Lun. Giu 24th, 2024
Il rendimento del decennale giapponese supera l'1% per la prima volta in 11 anni

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Mercoledì il rendimento dei titoli di stato giapponesi a 10 anni è salito sopra l'1% per la prima volta in 11 anni, mentre gli investitori si preparavano a costi di finanziamento più elevati come parte dello storico cambiamento di politica della banca centrale.

Nelle ultime settimane, gli investitori hanno aumentato le loro scommesse sul fatto che la Banca del Giappone alzerà ulteriormente i tassi di interesse e inizierà a ridurre i suoi acquisti di debito pubblico dopo aver posto fine a otto anni di tassi negativi a marzo.

Mercoledì il costo dei prestiti a 10 anni di riferimento nella più grande economia avanzata dell'Asia è salito fino all'1,005%, un livello che non si vedeva da maggio 2013.

Il rendimento è aumentato costantemente dal 13 maggio, quando la BoJ ha sorpreso i mercati acquistando un importo inferiore al previsto di titoli di stato giapponesi con scadenza da cinque a dieci anni durante le sue normali operazioni.

A marzo la banca centrale ha abbandonato la sua politica di utilizzare gli acquisti per limitare i costi di finanziamento a 10 anni, ma ha continuato ad acquistare debito pubblico per evitare di causare shock ai mercati finanziari. Il governatore Kazuo Ueda ha precedentemente affermato che la banca centrale non aveva piani immediati per modificare l’entità dei suoi acquisti di obbligazioni.

Ma la BoJ è stata messa sotto pressione per inasprire la sua politica volta ad arrestare la caduta dello yen al minimo di 34 anni, anche se si ritiene che le autorità giapponesi abbiano condotto molteplici interventi per sostenere la valuta.

Kaoru Shoji, stratega dei tassi presso SMBC Nikko Securities, ha affermato che il recente aumento dei rendimenti del debito a lungo termine è un segnale che la BoJ sta allentando la presa sui mercati obbligazionari dopo aver trascorso anni a limitare i rendimenti a zero.

“C'è preoccupazione che la BoJ ridurrà i suoi acquisti di obbligazioni a un ritmo più veloce del previsto e questo sarà probabilmente il principale motore dell'aumento dei rendimenti”, ha detto Shoji.

Sebbene la BoJ possa acquistare obbligazioni in quantità minori, è improbabile che sospenda del tutto gli acquisti di asset o addirittura inizi a vendere asset. Invece, i funzionari pensano di poter fare affidamento sulle obbligazioni in loro possesso in scadenza per ridurre gradualmente il vasto portafoglio della banca centrale.

Le scadenze annuali del portafoglio ammonteranno a circa 70 trilioni di yen (447 miliardi di dollari) nei prossimi anni. Con la BoJ che acquista obbligazioni a malapena a quel ritmo, piccoli aggiustamenti al programma di acquisto potrebbero portare il portafoglio in declino.

In un rapporto all’inizio di questo mese, Goldman Sachs ha dichiarato di aspettarsi che la BoJ alzi il suo tasso di riferimento all’1,5% entro il 2027 e che i rendimenti dei titoli a 10 anni raggiungano il 2% entro la fine del 2026.