il ​​28 maggio

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

I primi prodotti negoziati in borsa di criptovaluta del Regno Unito inizieranno finalmente a essere negoziati la prossima settimana, quasi un decennio dopo la comparsa dei primi veicoli di questo tipo in Svezia.

WisdomTree e 21Shares hanno ricevuto il via libera dalla Financial Conduct Authority, l'autorità di regolamentazione della City, per quotare gli ETP che investono in bitcoin ed etere spot “fisici”, i due token digitali più popolari, sulla Borsa di Londra il 28 maggio.

Tuttavia, gli ETP – che fanno parte di una raffica di veicoli simili che dovrebbero essere quotati sulla LSE – saranno disponibili solo per gli investitori professionali perché la FCA ha stabilito che “i derivati ​​crittografici non sono adatti per i consumatori al dettaglio a causa del danno che rappresentano”. ”.

Questa posizione è in netto contrasto con le borse di gran parte dell’Europa continentale, nonché di Australia, Brasile, Canada, Hong Kong e Stati Uniti, che offrono ETP crittografici sia agli investitori al dettaglio che a quelli istituzionali.

Secondo i documenti normativi, gli ETF spot bitcoin quotati negli Stati Uniti vantano già un patrimonio complessivo di 50 miliardi di dollari, nonostante siano stati lanciati solo a gennaio, di cui circa l'80% detenuto da investitori al dettaglio.

È noto che una serie di altri gestori di ETP crittografici, tra cui ETC Group e CoinShares, hanno chiesto di quotare i veicoli sulla LSE, idealmente anche il 28 maggio se ricevono in tempo l'approvazione normativa da parte della FCA.

“L'approvazione da parte della FCA del prospetto dei nostri ETP sulle criptovalute rappresenta un significativo passo avanti per il settore e per gli investitori professionali con sede nel Regno Unito che cercano esposizione all'asset class”, ha affermato Alexis Marinof, responsabile Europa di WisdomTree, che gestisce 111 miliardi di dollari a livello globale.

“Sebbene gli investitori professionali con sede nel Regno Unito siano stati in grado di allocare in ETP crittografici tramite borse estere, presto avranno un punto di accesso più conveniente. L’approvazione della FCA a questo riguardo potrebbe comportare una maggiore adozione istituzionale della classe di attività, poiché molti investitori professionali non sono stati in grado di ottenere esposizione al bitcoin e ad altre criptovalute a causa di limitazioni normative e incertezza”, ha aggiunto.

Gli ETP Physical Bitcoin (BTCW) e Physical Ethereum (ETHW) di WisdomTree avranno commissioni dello 0,35%, le stesse dei veicoli equivalenti quotati in una serie di borse dell'Europa continentale.

Ophelia Snyder, co-fondatrice di 21 Shares, che effettuerà un cross-list dei suoi ETP Staking su Bitcoin ed Ethereum esistenti nel Regno Unito, con commissioni dell'1,49%, ha dichiarato: “Londra ospita uno dei mercati dei capitali più profondi e liquidi del mondo – dove esiste un comprovato interesse istituzionale per le criptovalute.”

Tutti i fondi crittografici quotati nel Regno Unito saranno costruiti come titoli negoziati in borsa, una struttura comune in tutto il mercato europeo delle criptovalute. La FCA ha approvato solo veicoli che investono in bitcoin ed etere e che non sono dotati di leva finanziaria e sono garantiti fisicamente.

Nonostante il divieto per gli investitori al dettaglio, gli emittenti continuano a sperare che ci sarà un interesse sufficiente tra gli investitori professionali con sede nel Regno Unito per rendere utile la quotazione incrociata dei loro ETP a Londra.

Più di 900 investitori istituzionali hanno acquisito partecipazioni in ETF spot bitcoin quotati negli Stati Uniti, mostrano i documenti della SEC, suggerendo che potrebbe esserci un pubblico anche per gli ETN che sono vietati agli investitori al dettaglio.

“Gli hedge fund e i piccoli family office hanno sempre avuto appetito [for crypto ETFs]. Le banche private e i gestori di fondi discrezionali sono un po’ più titubanti, ma vogliono prendere in considerazione questa asset class. Anche i gestori multi-asset lo stanno prendendo in considerazione”, ha affermato Ravinder Azad, responsabile delle vendite nel Regno Unito presso WisdomTree. La società ha attirato 14 investitori istituzionali a un webinar sulle criptovalute nel Regno Unito all'inizio di quest'anno, ma secondo Azad ha già registrato più di 140 iscrizioni per un evento successivo a giugno.

Il Global ETF Investor Survey 2024 di Brown Brothers Harriman, pubblicato questa settimana, ha rilevato che negli Stati Uniti, in Europa e nella Grande Cina, un numero maggiore di investitori istituzionali ha dichiarato di essere ottimista sulle prospettive degli asset digitali rispetto a qualsiasi altra classe di asset nei prossimi 12 mesi.

Tuttavia, un emittente di ETF crittografici che non ha intenzione di quotare un prodotto nel Regno Unito mentre gli investitori al dettaglio rimangono vietati ha dichiarato al FT: “Stai lanciando un prodotto che non è universale. Deve essere universale. Questo è il principio alla base degli ETF ovunque”.