Sab. Mag 18th, 2024
I problemi dei trust di investimento rappresentano un’opportunità

I fondi comuni di investimento esistono dal 1868, e in quel periodo hanno resistito alle guerre mondiali, alla Grande Depressione, alle recessioni degli anni ’70, alla crisi finanziaria del 2008 e alla pandemia. Ora alcuni colleghi della Camera dei Lord temono che un capriccio della regolamentazione possa essere la loro rovina.

Come? Dipende tutto dal modo in cui la Financial Conduct Authority (FCA) gestisce due atti legislativi dell'UE, noti come Mifid e PRIIPS, due acronimi (che stanno per Direttiva sui mercati degli strumenti finanziari e Prodotti preconfezionati per investimenti al dettaglio e prodotti assicurativi). . Questi tendono a far inciampare coloro che lavorano nei servizi finanziari con una tale regolarità che a volte può sembrare di avere una conversazione con Beaker da I Muppet.

Il modo in cui la FCA interpreta questi atti legislativi obbliga i fondi di investimento a segnalare i propri costi nello stesso formato dei fondi aperti. Il risultato è che i fondi comuni di investimento sembrano più costosi di quanto non siano in realtà.

Diamo un'occhiata al Temple Bar Investment Trust. È popolare per il suo approccio di investimento di valore: la strategia di acquistare le azioni di una società per un prezzo inferiore al loro valore reale.

Nel rapporto e nei conti di Temple Bar, le spese correnti – che esprimono le commissioni di gestione e le spese operative della società – ammontano allo 0,56%. Ma se si guarda al Key Information Document (KID), ideato dalle autorità di regolamentazione per aiutare gli investitori a prendere decisioni di investimento più informate, l’impatto annuale dei costi sul rendimento è dell’1,48%; e se esci dopo cinque anni pagherai £ 712 in totale su un investimento di esempio di £ 10.000.

Non c’è da meravigliarsi che praticamente tutti i soggetti coinvolti nel settore, 359 aziende – che rappresentano un patrimonio totale di 275 miliardi di sterline – vogliano tornare al 2018, prima dell’arrivo della Mifid e del PRIIPS.

Doug Brodie, amministratore delegato di Chancery Lane Retirement Income Planning, afferma: “Ci sono 173 parole nei 10 comandamenti, 266 nel discorso di Gettysburg. . . Ci sono 1.034 parole nel Documento contenente le informazioni chiave di Temple Bar. Scommetto che non riesci a trovare una persona nella FCA, nel Financial Ombudsman Service, nell'Associazione delle società di investimento, un parlamentare o qualsiasi persona in una società di investimento che confermi che ciò è chiaro e rilevante per ogni investitore al dettaglio che considera un fondo di investimento.

Questi parametri vanno bene per le commissioni dei fondi aperti, che detraggono le commissioni di gestione quando il prezzo unitario giornaliero viene aggiornato. Ma per i fondi comuni di investimento, commissioni e costi riducono semplicemente il valore patrimoniale netto in cui un investitore ha una partecipazione possedendo azioni. Gli investitori pagheranno anche le commissioni di negoziazione degli intermediari e le imposte di bollo per possedere tali azioni.

Come la maggior parte degli investitori, i miei occhi si velano quando leggo un KID. Sono molto più rassicurato dal rapporto e dai conti di Temple Bar: “Il rapporto sulle spese correnti della società è rimasto relativamente costante e regge favorevolmente il confronto con i concorrenti nel settore dei redditi azionari delle società fiduciarie di investimento del Regno Unito.”

Ricordiamo che i fondi comuni di investimento sono società in cui gli investitori acquistano azioni. Come investitore, sono più interessato al prezzo delle azioni del fondo fiduciario e al dividendo che paga. Se investessi in azioni Legal & General, non prenderei necessariamente in considerazione i costi operativi della divisione investimenti o i costi tecnologici. Ma questo è ciò che le “divulgazioni sui costi” del regolatore ti chiedono di fare, semplicemente perché esiste l'obbligo di confrontare i fondi comuni di investimento con i fondi aperti.

È una posizione ridicola e l'Associazione delle società di investimento (AIC) sta facendo forti pressioni per il cambiamento, questa settimana chiedendo al Tesoro di annunciare la sua decisione sull'opportunità che le società di investimento debbano essere trattate come investimenti compositi di consumo (CCI) – il Tesoro ha terminato la consultazione su questo a gennaio, e afferma che la politica è “quasi finale”, e determinerà i requisiti di informativa che si applicheranno a tutti i fondi commercializzati agli investitori al dettaglio del Regno Unito.

L’AIC afferma che rimuovere le società di investimento dal regime CCI è “il modo più rapido” per risolvere i problemi.

Ma cosa è realmente in gioco qui? La commissione della Camera dei Lord sostiene che i costi fuorvianti stanno scoraggiando gli investitori dal investire fino a 7 miliardi di sterline all’anno in fondi di investimento – “denaro che alcuni dei fondi più focalizzati sul mercato interno potrebbero incanalare nell’economia del Regno Unito”. Il comitato chiede una riforma in modo che i fondi di investimento possano inserire zero nella colonna appropriata per le spese correnti dei fondi.

Tuttavia, quando ho chiesto all'AIC la prova di come l'informativa sui costi incide sul settore, ha indicato cambiamenti negli sconti e negli azionisti.

I trust possono essere negoziati con uno sconto o un premio rispetto al valore patrimoniale netto sottostante. Gli sconti si sono ampliati notevolmente, ma non è tutta colpa del confronto dei costi. L’AIC ammette che anche i tassi di interesse più elevati e gli investitori che si spostano dai fondi comuni di investimento alle obbligazioni hanno avuto un impatto sull’ampliamento degli sconti.

Nel frattempo, i dati AIC mostrano uno spostamento marginale degli azionisti dai gestori patrimoniali alle istituzioni – un aumento della quota di 1 punto percentuale da dicembre 2022 al 2023. Ciò è in gran parte dovuto ai movimenti nella base azionaria dei trust di energia rinnovabile e infrastrutture.

Penso che il declino del settore sia stato in qualche modo eccessivo. Infatti, nel 2021, gli investitori hanno dato un voto di fiducia ai fondi d’investimento, incrementando le attività del settore nel Regno Unito alla cifra record di 277,6 miliardi di sterline (333 miliardi di euro). Questo nonostante il problema della divulgazione dei costi continui.

Inoltre, le autorità di regolamentazione hanno formato proiezioni fuorvianti per prodotti che hanno funzionato bene per i clienti. I consulenti finanziari ricordano esempi di investimenti basati su un rendimento minimo del 4% anche quando gli investitori in quel momento si trovavano in un fondo di liquidità che rendeva poco più dell’1-2%. Oppure l’assicuratore Royal Sun Alliance deve includere un volantino stampato separato con le illustrazioni dei profitti che spiegano che la proiezione regolamentata non aveva senso (e perché).

Come investitore al dettaglio, adotterò una prospettiva più ottimistica. Se l’autorità di regolamentazione continua a imporre il suo approccio “one size fits all”, facendo sembrare poco attraenti i costi dei fondi fiduciari di investimento, potrebbe esserci un’opportunità.

Un gruppo abbastanza esclusivo di investitori fa affidamento su di loro per la pensione. Trarre il “reddito naturale” dai fondi comuni di investimento è una strategia collaudata che solo una manciata di consulenti finanziari consiglia.

Se puoi acquistare un fondo d'investimento con uno sconto del 10% e le sue attività sottostanti rispecchiano quelle di un fondo aperto che rende il 3%, otterrai un rendimento del 3,33% per lo stesso denaro investito nell'investimento. fiducia, a causa del dividendo.

Quindi, se non siete ancora entrati a far parte del fan club dei trust di investimento, forse è giunto il momento, prima che la riforma richiesta dai Lord avvenga effettivamente e gli sconti (forse) si assottiglino sul campo.

Moira O'Neill è una scrittrice freelance di denaro e investimenti. X: @MoiraONeillInstagram @MoiraOnMoneye-mail: moira.o'[email protected]