Sab. Apr 13th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Mercoledì i titoli cinesi del gioco d’azzardo hanno riguadagnato terreno dopo che Pechino sembrava aver ammorbidito la sua retorica sul settore sulla scia delle nuove normative per il più grande mercato di gioco del mondo che hanno innescato una svendita record la scorsa settimana.

Le azioni di Tencent sono crollate di oltre il 12% venerdì dopo che le autorità di regolamentazione hanno scosso i mercati con un piano per frenare la quantità di denaro e tempo che gli adulti spendono giocando ai giochi online – un promemoria per gli investitori dei rischi derivanti da politiche imprevedibili nella seconda economia più grande del mondo. .

Ma hanno recuperato parte di quelle perdite, aumentando di oltre il 5% a Hong Kong mercoledì, nella loro prima sessione di negoziazione dopo che la retorica ufficiale sembrava ammorbidire la posizione di Pechino. Il rivale NetEase è cresciuto di circa il 10% dopo aver chiuso la sessione precedente in ribasso di quasi un quarto.

Dopo la disfatta di venerdì, la National Press and Publication Administration, l’autorità cinese di regolamentazione dei giochi, ha cercato di placare le preoccupazioni, approvando il rilascio di una serie di nuovi giochi e dichiarando sabato che avrebbe studiato le risposte ai suoi piani per frenare la monetizzazione dei giochi e supportare “sano sviluppo” del settore.

Zhang Xueqing, analista della China International Capital Corporation, uno dei principali intermediari cinesi, ha affermato che la dichiarazione del regolatore dovrebbe “calmare le preoccupazioni dei mercati dei capitali” e ha mostrato un atteggiamento più “gentile” da parte di Pechino.

Tuttavia, analisti e gestori di fondi hanno affermato che la debole ripresa ha evidenziato le preoccupazioni sull’incertezza politica in Cina.

Liqian Ren, che gestisce gli investimenti in Cina presso WisdomTree Asset Management, un fondo con sede negli Stati Uniti, ha affermato che molti investitori focalizzati sulla Cina si sono concentrati sui macro trend nel settore immobiliare e dei consumi, e hanno preso “sulla base di questa narrativa” che il rischio normativo per le piattaforme tecnologiche aveva si placò. In questo contesto, l’annuncio di venerdì è stato un grande shock.

“Le persone stanno decisamente rivalutando lo sconto che dovrebbe essere concesso per queste improvvise regolamentazioni. . . la svendita fa parte di questa rivalutazione più ampia”, ha affermato. “I mercati dei capitali semplicemente non amano le sorprese”.

Robin Zhu, analista del settore dei giochi presso Bernstein a Hong Kong, ha descritto in una nota la svendita di venerdì come “L’incubo prima di Natale” e ha avvertito che l’impatto sugli sviluppatori di giochi più piccoli potrebbe essere peggiore rispetto a gruppi più grandi come Tencent e NetEase.

Molti gruppi più piccoli hanno cessato le attività quando Pechino ha smesso di approvare nuove licenze di gioco per quasi un anno nel 2021. “Non ci sorprenderebbe se una rigorosa attuazione delle [Friday’s] il progetto di consultazione ha un impatto simile (forse è un bene che i dati sulla disoccupazione giovanile non vengano più pubblicati)”, ha scritto.

Zhu ha aggiunto che, sebbene i mercati abbiano probabilmente reagito in modo eccessivo alle proposte di venerdì, “quasi ogni reazione sembra giustificabile nel momento presente, data la vaghezza della bozza di consultazione e il track record dei politici cinesi negli ultimi anni”.

L’industria cinese dei giochi online è la più grande al mondo, con un fatturato annuo di circa 45 miliardi di dollari proveniente da 650 milioni di utenti.

Gli analisti di Morgan Stanley erano meno preoccupati per il colpo subito dal settore. In una nota si legge che negli ultimi cinque anni le autorità di regolamentazione hanno rallentato il ritmo del rilascio di nuovi giochi, limitato i contenuti e limitato l’uso da parte dei minori. Tuttavia, l’ondata di normative alla fine ha avuto un “impatto minimo sul settore”, che ha visto i ricavi aumentare di quasi il 50% dal 2017, da 204 miliardi di Rmb (28,5 miliardi di dollari) a 305 miliardi di Rmb quest’anno.

Gli analisti della banca hanno aggiunto che le grandi aziende, attraverso “innovazione” o “soluzioni alternative”, potrebbero mitigare il rischio derivante dalle ultime proposte normative.

Tuttavia, quest’anno il mercato azionario cinese ha nettamente sottoperformato i suoi omologhi globali sulla scia di una deludente ripresa economica dopo anni di dure restrizioni zero-Covid e di una continua crisi di liquidità tra gli sviluppatori immobiliari di importanza sistemica. L’indice MSCI China è destinato a chiudere l’anno in ribasso di oltre il 17%, rispetto a un rialzo di oltre il 24% per l’indice S&P 500 negli Stati Uniti.

Gary Ng, economista senior presso la banca d’investimento Natixis, ha affermato che le ultime normative sul gioco d’azzardo hanno “scatenato il timore” tra gli investitori che il periodo di giro di vite normativo non sia finito, indebolendo gli sforzi della Cina per attirare maggiori investimenti esteri.

“Potrebbe essere noioso parlare ancora e ancora di rischio politico, ma questo è davvero il fattore principale dietro il debole sentiment di Hong Kong e degli asset legati alla Cina, in particolare le azioni”, ha affermato, aggiungendo: “Perché gli investitori dovrebbero tornare dall’Asia? mercati, come il Giappone e l’India, se avessero tutti una storia migliore da raccontare?”